Sabato, 11 Luglio 2020

ATTUALITA' NEWS

ISOLA DI CAPO RIZZUTO – Monitoraggio della Polizia di Stato sulle attività commerciali operanti sul territorio comunale circa il possesso delle prescritte autorizzazioni amministrative, nonché volto alla prevenzione e repressione del gioco illegale, alla sicurezza del gioco e alla tutela dei minori. I controlli sono stati disposti nei giorni scorsi, nel comune di Isola di Capo Rizzuto e nella frazione di Le Castella.
Nello specifico nella giornata del 2 luglio scorso, personale della Divisione Pasi unitamente a personale della Squadra Mobile e a personale dell’Aams di Catanzaro, ha effettuato 4 controlli amministrativi nel comune di Isola di Capo Rizzuto, all’esito dei quali ha elevato sanzioni amministrative, per un ammontare di 103mila euro e inoltre ha provveduto al sequestro di 15 postazioni internet, e congegni elettronici del tipo Totem – giochi promozionali, poiché non rispondenti alle caratteristiche di legge. Nella mattinata di venerdì 12 luglio scorso, personale della Questura di Crotone, divisione Pasi - Squadra Amministrativa, unitamente a personale dell’Ufficio di Gabinetto, dell’Upgsp e del Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza e personale dell’Asl servizio Sian di Crotone, al fine di effettuare controlli amministrativi (ex. art 13 e 19 della legge n. 689/1981), ha effettuato 4 controlli amministrativi nel comune di Isola di Capo Rizzuto e nella frazione Le Castella, all’esito dei quali ha elevato sanzioni amministrative per un ammontare di euro 50.924,00 ed inoltre ha provveduto al sequestro di 5 congegni elettronici del tipo Totem – giochi promozionali. In particolare nel retro di un bar è stata riscontrata la presenza di un piccolo locale all’interno del quale venivano sorpresi e successivamente identificate 5 persone intente a giocare; nella circostanza sono stati controllati sei apparecchi, del tipo Totem, tutti risultati illegali. Il servizio Sian dell’Asp di Crotone, per mancanza dei requisiti igienico sanitari, ha provveduto alla chiusura di un locale adibito a laboratorio e di due depositi di generi alimentari. Nella stessa giornata del 12 luglio scorso, personale operante ha provveduto anche a svolgere servizi di controllo del territorio nel comune di Isola di Capo Rizzuto; nello specifico sono stati eseguiti 6 posti di controllo, identificate 90 persone ed è stata elevata una sanzione amministrativa per violazione al codice della strada».

Pubblicato in Cronaca

html5InnoGames è stato il primo sviluppatore di giochi a utilizzare il compiler open source HAXE per la conversione automatica di browser game complessi. Molti giochi online, infatti, sono basati su Flash, come il gioco di strategia Forge of Empires. Proprio quest’ultimo è stato il primo gioco a essere convertito con HAXE in HTML5, un tipo di linguaggio leggibile da tutti i browser.

La versione browser lanciata nel 2012 è pronta per il futuro, e precisamente per il 2020, quando Adobe interromperà definitivamente il supporto a Flash. InnoGames utilizzerà HAXE per rendere anche tutti gli altri giochi per browser liberi e indipendenti da Flash, in modo tale che possano continuare a esistere dopo tale data.

Gli sviluppatori di giochi e i fornitori di web app basate su Flash devono, per forza di cose, accettare la sfida, e preparare i loro prodotti per il futuro. "Abbiamo riconosciuto da subito il pericolo della dipendenza dei singoli titoli da Flash e abbiamo cercato alternative. Abbiamo avuto diverse discussioni sul tema e ci siamo resi conto che sul mercato non era presente nessuna soluzione per le nostre necessità. Sono quindi ancora più orgoglioso che il nostro team interno HAXE abbia completato la conversione di questo ampio progetto in un periodo di tempo estremamente breve. In questo modo ci assicuriamo i nostri giocatori possano decidere in qualsiasi momento se giocare a Forge of Empires su cellulare o nel browser”, ha affermato Hendrik Klindworth, CEO di InnoGames.

A lungo Flash è stato onnipresente su Internet: praticamente qualunque tipo di gioco lo utilizzava. Anche i siti web più complessi che avevano video, animazioni o giochi, dovevano per forza utilizzare Flash. Negli anni, però, gravi falle di sicurezza hanno attirato l’attenzione su Flash, fino al 2015, quando Adobe ha dovuto ammettere che non esisteva alcun patch in grado di arginare i rischi dovuti ad alcune vulnerabilità. Di conseguenza, i maggiori leader tra i creatori di browser hanno consigliato di passare all’HTML5. Prima è stata la volta di Apple, poi di YouTube, ora di Chrome e dei giochi online.

Quasi tutti i maggiori fornitori di giochi online si stanno attrezzando per portare i propri intrattenimenti a un nuovo livello, più sicuro e performante. Sui portali di casino online come Betnero al cui interno ospitano centinaia di giochi la svolta che avverrà sarà sicuramente epocale. Che si tratti di slot machine, di giochi di ruolo o di combattimento online, l’HTML5 rappresenta ormai il futuro, dato che verrà a mancare il supporto di Adobe.

Pubblicato in Attualita'