Sei qui: HomeATTUALITA'Piantumato un ulivo davanti al Tribunale di Crotone quale simbolo di pace e di giustizia

Piantumato un ulivo davanti al Tribunale di Crotone quale simbolo di pace e di giustizia In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Attualita' Giovedì, 08 Marzo 2018 18:30

ulivo tribunale crotoneUn ulivo, simbolo di pace e di giustizia, e' stato piantato questo pomeriggio davanti al Tribunale di Crotone. "Un gesto significativo - spiega una nota del Comune - un messaggio forte di legalita', che parte dalla citta' di Crotone con determinazione e convinzione. Donato dal Comune di Pallagorio l'albero e' stato sistemato dal Comune di Crotone. Presente alle operazioni di piantumazione l'assessore al Verde pubblico Caterina Caccavari. Un momento di condivisione che lega idealmente anche le due comunita'. Nell'area dove e' stato piantato l'ulivo sara' anche realizzata una stele che ricordera' il Commissario Luigi Calabresi a cui e' intitolata la piazza dove sorge il Palazzo di giustizia".

 

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 08 Marzo 2018 18:35
Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

ingegneri

balestrieri gif

------------

effemme box 300x250------------

archivio storico crotone

------------

gabbiano box 300x250

 

bonus pubblicità 2018 laprovinciakr verticale 1

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXV Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".