Sei qui: HomeCRONACABotti: 160 chili di fuochi pirotecnici sequestrati a Crotone, erano detenuti abusivamente in esercizi commerciali di cinesi

Botti: 160 chili di fuochi pirotecnici sequestrati a Crotone, erano detenuti abusivamente in esercizi commerciali di cinesi In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Cronaca Sabato, 22 Dicembre 2018 15:17

botti sequestro polizia crotone(Foto: Repertorio)

Circa 160 chili di articoli pirotecnici detenuti abusivamente sono stati sequestrati dalla Polizia a Crotone. Nel corso di controlli, personale della divisione Pasi - Squadra di polizia amministrativa, insieme a personale del Reparto prevenzione Crimine di Cosenza e della Polizia municipale di Crotone, nonché del Nucleo regionale artificieri di Catanzaro, ha proceduto al controllo di due esercizi commerciali, rinvenendo il materiale. Tre cittadini cinesi sono stati denunciati per detenzione abusiva di materiale esplodente classificato e/o equiparato di V categoria, di cui una parte privo della marcatura Ce.

 

 

 

Redazione

Uffici e Redazione

88900 CROTONE (KR) - Via San Francesco, 6 Pal.8 - Tel. 0962.1920909

 

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio RossoBlu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".