Domenica, 09 Agosto 2020

 

CRONACA NEWS

Concluse le operazioni di sbarco: 477 i migranti identificati e trasferiti in altri centri (Foto - video)

Posted On Martedì, 09 Dicembre 2014 10:49 Scritto da

prefettoSi tratta in gran parte di cittadini siriani e palestinesi in buone condizioni di salute: tra loro anche minori e donne in stato interessante. Il marcantile sarebbe partito dalle coste della Turchia.

VIDEO  - Si sono concluse le operazioni relative allo sbarco di 477 migranti giunti nel porto di Crotone a bordo di un mercantile avvistato da unità della Guardia Costiera l'altro ieri a largo di Reggio Calabria. Tutti i migranti sono in buone condizioni. Sono, in prevalenza, di nazionalità siriana e palestinese e, tra loro, ci sono anche quattro minori non accompagnati (sono stati ospitati presso un centro di Cirò Marina) e alcune donne in stato interessante. All'arrivo dell'imbarcazione, sono state attivate tutte le procedure per il primo soccorso. I migranti sono stati quindi trasferiti in centri di altre regioni (Veneto, Lombardia, Piemonte e Campania). Il mercantile era stato intercettato dalla nave "Diciotti" della Capitaneria di porto nella giornata di domenica. A Crotone, dunque, sono state effettuate da questa mattina e fino al pomeriggio le sole attività di soccorso e di identificazione dei migranti. Vi hanno preso parte le forze dell'ordine, i sanitari del servizio 118, la protezione civile ed associazioni di volontari. Il prefetto Maria Tirone ha seguito personalmente tutte le operazioni svolte sulla banchina di riva del Porto nuovo. Dai primi accertamenti è emerso che l'imbarcazione è partita dalla Turchia. Il mercantile con a bordo i migranti è stato trainato all'interno del bacino pitagorico da un rimorchiatore. La lunghezza complessiva della nave è di 72 metri e porta il nome Sendy sulla fiancata, ma la scritta appare sovrapposta ad un'altra denominazione.

Intanto in serata è intervenuto sullo sbarco Franco Corbelli, leader di Diritti civili. In una nota ha affermato rivolgendosi al neopresidente della Regione Mario Oliverio: «La Calabria da cui dobbiamo ripartire, per una nuova stagione dei diritti e della solidarietà, è quella dell'accoglienza e della giustizia sociale, è quella che a Crotone oggi ha accolto 500 migranti, arrivati a bordo di una vecchia imbarcazione, salvati in mare e fatti sbarcare nella Città di Pitagora. Da questa Calabria, di cui dobbiamo tutti essere fieri e orgogliosi, deve ripartire il Presidente Oliverio".