Sei qui: HomeCRONACALa solidarietà degli abitanti di Mesoraca verso la famiglia che piange la diciottenne morta fulminata nella vasca da bagno

La solidarietà degli abitanti di Mesoraca verso la famiglia che piange la diciottenne morta fulminata nella vasca da bagno In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Cronaca Lunedì, 06 Febbraio 2017 15:53

angela ruberto magliettaScatta la solidarietà degli abitanti di Mesoraca nei confronti della famiglia che piange la diciottenne morta fulminata nella vasca da bagno. E’ scritto nella storia che i poveri sanno essere più solidali dei ricchi. La conferma si è avuta, in questi giorni, a Mesoraca dove una famiglia povera e priva di reddito ha vissuto il dramma di perdere tragicamente una ragazza di 18 anni. Una famiglia povera che, molto probabilmente, avrebbe avuto difficoltà a fare fronte anche alle spese per i funerali (svoltisi nel pomeriggio di domenica scorsa) e allora ci hanno pensato gli abitanti di Mesoraca. Ognuno mettendo mano al portafoglio per la cifra che era possibile dare per aiutare quella famiglia che, in questo momento, aveva più bisogno degli altri. Il messaggio che arriva da Mesoraca, nonostante siamo di fronte ad un dramma, è bello. Dimostra che la gente del Sud nei momenti di bisogno sa come aiutare chi sta peggio. La disgraziata famiglia che ha vissuto il lutto ora dovrà rispondere anche del furto di energia elettrica. Dura lex sed lex (la legge è dura ma è legge) lo dicevano i latini, oggi diciamo che la legge è uguale per tutti. Forse avevano ragioni i latini, perché la legge non può essere sempre uguale per tutti. Non può essere che uno che ruba per bisogno possa essere messo sullo stesso piano di chi ruba per avere di più di quello che ha. Quelli che rubano per avere di più non possono avere nessuna attenuante. Non possono avere attenuanti soprattutto quelli che sono in politica e godono di entrate astronomiche. Eppure, come si evince dalla cronache quotidiane, i politici che rubano e magari sono collusi con le organizzazioni ‘ndranghetiste sono sempre di più. Il metro di misura per valutare il reato del politico ladro non può essere lo stesso del padre di famiglia che ruba l’energia elettrica altrimenti la sua casa resterebbe sempre al buio. I reati vanno puniti tutti, ma con qualche distinguo.

 

 

 

 

Gaetano Megna

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".