Lunedì, 10 Agosto 2020

 

CRONACA NEWS

Ore 3: sul lungomare di Crotone entra in azione il ''branco''. Ennesima rissa l'altra notte

Posted On Sabato, 04 Luglio 2020 14:46 Scritto da Redazione

La furia del branco è scattata quando erano da poco scoccate le ore 3 di ieri notte. La serata è di caldo afoso e in giro, così come nei locali, c'è ancora molta gente.

L'alcol, una parola di troppo, forse una delusione amorosa. Tutto questo all'origine della rissa che ha coinvolto ieri notte una ventina di giovani, tutti tra i 18 e i 20 anni, sul lugomare di Crotone in una delle traverse che collega via Cristoforo Colombo a via Interna Marina, proprio dove insistono i locali della movida.

In un attimo sono volati pugni, calci, schiaffi, ma anche bottigliate e mazzate, che hanno subito coinvolto anche i tavoli di chi, ignaro, stava trascorrendo allegramente e in compagnia questo inizio di weekend. La baruffa si è protratta per qualche minuto, lasciando in terra tracce di sangue e vetri rotti.Sul posto sono arrivate poco dopo le volanti della polizia, ma il "branco" intanto si era dileguato lasciando tramorito uno dei protagonisti della rissa e un altro insaguinato in evidente stato di choc. Sono state due autoambulanze del Suem 118 a trasferirli per le cure del caso al pronto soccorso del San Giovanni di Dio.Quando è ormai l'alba e i fumi dell'alcol si sono attenuati, il bilancio è di 5 giovani finiti in ospedale per le contusioni ricevute. Ma a sentire chi ha assistito alla rissa, dicono che poteva andare peggio. C'è chi riferisce di un vero e proprio accanimento sul corpo tramortito del ragazzo rimasto in terra.

Questa mattina, sul luogo della rissa, c'erano ancora i segni della baruffa, con tracce di sangue evidenti e le volanti della polizia che compivano ancora rilievi. I gestori dei locali della zona riferiscono che, questo “andazzo”, cioè quella della rissa selvaggia e delle aggressioni di branco, sono ormai un fatto che si verifica con sistematica insistenza ogni weekend da quando è finito il lockdown.