Sei qui: HomeATTUALITA'La Caritas diocesana rilancia la sua attivita': centro d'ascolto, sportelli per migranti e dipendenze, ambulatorio e co-working

La Caritas diocesana rilancia la sua attivita': centro d'ascolto, sportelli per migranti e dipendenze, ambulatorio e co-working In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Attualita' Giovedì, 18 Ottobre 2018 15:09

caritas«Sarà un autunno ricco di attività – informa una nota – per la Caritas diocesana di Crotone, con tantissimi nuovi servizi che saranno attivi dal mese di ottobre 2018 e una nuova sede in via Monsignor Pietro Raimondi 14. Innanzitutto, dopo diversi mesi di preparazione, che hanno visto l’equipe e i volontari impegnati in varie attività di formazione, rinasce il Centro di ascolto diocesano, vero centro nevralgico dei servizi della Caritas. Il centro di Ascolto sarà un luogo di incontro, di sostegno, di accompagnamento ma anche un luogo dove portare avanti una lettura del territorio che serva a rilevare, a conoscere, a orientare e organizzare le risorse e le energie disponibili e a progettare interventi, sostegno e servizi. Il centro di ascolto sarà motore di relazioni sul territorio poiché promuoverà il dialogo, la conoscenza reciproca e reti di solidarietà autentica. Il centro di Ascolto sarà affiancato dallo Sportello migranti, che offrirà da ora anche un nuovo servizio di assistenza per il riconoscimento titoli di studio e per l’eventuale iscrizione a corsi di formazione o percorsi di studio universitari. Saranno attivati inoltre uno Sportello assistenza legale, grazie alla collaborazione di un gruppo di giovani avvocati volontari: Fortunato Sgro, Daniela Curcio, Massimiliano Bianchi, coordinati dalla dottoressa Vanessa Calabrò; uno Sportello di sostegno per le dipendenze da ludopatia e un Ambulatorio diocesano, co-gestito insieme al Rotary Club Crotone che metterà a disposizione risorse e competenze per la piena riuscita di quest’attività. Grazie alla partecipazione al progetto Liberi di partire, liberi di restare, di Caritas italiana, la Caritas di Crotone lancerà nel mese di ottobre uno spazio condiviso di lavoro e formazione più una serie di servizi dedicati ai migranti, come un corso avanzato di lingua italiana che accompagnerà i giovani selezionati fino all’ottenimento del Diploma Cils livello B1. La Caritas di Crotone ha inoltre promosso un progetto che prevede la creazione di un vero e proprio centro di co-working, aggregazione comunitaria e formazione professionale che abbia come principali destinatari i giovani residenti nel territorio diocesano. Il centro di co-working che sarà attivo dal mese di ottobre ha come obiettivo principale quello di realizzare uno spazio di condivisione e di lavoro, che sia reale ma anche virtuale, mettendo a disposizione attrezzature multimediali che permettano ai giovani di allacciare legami di collaborazione con altri centri di coworking, con istituti di ricerca, con start-up, e per i migranti con i rispettivi paesi di provenienza, condividendo quindi progetti professionali e di vita con gli altri utenti dello spazio».

 

 

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".