Sei qui: HomeATTUALITA'Furti, danneggiamenti ed episodi di violenza: la comunità di Cotronei non ci sta

Furti, danneggiamenti ed episodi di violenza: la comunità di Cotronei non ci sta

Scritto da  Pubblicato in Attualita' Sabato, 10 Gennaio 2015 15:14

cotronei incendio«La comunità di Cotronei - scrive l'amministrazione comunale - è unita e condanna con forza gli episodi di microcriminalità e vandalismo che si sono verificati negli ultimi giorni. Il concetto è stato ribadito nel corso di un incontro convocato ieri sera presso la sala conferenze del Comune dal sindaco Nicola Belcastro, alla quale hanno preso parte le rappresentanze politiche, i capigruppo in Consiglio comunale, le associazioni, la chiesa, il mondo dello sport ed altri. Un momento di incontro - spiega la nota- voluto per fare il punto della situazione, confrontarsi e concordare una serie di iniziative da promuovere proprio in contrasto a quanto accaduto: i furti in appartamento, il taglio di piante di ulivo ai danni di alcuni cittadini, le gomme bucate e poi l'incendio che ha distrutto tre automobili lungo la via principale del paese». «La frequenza con la quale si sono verificati questi episodi - ha commentato il primo cittadino - e il fatto che si siano concentrati in pochi giorni, hanno preoccupato, e non poco, la comunità. Dopo aver analizzato i fatti, con gli organi deputati al controllo del territorio, mi sento di rassicurare i miei concittadini: non si tratta di un problema di criminalità organizzata, ma piuttosto di tanti episodi singoli e slegati tra loro che si sono concentrati in un breve periodo. In ogni caso - ha proseguito Belcastro - da parte dell'Amministrazione non c'è alcuna intenzione di sottovalutare la situazione, ma di gestire il momento con equilibrio e fermezza, senza isterismi e qualunquismi». Nel corso dell'assemblea si è per tanto deciso di portare avanti una serie di iniziative, a partire da quelle proposte dal parroco don Francesco Spadola nel suo intervento. «Innanzi tutto - ha spiegato Belcastro - don Francesco convocherà un incontro con le famiglie, per discutere dell'accaduto e per chiamare tutti ad un rinnovato senso di responsabilità e di protagonismo collettivo; sarà poi promossa una ulteriore assemblea-iniziativa più allargata, una iniziativa pubblica con rappresentanti dei massimi livelli istituzionali, che affronti le questioni sociali che riguardano i giovani, il lavoro, ogni forma di disagio; infine lavoreremo alla costituzione di una Consulta-forum permanente che possa tenere sempre aperta la discussione e alta l'attenzione, in una logica di "patto sociale" grazie al quale ci si troverà insieme a fare fronte comune per ribadire che i principi di legalità a Cotronei sono forti e condivisi, e che la comunità rifiuta con forza ogni atto di violenza». «Sono molto soddisfatto - ha ribadito il primo cittadino – dell'equilibrio e della propositività con la quale è stata affrontata la questione nell'assemblea di ieri. Voglio altresì ringraziare tutti quelli che hanno avuto modo di esprimere, al sindaco, preoccupazione per tali episodi, ma anche vicinanza e corresponsabilità, ad iniziare dai consiglieri comunali di opposizione. Voglio inoltre ringraziare - ha concluso - le forze dell'ordine che sono sempre vicine ai cittadini; a loro chiediamo di compiere un ulteriore sforzo per affiancarci in questo percorso».

Giuliano Carella

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".