Sei qui: HomeCRONACARapina alla gioielleria di Strongoli, arrestato anche il quarto (presunto) complice: era in Romania

Rapina alla gioielleria di Strongoli, arrestato anche il quarto (presunto) complice: era in Romania

Scritto da  Redazione Pubblicato in Cronaca Martedì, 14 Aprile 2015 13:42

Un ricercato, Florita Rotaru, di 24 anni, è stato arrestato a Bucarest perchè ritenuto il quarto componente della banda che l'11 febbraio scorso aveva compiuto una rapina alla gioielleria 'Oro Romeo' di Marina di Strongoli [LEGGI ARTICOLO]. Rotaru è stato rintracciato dai carabinieri in collaborazione con la Direzione centrale di Polizia criminale e della Polizia romena. Subito dopo la rapina, polizia e carabinieri avevano arrestato tre dei quattro rapinatori. Gli investigatori avevano poi identificato Rotaru come il quarto rapinatore e nei suoi confronti era stata emessa una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Le successive indagini dei carabinieri della Compagnia di Cirò Marina hanno consentito di accertare che Rotaru, dopo la rapina, aveva lasciato l'Italia raggiungendo la Romania. Gli investigatori hanno arrestato il ricercato mentre era in una zona nella periferia di Bucarest. Il 16 aprile Rotaru verrà presso in consegna dalle autorità italiane nell'aeroporto di Fiumicino e portato nel carcere romano di Rebibbia.

 

 

 

 

Ultima modifica il Martedì, 14 Aprile 2015 15:53

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".