Sei qui: HomeATTUALITA'Studentesse francesi ospiti dell’Area marina protetta ''Capo Rizzuto'' nell'ambito del programma europeo ''Erasmus+''

Studentesse francesi ospiti dell’Area marina protetta ''Capo Rizzuto'' nell'ambito del programma europeo ''Erasmus+'' In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Attualita' Lunedì, 17 Giugno 2019 11:28

erasmus amp capo rizzuto«Dopo Zac, Simeòn, Sacha, Celia e Lilian – informa una nota – tocca alle studentesse francesi Fany Jariod e Molinie Mallaury essere ospiti dell’Area marina proteta “Capo Rizzuto” dall’8 giugno scorso all’8 agosto prossimo nell’ambito di “Erasmus +”, il programma dell’Unione europea per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport 2014-2020. Per il quinto anno consecutivo il Lycee La Peiruse di Coulounieix Chamiers (regione della Nuova Aquitania) ha scelto l’Amp Capo Rizzuto per consentire ai suoi studenti di approfondire i loro studi in management and nature conservation. Fany e Molinie avranno così la possibilità di studiare ed approfondire gli aspetti naturalistici dell’Area marina Capo Rizzuto e dare il proprio contributo nei progetti che l’Amp ha in corso di realizzazione per la stagione estiva in corso».

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".