Venerdì, 14 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

«In un’aula magna gremita – riferisce una nota –, si è tenuto nella giornata di giovedì 12 dicembre scorso, presso il liceo classico “Pitagora” di Crotone, l’evento di presentazione dell’Associazione #IoResto, un movimento che si è sviluppato inizialmente attraverso i social e che ieri si è presentato ufficialmente alla città di Crotone».

Pubblicato in Politica

studenti liceo classico pitagora assemblea«Ho apprezzato la maturità dimostrata dai ragazzi del Pitagora, che si sono rimboccati le maniche e si sono messi al lavoro per cercare soluzioni per rendere la loro scuola, quella che considerano una seconda casa, decorosa e sicura». Lo scrive in una nota il sindaco di Crotone Ugo Pugliese. Come si ricorderà, nella scorsa settimana si era registrato uno scontro tra la sentarice del M5s, Margherita Corrado, che aveva chiesto di utilizzare i circa tre milio di euro stanziati dal governo per la sicurezza di strade a scuole anche per il rifacimento del liceo Pitagora, e il presidente della Provincia che aveva frenato sull'utilizzo delle risorse già impegnate a causa degli eventi metereologici che hanno colpito il territorio.
«Spirito costruttivo e collaborativo, hanno scritto i ragazzi, ed è lo spirito giusto. Animato da questo spirito, giovedì mattina, nella sala giunta della Provincia di Crotone incontrerò i rappresentanti d’istituto del liceo classico “Pitagora” e la preside Ardito, per verificare con loro le possibili iniziative da intraprendere e condividere, ed aggiornarli su quello che l’Ente intermedio ha in programma di fare per le scuole del crotonese. E voglio anticipare che proprio oggi sono a Roma in qualità di sindaco e presidente della Provincia per rapporti ed incontri istituzionali legati al mondo delle scuole e dei trasporti. Riconoscere il lavoro altrui è importante, dare valore all'impegno è importante, ed è per questo che pubblicamente voglio plaudire al lavoro ed all'impegno dimostrato dai ragazzi del liceo classico “Pitagora” di Crotone.
Ogni ragazzo, ogni studente delle nostre scuole deve sapere che il lavoro e l'impegno hanno valore, che sono importanti e che possono fare, anzi fanno la differenza. Il liceo classico " Pitagora" non deve, non può, essere terreno o pretesto per lo scontro politico o ancor peggio istituzionale. Non smetterò mai di dire, di ribadire, di ripetere che l'unico obiettivo, l'unico scopo deve essere l'interesse delle nostre comunità.
Se si lavora per il bene comune non si può sbagliare ed è per questo che voglio incontrare i rappresentanti degli studenti del liceo classico Pitagora, per rinnovare loro la mia disponibilità ed il mio impegno per fare tutto ciò che serve per assicurare, non solo ai ragazzi del Pitagora, ma a tutti i nostri ragazzi, scuole dignitose e sicure, per preservare in loro questo entusiasmo e amore per il patrimonio comune, patrimonio che è storia, è identità.
Mi piacerebbe instaurare un rapporto collaborativo e fattivo, poggiato sulla fiducia reciproca e sulla conoscenza. La pubblica amministrazione non deve essere avvertita e sentita come un corpo estraneo rispetto alla vita di ciascuno e ancora meno rispetto alla vita dei nostri ragazzi. Conoscere aiuta a comprendere e comprendere e conoscere aiuta a fare ognuno la propria parte».

 

 

 

Pubblicato in Politica

margherita corrado«Una parte dei 3 milioni stanziati dal governo a favore della Provincia di Crotone per mettere in sicurezza strade e scuole siano impegnati per il liceo classico “Pitagora”». È l’invito rivolto da Margherita Corrado (M5S Senato – Commissione Cultura) all’Amministrazione provinciale.
«Come pubblicizzato nei giorni scorsi – scrive la senatrice –, il governo del cambiamento ha reso disponibili in Legge di bilancio oltre 3 milioni di euro per la Provincia di Crotone, per i piani di sicurezza di strade e scuole, cifra che sarà stanziata ogni anno dal 2019 al 2033. Vorrei richiamare l’attenzione dell’Ente provinciale sulla situazione in cui versa ormai da troppi anni il liceo classico “Pitagora”: il principale e più antico Istituto di istruzione superiore della città. Inaugurato il 28 ottobre del 1934, l’edificio, non privo di valenza architettonica, fu realizzato adattando un progetto pensato, all’inizio, per la Casa comunale, e sorse nel sito già delle scuderie del Palazzo Berlingieri, che avevano a loro volta soppiantato un tratto delle mura vicereali demolito a fine ‘800. Oggi l’immobile è ‘ingabbiato’ da ponteggi e recinzioni metalliche che, utili a scongiurare il rischio di caduta al suolo di cornicioni e altre modanature esterne (persino il balcone in facciata è in condizioni critiche), di fatto impediscono alla comunità di godere appieno dei valori estetici e della sobria eleganza dell’edificio. Auspico che al più presto, con le risorse appena stanziate, il liceo “Pitagora” sia reso sicuro ma anche che sia riportato all’iniziale splendore di linee e di forme, restaurandolo nel rispetto delle sue caratteristiche originali. Sottrarre alla rovina incipiente alcuni elementi decorativi lesionati e ripristinare quelli già perduti è una urgenza non procrastinabile, poiché il “Pitagora” rientra a pieno titolo nel patrimonio immobiliare storico della città, espressione e testimonianza del gusto architettonico dei primi decenni del XX secolo. Gli studenti, peraltro, sembrano consapevoli di ciò, tant’è che mi risulta abbiano avanzato l’ipotesi di adottarlo quale monumento, nell’ambito di uno dei concorsi nazionali tesi a sviluppare la loro sensibilità artistica e incrementarne la coscienza civica. Bravi!».

 

 

 

Pubblicato in Politica

giornata memoria 2019 alunni bandaPensieri, musica, poesie. Attraverso questo linguaggio espressivo gli alunni delle scuole cittadine hanno voluto lanciare il loro "mai più" in occasione del "Giorno della Memoria" che si è tenuto nella sala consiliare di Crotone. Una sala gremita di alunni, docenti, genitori che insieme hanno vissuto un importante momento di riflessione sulla più grande tragedia dell'umanità. Promossa dal Comune di Crotone attraverso l'assessorato alla Pubblica istruzione la giornata ha visto gli interventi degli alunni delle scuole "Anna Frank", "Margherita", "Alfieri", "Don Milani" e "Giovanni XXIII".
Una giornata preceduta, come ha ricordato la dirigente Maria Fontana Ardito, dall'apposizione della "pietra d'inciampo" presso il liceo classico "Pitagora", una delle cento scuole italiane scelte dal ministero per ospitare questa speciale targa che ricorda le vittime dalla Shoah.
giornata memoria 2019 alunniDopo il saluto dell'assessore alla Pubblica Istruzione Francesco Pesce che ha evidenziato il senso di partecipazione degli alunni ed espresso il ringraziamento per il messaggio di pace di cui sono portatori. Un invito forte alla riflessione sull'importanza del rispetto dell'altro, dell'altrui dignità. Poi, protagonisti assoluti gli alunni.
Ha aperto la giornata il coro polifonico della scuola "Anna Frank" che, diretto dalla professoressa Luisa Floccari, ha eseguito canti della tradizione ebraica. Alcuni alunni hanno letto e commentato brani tratti dal "diario di Anna Frank".
giornata memoria 2019 alunni cartelloGli alunni della scuola "V. Alfieri" hanno eseguito "La Guerra di Piero" di Fabrizio De Andrè e "Gam Gam", diventato un brano simbolo nel "Giorno della Memoria".
Molto toccanti le poesie degli alunni della scuola "Don Milani" così come le riflessioni degli alunni della scuola di "Margherita".
Attraverso la musica e la recitazione gli alunni della "Giovanni XXIII" hanno dato il loro dolcissimo contributo ad una giornata caratterizzata dalla bellezza che i giovani sanno esprimere.
Un messaggio forte quello degli alunni delle scuole. Un messaggio di pace che ha travalicato le pareti della Casa Comunale e che supera i pregiudizi.

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

lions club sitra prantera“Progetto Martina – parliamo ai giovani dei tumori – La lotta ai tumori si combatte con la cultura e inizia a scuola” è stato il titolo del service che il Lions club di Crotone ha tenuto al liceo classico Pitagora lo scorso 17 novembre. «Ha introdotto l’incontro – informa una nota – Pietro Zungrone, Presidente zona 23 VII Circoscrizione Lions che ha portato i saluti del Lions ai presenti, la battaglia contro i tumori è infatti combattuta da anni dal Lions Club, senza risparmio. Significativa la testimonianza di Damiano Falco Presidente della Lilt sezione provinciale di Crotone che ha tenuto a riassumere seppur sinteticamente gli sforzi di quest’associazione che soltanto nel corso dell’ultimo screening condotto nella nostra Città ha avuto modo di coinvolgere 130 donne. Tra coloro che si sono sottoposte a visita, sono state riscontrate 11 diagnosi di probabile presenza di tumore, varrà la pena perciò di sottoporsi al prossimo screening che avrà come obiettivo il tumore alla prostrata, promosso sempre dalla Lilt.
Il dott. Leopoldo De Martino, responsabile del progetto Lions Sight for Kids, ha evidenziato come parlare di tumore ai giovani è tutt’altro che un impegno anacronistico e deve avere come obiettivo quello di creare una cultura della prevenzione, oggi assai carente.
Il Presidente del Lions Club Crotone Host Giancarlo Sitra ha quindi raccontato le origini del progetto Martina che parte sin dall’anno 2000 e prende il nome da una ragazza, morta giovanissima di tumore al seno che ha voluto essere ricordata dall’impegno di chi dopo di lei, raccogliendo il suo invito, si vorrà dedicare alla prevenzione dei tumori. Il testimone è stato raccolto dal Lions un’associazione che conta nel mondo 46.000 Club e 1.400.000 soci ed oggi il messaggio di Martina ha raggiunto tantissimi giovani, certamente salvando molte vite, un tale impegno si è rinnovato nel Liceo Classico di Crotone.
Il Presidente Sitra ha avuto così modo di ricordare come il Preside Bellusci che per 38 anni ha guidato il Liceo Classico, sia stato anche il primo Presidente del Lions Club Crotone Host, l’impegno del Club prosegue perciò nel segno di un così grande ed autorevole esempio, anche con il progetto Martina che al di la dei suoi intenti formativi, ha anche un risvolto molto concreto e diretto per come avviene per tutte le iniziative del Lions ed infatti, al termine di ogni occasione d’incontro, ai giovani partecipanti viene sottoposto un test finalizzato a conoscere il grado di acculturazione e di consapevolezza rispetto a tale terribile patologia.
Intervenendo, la dirigente del Liceo Classico Pitagora, dott.ssa Carmen Barbieri, ha sottolineato i pericoli e la diffusione fra i giovani del tabagismo e perciò illustrato l’importanza dei progetti in corso, attualmente perseguiti dal Liceo Classico di Crotone, miranti a far fronte a tale sempre più dilagante vizio.
La dott.ssa Tullia Prantera a cui è andato l’onere principale è stata la destinataria di un’appassionata presentazione formulata dal dott. Nicola Di Maio, lui stesso indimenticato Primario dell’Ospedale di Crotone.
L’esposizione della dott.ssa Prantera è stata diretta e coinvolgente ed ha avuto inizio proprio affrontando lo spinoso tema del tabagismo, scopriamo così che persino il fumo passivo ci condanna ad assorbire sostanze tossiche che sono state ritrovate nelle urine di chi incolpevolmente sta vicino ad un fumatore. Una dipendenza quella del fumo unicamente psicologica e perciò, a maggior ragione, smettere di fumare appare essere una scelta sempre premiante, ove si consideri che già a distanza di 5 anni dal momento in cui si è smesso, il rischio di tumore polmonare si riduce del 50%. Anche la cannabis è “fumo” nocivo, considerando che l’80 % delle sostanze presenti in una “canna” sono sostanze sicuramente nocive e potenzialmente predisponenti al rischio tumore, oltre che deleterie sotto altri aspetti.
La dott.ssa Prantera ha avuto quindi modo di spiegare l’origine della parola cancro, una definizione che ci viene da Ippocrate, il quale aveva osservato l’evolversi di un tumore al seno di tale estensione da ricordare le chele di un granchio, il termine tumore è invece di derivazione latina, da “tumor”, gonfiore.
Sono tante le informazioni che la dott.ssa Prantera ha avuto modo di esporre pacatamente ad una platea di giovani attenti e partecipi, ne riportiamo alcune.
L’influenza dell’ambiente sulla diffusione di alcuni tipi di tumore può essere decisiva ed a riguardo, anche le abitudini alimentari e le metodiche di conservazione dei cibi incidono in modo determinante e spiegano, ad esempio, del perché una popolazione tradizionalmente longeva come la Giapponese, causa l’abitudine, coltivata in passato, di prediligere quale metodo di conservazione l’affumicatura, si sia esposta in modo significativo a d un’elevata incidenza di tumori allo stomaco, al punto tale che la popolazione giapponese emigrata in America, potendo contare su metodi di conservazione differenti e più moderni, frigorifero in testa, ha completamente invertito una simile tendenza.
Oggi tra i fattori di rischio maggiormente predisponenti tra i giovani, oltre al tabagismo vi è l’abuso nell’assunzione di alcol che espone al pericolo del cancro al fegato, alla faringe ed alla cavità orale; come pure l’obesità che predispone in modo significativo persino al tumore all’utero.
I rimedi sono oramai conosciuti e scientificamente validati, mangiare verdura cinque volte al giorno, verdura che dovrà preferibilmente essere di diverso colore, una costante attività fisica, almeno 30 minuti al giorno e la prevenzione, una prevenzione consapevole e ragionata.
Al termine dell’incontro, ascoltate le domande degli studenti, nella tradizione del progetto Martina ai tanti giovani presenti è stato consegnato il questionario teso a responsabilizzare e verificare il grado di consapevolezza delle future generazioni.
Ha concluso l’incontro l’avv. Pietro Zungrone, Presidente zona 23 VII Circoscrizione Lions che ha portato i saluti del Lions ai presenti ed ha ricordato che la battaglia contro i tumori è combattuta da anni dal Lions Club International senza risparmio».

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

bellusci studentiIl presidente del Lions club Crotone host Giancarlo Sitrarendo noto che: «sabato 19 maggio, alle ore 10, nell'aula magna del liceo classico "Pitagora" di Crotone, il Lions club di Crotone Host, di concerto con la famiglia Bellusci, terrà a battesimo la XXIII edizione del Premio Francesco Bellusci. Nel corso della cerimonia, allietata da un intermezzo musicale della violinista crotonese Gaia Laterza, saranno assegnate 12 borse di studio ad alunne e alunni meritevoli del liceo Pitagora che si sono distinti nel corrente anno scolastico. Il professor Francesco Bellusci fu preside del liceo Pitagora di Crotone dal 1930 al 1968. Raffinato cultore della poesia dantesca, egli stesso non disdegnò di cimentarsi nella creazione poetica. Fu maestro insigne di decine di generazioni di studenti che lo ricordano per le sue alte qualità morali e professionali, ma soprattutto per la sua spiccata sensibilità d'animo verso i giovani. Al professor Bellusci, il 13 gennaio 1972, venne conferita la Medaglia d'oro dal ministro della Pubblica istruzione. Il preside Bellusci fu tra i fondatori del Lions Club di Crotone e ne fu il 1° Presidente nell'anno sociale 1960/1961, proseguendo nell'incarico anche nell'anno sociale 1961/1962. Egli seppe coniugare mirabilmente l'essere lion e l'essere maestro di sapere e di vita. Il liceo classico Pitagora fu la sua seconda casa a pochi metri dalla prima. Il giorno dei suoi funerali (26 febbraio 1976) una folla immensa ne seguì le spoglie. Centinaia di ex allievi, professionisti provenienti da ogni parte d'Italia, vollero porgere il loro estremo saluto. Il Lions di Crotone ha fortemente voluto ed ottenuto dall'Amministrazione comunale l'Intitolazione della piazza Francesco Bellusci, ove è situata la palestra del Liceo classico. Da venti tre anni Il Lions di Crotone celebra il Premio Bellusci con borse di studio a favore degli alunni meritevoli del Liceo Classico Pitagora, in perfetta sintonia con le figlie e fino a qualche anno fa con la cognata Aurora D'Oppido del Lion preside Bellusci", conclude la nota».

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli
Pagina 1 di 3