Sei qui: HomeCRONACACronaca, sgominata banda del racket e della prostituzione

Cronaca, sgominata banda del racket e della prostituzione

Scritto da  Pubblicato in Cronaca Mercoledì, 17 Giugno 2015 08:18

Sette persone sono finite in manette.

Nelle prime ore della mattinata odierna, personale della Digos e della Squadra mobile di Crotone ha tratto in arresto sette persone che avevano costituito un vero e proprio racket della prostituzione, ingaggiando giovani donne provenienti dall'Est europeo con false promesse di lavoro. Le ragazze, in diversi casi sono state costrette a subire violenze, anche fisiche da parte degli aguzzini. La banda era composta da due cittadini italiani e cinque rumeni, che sono stati catturati dagli agenti della Digos della Squadra Mobile in esecuzione dei provvedimenti restrittivi emessi dal GIP presso il Tribunale di Crotone. Nel corso dell'operazione sono state effettuate anche diverse perquisizioni e sequestrata documentazione utile alle indagini. Le risultanze dell'attivita' saranno illustrate nel corso di una conferenza stampa che si terra' alle 11 negli uffici della questura di Crotone. (lab)

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Giugno 2015 08:35
Giuliano Carella

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".