Sei qui: HomeCRONACABarricati in Provincia, i dipendenti di Gestione servizi senza stipendio ormai da 18 mesi chiedono l'intervento del presidente Parrilla

Barricati in Provincia, i dipendenti di Gestione servizi senza stipendio ormai da 18 mesi chiedono l'intervento del presidente Parrilla In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Cronaca Mercoledì, 20 Settembre 2017 12:09

provincia portone polizia parrilla dimettiti

(Foto Facebook: Saverio Marafioti)

Una trentina di lavoratori della Gestione servizi spa, societa' in house della Provincia di Crotone, stanno manifestando all'interno del palazzo di via Mario Nicoletta. Con la protesta, i lavoratori hanno di fatto impedito agli impiegati della Provincia di accedere nell'edificio. I dipendenti di Gestione servizi, senza stipendio da 18 mesi, chiedono di incontrare il presidente della Provincia Nicodemo Parrilla in merito al loro futuro lavorativo e alla corresponsione degli stipendi arretrati.

 

 

 

Redazione

Uffici e Redazione

88900 CROTONE (KR) - Via San Francesco, 6 Pal.8 - Tel. 0962.1920909

 

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio RossoBlu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

balestrieri gif

------------

effemme box 300x250------------

archivio storico crotone

------------

gabbiano box 300x250

 

bonus pubblicità 2018 laprovinciakr verticale 1

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".