Mercoledì, 27 Gennaio 2021

ATTUALITA' NEWS

IL MISFATTO│Da saldare entro il 20 gennaio 2021 le rate non pagate per la pandemia?

Posted On Domenica, 27 Dicembre 2020 18:50 Scritto da Rodolfo Bava

Da saldare entro il 20 gennaio 2021 tutte le rate non pagate per la pandemia? Non gia’ “rottamazione” delle cartelle esattoriali, ma e’ auspicabile la chiusura di tutte le pendenze.

Continuamente, ci vengono date ampie assicurazioni, secondo le quali molti pagamenti in corso verranno rinviati al nuovo anno a causa l’attuale pandemia. Da settimane, ormai, si parla e si scrive sulla “rottamazione quater” delle cartelle esattoriali da prorogare al 1° marzo 2021.

Ma se qualche interessato si reca presso l’”Agenzia delle entrate – Riscossione tributi” viene a conoscere altre ed amare verità:

-         non vi è alcuna “rottamazione quater” perché è stata soltanto annunciata, ma mai pubblicata sulla “Gazzetta ufficiale”;

-         i pagamenti rimandati, a causa la pandemia, dovranno essere saldati in blocco entro il 20 gennaio 2021.

Ma, di grazia, di quale natura sono da attribuire tali facilitazioni? Ammesso e non concesso che si possa parlare di facilitazioni!

Piuttosto, tali norme non fanno altro che penalizzare pesantemente i contribuenti. La “rottamazione quater” non è stata pubblicata perché si pensa che una volta operativa sarebbero i “furbi” che non pagano le tasse a beneficiarne. Certo, ci sono i furbi che non pagano le tasse, ma a beneficiarne non sarebbero i furbi (perché loro sanno in che maniera agire), ma i semplici artigiani.

Vale a dire: coloro i quali hanno pagato, con regolarità, forse per decenni, i loro dipendenti, ma che non sono riusciti, però, a pagare puntualmente i relativi contributi dovuti al fisco.

Ecco la storia, in sintesi, di uno dei tanti artigiani. Addirittura sostiene di non avere mai potuto godere di alcuna rottamazione. Nonostante siano trascorsi 16 anni dalla chiusura della propria attività, detto artigiano ha ancora debiti con l’Agenzia delle entrate. E, durante, i sedici lunghi anni ha dovuto procedere a rateizzazioni su rateizzazioni, a pagamenti su pagamenti, mese dopo mese. Nonché all’aggravio di interessi su interessi.

Ecco perché, secondo noi, sarebbe necessaria non tanto la “rottamazione quater” delle cartelle esattoriali, quanto la chiusura di tutte le pendenze facendo pagare il 20 o il 25 per cento delle somme dovute.

Il Governo verrebbe ad incassare molto denaro ed i contribuenti artigiani potrebbero ottenere finalmente un notevole beneficio.

L’Illustre Signor Ministro delle Finanze dovrebbe cercare di facilitare la vita di detti contribuenti non soltanto per quanto riguarda la chiusura di tutte le pendenze, ma anche per escludere il pagamento immediato, entro il 20 gennaio 2021, dei vari balzelli rimandati a causa della pandemia.

Altrimenti, avremo la “pandemia” delle tasche vuote di moltissimi italiani.