Giovedì, 13 Agosto 2020

 

CRONACA NEWS

Mesoraca, sfilza di sanzioni a danno di un circolo privato dopo controlli Polizia

Posted On Mercoledì, 10 Giugno 2020 13:20 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo
Mesoraca, sfilza di sanzioni a danno di un circolo privato dopo controlli Polizia Foto: repertorio

Nel pomeriggio del 9 giugno 2020, personale della divisione “Pasi – Squadra amministrativa”, nell’ambito dei servizi relativi al piano d’azione nazionale e transnazionale denominato “Focus ndrangheta”, ha effettuato controlli amministrativi nei confronti di alcune attività commerciali, all’esito dei quali, presso un circolo privato ubicato nel Comune di Mesoraca, si è potuto verificare che i sigilli, precedentemente apposti nei mesi scorsi su 4 congegni elettronici del tipo “Totem”, oggetto di sequestro amministrativo, e custoditi all’interno dei locali dell’associazione, erano stati rimossi.

Si è proceduto, pertanto, a deferire alla competente Autorità giudiziaria, per violazione dei sigilli, C. V. nato a Crotone, di 64 anni, in quanto custode degli apparecchi in argomento. In prosecuzione del controllo si è proceduto al sequestro amministrativo di una postazione internet completa e di un congegno elettromeccanico, in quanto si è accertato che, in qualità di presidente pro-tempore del circolo privato in argomento, aveva messo a disposizione in luoghi pubblici o aperti al pubblico o in circoli o associazioni di qualunque specie, apparecchi destinati, anche indirettamente, a qualunque forma di gioco, anche di natura promozionale, non rispondenti alle caratteristiche di cui ai commi 6 e 7.
Contestualmente è stata elevata sanzione amministrativa per un importo pari a 20mila euro in misura ridotta. Inoltre, è stata elevata contestazione amministrativa di 400 euro, in quanto gli operatori hanno accertato che il titolare non aveva provveduto ad attuare le previste prescrizioni sia di carattere informativo che igienico-sanitario, previste dall'ordinanza della Regione Calabria numero 43 del 16 maggio scorso e del Dpcm del 17 maggio scorso, relative al contenimento del rischio epidemiologico derivante dal “Covid-19” e, pertanto, è stata applicata la sanzione accessoria della sospensione immediata dell'attività per 5 giorni.
In merito seguirà segnalazione al Prefetto di Crotone per l'eventuale irrogazione dell'ulteriore sanzione della sospensione dell'attività da 5 a 30 giorni e contestazione amministrativa per aver consentito la somministrazione di bevande alcoliche a persone non affiliate alla predetta associazione, per un importo in misura ridotta pari a 1.032,00 euro.