Giovedì, 13 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

Gli effetti del "cybersesso" tra gli adolescenti: è un dilagare tra web, social e dispositivi mobili

Posted On Lunedì, 14 Settembre 2015 17:15 Scritto da

grazia fabianoNon solo droghe, extasi ed alcool, fra i cosiddetti "sballi o deviazioni" di una buona parte di adolescenti, sempre alla ricerca di nuove sensazioni ed emozioni, molto spesso però al limite del proibito e della legalità. In questo caso parliamo di un nuovo fenomeno giovanile, legato al comportamento sessuale, che si sta diffondendo a macchia d'olio: è il cosiddetto cybersesso. Si tratta di una vera e propria dipendenza favorita dalla sempre maggiore diffusione dei mezzi di comunicazione di massa. «Il cybersesso - ci spiega la dottoressa Grazia Fabiano (foto), psicologa e psicoterapeuta di Crotone - e' una forma di attività sessuale che si realizza attraverso l'uso di tecnologia digitale, in tempo reale o no. Si scambiano infatti video, storie, file audio foto e altro».

Perché il cybersesso fa breccia sopratutto fra gli adolescenti?

L'adolescenza e' una fase del ciclo vitale caratterizzato da radicali cambiamenti corporei, cognitivi e comportamentali. È un periodo di maturazione biologica, di sviluppo cognitivo e di cambiamento nelle relazioni interpersonali quindi. Si tratta di una fase evolutiva caratterizzata dal passaggio dalla fase infantile a quella adulta. Dal punto di vista psicologico è importante perché un giovane attraversa una crisi. È come se si trovasse in mezzo a dei bisogni opposti: ad esempio dipendenza dai genitori come un bambino e indipendenza dagli stessi come un adulto. Molto spesso un adolescente si trova a vivere questa fase di crescita con sentimenti di vergogna, senso di colpa e a volte di disperazione. E questi sentimenti possono favorire lo sviluppo di alcune forme dipendenza come appunto la dipendenza sessuale.

Come definirebbe questo stato di disagio giovanile che sfocia poi in una reale patologia e dipendenza?

Può essere definita come una vera e propria relazione patologica con il sesso. Un giovane cerca attraverso questa dipenza di alleviare il suo stato di malessere, di fuggire dai vissuti dolorosi e dalle relazioni intime che non sa gestire. Ed il sesso diventa l'unico rimedio alla sofferenza e un rifugio dalla vergogna e da convinzioni di base disfunzionali. È come se il sesso diventasse l'unico modo per sentire di avere un controllo dei propri comportamenti un senso di piacere e un valore personale.

Quali sono gli altri elementi scatenanti del cybersesso?

Anche la crisi economica e dei valori familiari e societari ha favorito lo sviluppo di questa forma di dipendenza patologica dal sesso. Un adolescente infatti non ha una identità ben definita e strutturata e non ha una prospettiva di realizzazione personale futura. Questo determina un aumento del suo senso di confusione, frustrazione e di bassa autostima.

Possiamo affermare che tantissimi giovani, oggi, accedono ogni giorno a siti pornografici, da computer, tablet e cellulari?

Sì. In realtà però è un fenomeno molto comune in tutte le fasce d'età, non soltanto negli adolescenti. Anche tra gli adulti e' diffusa, vedi pedofili, adescatori di minori che usano internet e persone che hanno difficoltà a relazionarsi con l altro sesso. Perché questa pratica sessuale aiuta la persona a darsi un valore personale, unsenso di piacere. Cioè, e' come se, pur illusoriamente, sente di contare, si sente efficace e capace a relazionarsi.

Ci può dire a che età si comincia a praticare il cybersesso?

Anche a 12 anni, ma non ho dei dati precisi in merito. So di bambine di 12 anni che scambiano foto con adulti attraverso internet. A volte addirittura chiedono, quando il o la giovane si fida, di incontrarsi fuori. E purtroppo accade di frequente.

Quali sono le terapie da seguire in casi di dipendenza come questi?

La terapia piu efficace e diffusa é quella di gruppo, poi quella individuale, come la cognitivo comportamentale e la familiare.

E i genitori in casi delicati come questo come si pongono?

Molte volte non si rendono conto subito di quello che sta accadendo. Ma questo è un altro problema.