Domenica, 12 Luglio 2020

ATTUALITA' NEWS

"Autorizzare la ripresa, in sicurezza, delle terapie specifiche per l'autismo in tutte le forme". E' quanto propone il vicepresidente della Regione Calabria Nino Spirli' alla governatrice Jole Santelli.

Pubblicato in Politica

Il sindaco di Isola Capo Rizzuto, Maria Grazia Vittimberga, ha emanato ieri un’ordinanza che consente a «nuclei familiari conviventi di figli o parenti o affini affetti da disturbo dello spettro autistico certificato dall’autorità sanitaria e dal quale derivino problematiche comportamentali tali da imporre uscite esterne per il contenimento degli aspetti auto-aggressivi ed aggressivi, di potersi spostare (un solo accompagnatore per volta), non oltre la prossimità della propria abitazione e nei limiti del territorio comunale di residenza o domicilio, al solo scopo di consentire la migliore gestione del soggetto con disturbi autistici».

Pubblicato in In primo piano

angsa fabiano«Il 18 giugno scorso – informa una nota – è nata una nuova realtà sociale e di volontariato nella provincia di Crotone, l’Angsa, Associazione nazionale genitori soggetti autistici. L’Angsa è una realtà presente già dal 1985 in Italia, con sedi in ogni regione e provincia, adesso anche in quella di Crotone. A gettare le fondamenta sono sedici soci fondatori, madri, padri, nonni tutti uniti dalla stesso colore, il colore blu, quello dell’Autismo, per manifestare un segno di consapevolezza nei confronti della sindrome che è cresciuta di 10 volte negli ultimi 40 anni. “È un’emozione indescrivibile – commenta il presidente dell’Angsa Crotone, l’assistente sociale Nadia Fabiano –, è come un salto nel buio, un grande salto che sono convinta ci porterà lontano. Siamo solo all’inizio di questo percorso ma abbiamo già tante idee e tanta motivazione che ci spinge a progettare, programmare e sognare”. Negli scopi statutari, l’ Angsa è un’associazione non lucrativa costituita da genitori, familiari e tutori di soggetti autistici, nata per difendere i diritti dei soggetti autistici e delle loro famiglie; si promuove l’educazione specializzata l’assistenza sanitaria e sociale, la ricerca scientifica, la formazione degli operatori, la tutela dei diritti civili a favore delle persone autistiche e con disturbi generalizzati dello sviluppo, affinché sia garantito il diritto inalienabile ad una vita libera e tutelata, il più possibile indipendente nel rispetto della loro dignità e del principio delle pari opportunità. L’ Angsa Crotone ha sede legale a Belvedere Spinello e sede operativa prevalente a San Giovanni in Fiore; la motivazione di operare anche su San Giovanni in Fiore è dettata dal fatto che la maggioranza dei soci fondatori è residente nel comune cosentino, ma l’operatività è garantita certamente in tutta la provincia di Crotone. “Il nostro obiettivo principale – continua il presidente – è quello di raggiungere il maggior numero di famiglie con presenza di soggetti autistici perché paradossalmente di autismo si parla tanto ma la disinformazione è ancora molta; purtroppo ci sono famiglie che non sono bene informate e supportate nel difficile compito di assistere un familiare autistico, e spesso si abbandonano a loro stesse e alla disperazione più totale. Il nostro compito primario è sostenere e promuovere l’informazione consapevole in queste famiglie, nonché fornire tutta l’assistenza che il caso richiede. Io credo che non c’è niente di più concreto dell’aiuto donato da un’altra persona che vive lo stesso problema in qualità di madre, di padre o di familiare: l’impatto emotivo è completamente diverso, è più intenso, è più vero”. Altro obiettivo dell’Angsa Crotone sarà quello di formare le famiglie e tutti gli operatori che giorno per giorno lavorano e si confrontano con il mondo autistico; un intervento consapevole, soprattutto in ambito scolastico, fondamentale per creare e promuovere azioni di rete sociale ed assistenziale che sono linfa vitale per una buona riuscita di tutti gli interventi sia riabilitativi, sia scolastici che di vita quotidiana. L’Autismo può essere affrontato e a volte anche sconfitto grazie all’informazione mirata e alla solidarietà che rende tutto meno difficile e più sopportabile. L’Angsa di Crotone, questa piccola realtà di volontariato, è motivata nel riversare un importante impegno sul territorio. Dovrà essere ovviamente sostenuta, promossa e seguita, in una condivisione ampia della problematica all’interno della collettività, per abbattere muri e difendere i diritti delle persone con autismo e delle loro famiglie».

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

clinica santannaMILANO - Osservata la 'zampata' del Dna che taglia i 'ponti' nel cervello causando una delle forme piu' comuni di autismo: il risultato e' stato ottenuto dai ricercatori dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Rovereto e dell'Universita' di Pisa, grazie ad una strategia innovativa che permette di svelare come le mutazioni genetiche associate all'autismo alterino la struttura e le funzioni del cervello. Lo studio, cruciale per 'smascherare' i mille volti della malattia, e' pubblicato sulla rivista Brain. La ricerca, finanziata dalla statunitense 'Simons Foundation for Autism Research Initiative', e' condotta in collaborazione con le Universita' di Torino e Verona, il Laboratorio europeo di biologia molecolare a Monterotondo, il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Catanzaro e il S. Anna Institute and Research in Advanced Neuro-Rehabilitation a Crotone. "Ci aspettiamo che questo tipo di approccio permetta di identificare in maniera oggettiva quante e quali forme di autismo esistano - spiega Alessandro Gozzi dell'Iit di Rovereto - un prerequisito fondamentale per l'identificazione di future terapie mirate".

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

convegno autismo«Oggi non sottoscriviamo solo un semplice protocollo, ma fondiamo una impresa sociale destinata a sostenere le famiglie che vivono la realtà dell'autismo nella nostra comunità» lo ha detto il sindaco Ugo Pugliese in apertura del convengo promosso in occasione della Giornata mondiale per la sensibilizzazione sull'Autismo che si è tenuto nella sala consiliare del Comune di Crotone. Giornata che si celebra il 2 aprile. Proprio il due aprile il Palazzo comunale si è illuminato di blu, il colore scelto dall'Onu per coinvolgere le popolazioni sul tema. Ma la tenacia delle famiglie dell'associazione Autismo KR, presieduta da Giuseppe Vrenna, non si è fermata solo all'atto, pur fortemente simbolico, dell'accensione delle luci blu sulla facciata del palazzo di città. Si è voluta creare una rete che ha coinvolto i tre attori principali: le famiglie, la parte medica rappresentata dall'Azienda sanitaria provinciale e l'istituzione comunale. Insieme hanno sottoscritto un protocollo di intesa che coinvolge anche lo sportello provinciale sull'autismo ubicato presso l'Istituto Pertini-Santoni. Con la firma del protocollo di intesa, le parti assumono degli impegni precisi e specifici rispetto al tema. «L'Amministrazione comunale – riferisce una nota – sostiene e promuove sul territorio le iniziative promosse dall'associazione Autismo KR, verificando l'eventuale possibilità di accesso a fonti di finanziamento regionali, nazionali e comunitari ed attraverso i competenti Servizi sociali comunali raccoglie, elabora e fornisce i dati sull'incidenza della sindrome dell'autismo disponibili a livello del distretto socio-assistenziale di Crotone. L'associazione Autismo Kr si impegna a collaborare, nelle forme e con le modalità consentite dalle norme vigenti, con il gli Enti sottoscrittori del presente protocollo, per la "concretizzazione" di un supporto educativo e formativo efficace per le persone affette da disturbi dello spettro autistico. L'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone, attraverso l'unità operativa di Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza garantisce le procedure di diagnosi multidisciplinare, monitoraggio e interventi sinergici secondo procedure già operative e collaudate; individua i bambini e le scuole destinatarie del progetto; verifica le effettive competenze professionali e l' esperienza dei tutor; promuove, di concerto con l'Associazione Autismo KR, l'aggiornamento continuo ed ulteriori attività di formazione e tirocinio; incontra periodicamente il tutor e ne supporta l'operato con la consulenza di un neuropsichiatra infantile esperto e valuta i risultati del progetto verificando le acquisizioni individuali nelle aree di sviluppo e nelle aree funzionali e l'andamento dei problemi di comportamento, confrontando l'evoluzione della traiettoria dei risultati delle valutazioni iniziali a quelli finali di ogni bambino. Lo sportello provinciale autismo infine promuove la cultura della presa in carico, educativa e abilitativa, delle persone con disturbi dello spettro autistico nel personale della scuola e negli operatori che a vario titolo lavorano nelle istituzioni scolastiche, offre alle scuole della provincia formazione e consulenza didattica relativa ai problemi dell'inclusione degli studenti con disturbi dello spettro autistico,raccoglie, documenta e diffonde esperienze e buone pratiche, materiali, strumenti e informazioni, collabora con Asp, associazioni ed Enti che si occupano di persone con disturbi dello spettro autistico, favorendo il dialogo, la partecipazione, la sperimentazione e la condivisione delle proposte formative, educative ed informative e fornisce servizio di sportello d'ascolto per i genitori per supportarli nel rapporto scuola/famiglia, scuola/servizi socio-sanitari, scuola/servizi territoriali». Al convegno hanno partecipato, fra gli altri, Alessia Romano - assessore alle Politiche sociali del Comune di Crotone, Sergio Arena - commissario straordinario Azienda sanitaria provinciale di Crotone, Salvatore Bagalà - dirigente del dipartimento di Neuropsichiatria infantile dell'ospedale San Giovanni di Dio, Angelina Giaquinta - coordinatrice clinica dell'associazione Autismo KR.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

«Il 2 aprile - informa il Comune - in occasione della Giornata mondiale dell'autismo, l'associazione Autismo Kr con il sostegno del Comune di Crotone, organizzerà una giornata di sensibilizzazione promossa dall'Onu, dal titolo "Light it up blue". La giornata - spiega il Comune - sarà articolata in due momenti: al mattino, colorando di blu con dei palloncini le vetrine dei negozi delle vie principali della città. Tale iniziativa ha avuto il patrocinio della Confcommercio di Crotone, grazie alla sensibilità del presidente Alfio Pugliese e di tutti i commercianti che hanno aderito all'iniziativa. In serata, intorno alle 20.00, anche l'Amministrazione Comunale, grazie all'interesse dell'assessore alle Politiche sociali Filippo Esposito, da molti anni vicino ai bisogni delle famiglie di soggetti con autismo, illuminerà simbolicamente di blu il palazzo Comunale. L'associazione sarà presente in piazza dalle ore 19.00 ad attendere l'accensione delle luci e a divulgare materiale informativo. La ricorrenza sarà celebrata in diverse parti d'Italia e del mondo, con eventi e manifestazioni per dire no all'indifferenza e ai pregiudizi. L'iniziativa non ha il solo scopo di sensibilizzare le persone a prendere coscienza del problema ma anche di diffondere maggiori informazioni sull'autismo. L'autismo è un disturbo su base neuro-biologica: chi ne soffre mostra una marcata diminuzione dell'integrazione sociale e della comunicazione. La prevalenza dei disturbi dello spettro autistico è di 7,3 su 1000 (Fombonne, 2006), per cui si può stimare che in una città delle dimensioni di Crotone i soggetti che rientrano nello spettro siano più di 400. L'associazione, in collaborazione con la Npi di Crotone e il Centro Lucrezia per l'autismo di Catanzaro, opera sul territorio ormai da molti anni. Il trattamento è di tipo educativo e si basa sull'educazione strutturata e l'Aba (Applied behavior analysis). Pertanto, l'associazione dispone di ambienti dedicati all'insegnamento strutturato (via Giovanni Paolo II, n° 2) e ambienti che riproducono contesti naturali (via A. Daniele, n° 76). Tutti gli obiettivi perseguiti negli ambulatori vengono poi generalizzati nei contesti naturali scuola, casa e territorio.

Pubblicato in Attualita'