Venerdì, 14 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

encomio solenne mustafaMustapha El Aoudi, il venditore ambulante marocchino che nei giorni scorsi ha salvato la vita ad una donna, Nuccia Calindro, medico in servizio all'ospedale di Crotone aggredita da un uomo con un cacciavite, ha ricevuto l'encomio solenne del Comune, la massima onorificenza cittadina. L'encomio solenne e' la massima onorificenza cittadina prevista dal regolamento comunale delle civiche benemerenze e la Giunta comunale, su proposta del sindaco Ugo Pugliese, ha deliberato di concederla a Mustapha El Aoudi "per l'eroico gesto e per lo spiccato altruismo impresso nella azione di salvataggio di una vita in grave pericolo, con pervaso coraggio e sprezzo del pericolo, oltre che per essere esempio di abnegazione verso il prossimo e per essere chiaro esempio di elette virtu' civiche e di senso della comunita'". Non e' stato l'unico provvedimento adottato dalla Giunta che ha anche deliberato di proporre al ministero dell'Interno, attraverso la Prefettura di Crotone, l'attribuzione a Mustapha della medaglia al Valor Civile Per evidenziare maggiormente il valore di comunita' e' stato scelto di tenere la cerimonia in occasione della odierna riunione del Consiglio Comunale. E' stato il sindaco Pugliese a consegnare a Mustapha la pergamena con il testo del deliberato della Giunta comunale.
"Una persona - ha detto il sindaco Pugliese - che tutta Crotone conosce per la sua mitezza, per il sorriso che e' capace di regalare mentre e' al lavoro. Una persona che e' diventata un eroe, simbolo di una citta' capace di solidarieta' ma anche di accogliere". Il sindaco ha anche reso noto che, grazie all'iniziativa della Commissione Pari Opportunita' del Comune, un avvocato, Fabio Luca', si e' messo a disposizioneper far ottenere la cittadinanza onoraria a Mustapha Un ulteriore riconoscimento a Mustapha e' arrivato da fuori i confini regionali a testimonianza che il suo gesto esemplare e' stato apprezzato in tutto il paese. L'associazione "Giacomo Cianchetti Onlus" di Latina, attraverso il contatto con l'avvocato Francesco Verri difensore dalla dottoressa Calindro, ha inviato un messaggio destinandoun fondo a Mustapha che gli e' stato consegnato dal sindaco. "Mustapha - ha scritto Monica Calabresi, presidente dell' associazione - noi abbiamo bisogno di persone come te. Hai salvato Nuccia, hai salvato tutti noi dalla solitudine".

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

aggressione ospedale luigi amorusoResta in carcere Luigi Amoruso, il 50enne crotonese che nel primo pomeriggio di martedi' scorso ha aggredito a colpi di cacciavite il medico dell'ospedale civile San Giovanni di Dio Maria Carmela Calindro, attualmente ricoverata presso lo stesso nosocomio con trenta giorni di prognosi per le ferite riportate. Lo ha deciso il giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Crotone Romina Rizzo davanti alla quale questa mattina e' comparso Luigi Amoruso per l'interrogatorio di convalida. Il giudice, dopo aver convalidato l'arresto con l'accusa di tentato omicidio aggravato, ha rigettato la richiesta dei difensori dell'indagato, gli avvocati Mario Nigro e Luigi Amoruso, di sottoporre l'uomo ad una perizia psichiatrica dal momento che non sono emersi elementi che facciano "ritenere Amoruso portatore di deficit psico-fisici tali da influire sulla sua capacita' di intendere". Per il giudice, invece, Amoruso deve restare in carcere sia perche' c'e' il pericolo che possa inquinare le prove attraverso la minaccia ad eventuali testimoni sia perche' potrebbe intimidire la vittima dell'aggressione che oltretutto e' sua vicina di casa. Per il gip Rizzo sussiste infine anche il pericolo di reiterazione del reato.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca