fbpx
Venerdì, 21 Giugno 2024

ATTUALITA' NEWS

Due nidi di tartarughe sulle coste del Crotonese: la scoperta di un turista a Crucoli

Posted On Sabato, 02 Settembre 2023 13:21 Scritto da Giuliano Carella

La costa ionica calabrese, e più in particolare quella ricadente nel territorio della provincia di Crotone, si conferma meta prediletta per la nidificazione delle tartarughe marine (Caretta caretta).

L'ultima scoperta, in tale senso, è avvenuta ieri mattina intorno alle ore 11 sulla spiaggia di Crucoli. A compierla, quasi incidentalmente, è stato Demetrio Baffa Trasci Amalfitani, originario del luogo, che si è imbattuto in un nido non censito per la nidificazione mentre passeggiava sull'arenile. È stato così che ha notato un piccolo esemplare del carapace marino che, a stento, stava intraprendendo la via “maestra”.
Demetrio, che nella vita è un genealogista e consultore per il meridione dell’Annuario della nobiltà italiana (è un discendente delle famiglia dei marchesi di Crucoli), vive da anni ormai a Napoli con la propria famiglia, ma ogni estate frequenta Torretta di Crucoli per le vacanze. Quando si è accorto della scoperta ha subito avvertito il 1530 (Sala operativa Guardia costiera) come si deve fare in questi casi. Sul posto sono quindi intervenuti due uomini della capitaneria assieme al direttore sanitario del centro di recupero per le tartarughe del Wwf a Isola Capo Rizzuto, Giuseppe Bruno.
Nel frangente è stato dunque chiamato in causa il presidente della sezione Wwf Crotone, Paolo Asteriti, che, a sua volta, si è subito coordinato con il volontario specializzato Silvio Cimbalo, poi intervenuto sul luogo assieme a un gruppo di volontari dell'associazione animalista per la costruzione del “campo-corridoio” per la schiusa delle uova.
«Faccio davvero i complimenti – dichiara Demetrio Baffa Trasci Amalfitani – a tutta la sezione del Wwf di Crotone, mi hanno veramente stupito e reso orgoglioso da calabrese per la qualità e la tempestività dell'intervento».
Solo 24 ore prima, un altro nido non censito, era stato individuato dai volontari del Wwf di Crotone sulla spiaggia di Le Cannella a Isola Capo Rizzuto. A questi si aggiunge il nido in schiusa di Catanzaro Lido. E ancora altri due, uno a Soverato e l'altro a Botricello che a breve si chiuderanno, «Per fortuna – fa sapere il Wwf di Crotone tramite la sua pagina Facebook - sono in arrivo 12 stranieri ad aiutarci. Ricordiamo, a chi non ci conosce, che non percepiamo compensi per quello che facciamo, eppure dopo una notte in tenda a godere dello spettacolo della nascita dei piccoli ci sentiamo molto più ricchi».