Sei qui: HomeATTUALITA'Ricerca, importanti riconoscimenti all'Istituto Sant'Anna di Crotone al congresso nazionale dell'Associazione italiana ingegneri clinici

Ricerca, importanti riconoscimenti all'Istituto Sant'Anna di Crotone al congresso nazionale dell'Associazione italiana ingegneri clinici In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Attualita' Venerdì, 24 Maggio 2019 18:17

aiicRiconoscimenti per Oberon, Intellibed e Aramis al convegno nazionale Aiic, i tre progetti ideati e realizzati dall’Istituto Sant’Anna di Crotone che sono stati protagonisti della “Health technology challenge”. Due sono risultati vincitori nelle rispettive categorie.

«La naturale vocazione alla ricerca – è scritto in una nota – e la continua esigenza di applicare la sperimentazione alla pratica clinica hanno fatto sì che l’Istituto Sant’Anna di Crotone abbia ottenuto nuovi e prestigiosi riconoscimenti, legati all’ideazione e realizzazione di Oberon, Intellibed ed Aramis. Nel corso del 19° Convegno nazionale dell’Aiic (Associazione italiana ingegneri clinici) che si è svolto all’Università Magna Grecia di Catanzaro i tre progetti sono stati inseriti nelle terne che, per ogni categoria, hanno avuto diritto ad essere presentate oralmente. Due di essi hanno vinto la Health technology challenge, la “sfida” ideata da Aiic per presentare esperienze e soluzioni innovative, realizzate attraverso l’utilizzo della tecnologia, nel sistema della sanità. La selezione è avvenuta tra i 164 lavori presentati da tutta Italia, e suddivisi in otto categorie. Tra i tre che, in ogni categoria, sono stati presentati oralmente è stato decretato un vincitore.
aiic2L’Istituto S. Anna, unica struttura calabrese presente al Convegno, è risultato vincitore in due categorie: “Assistenza domiciliare, le tecnologie per il territorio” con Oberon, presentato dall’ing. Aldo Mauro; “Sviluppo di tecnologie e dispositivi per la salute” con Intellibed, presentato dall’ingegner Loris Pignolo. In quest’ultima categoria è stato ammesso nella terna finale anche Aramis, anch’esso presentato da Pignolo.

Oberon è un servizio di assistenza domiciliare di terzo livello per pazienti in stato vegetativo e di minima coscienza, ideato e realizzato dall’Istituto S. Anna e grazie al quale da un’apposita sala è possibile monitorare i parametri vitali di circa 50 pazienti che vivono nelle loro casa in ogni parte della Calabria. Intellibed è un letto di degenza meccatronico per il posizionamento statico e dinamico, e per la mobilizzazione passiva, di tutti i distretti corporei. È stato pensato per la fase acuta, in cui il paziente trascorre la maggior parte del ricovero allettato. È gestito da un controllo centralizzato che permette tutte le funzioni necessarie per una riabilitazione precoce erogabile 24 ore su 24 senza l’intervento costante dell’operatore. Aramis è un sistema a doppio esoscheletro per la riabilitazione dell’arto superiore, concepito e realizzato per la fase prettamente riabilitativa. È un sistema robo-meccatronico composto da due esoscheletri, con 5 gradi di libertà attivi, per la riabilitazione motoria ed il recupero funzionale dei pazienti con esiti di ictus. I premi vinti confermano la bontà del lavoro di ricerca e sviluppo applicata per migliorare l’offerta».

 

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".