Mercoledì, 15 Luglio 2020

CRONACA NEWS

Rapina da 100mila euro in laboratorio orafo di Valensa: 3 arresti tra Verona e Isola Capo Rizzuto

Posted On Martedì, 25 Novembre 2014 16:29 Scritto da

Sono stati bloccati a Verona e a Isola Capo Rizzuto (Crotone) i tre giovani tra i 22 e i 25 anni, due italiani e un marocchino, arrestati per il colpo da 100mila euro in un laboratorio orafo di Valenza.

Lo scorso luglio, fingendosi clienti, erano entrati nel banco metalli. Pistole in pugno, hanno immobilizzato la moglie e la figlia del titolare, un dipendente e due clienti e si sono impossessati di 50 chili d'argento, due chili d'oro in lingotti e sei mila euro in contanti. Prima di fuggire, hanno colpito alla testa il titolare con il calcio delle pistole. I carabinieri del comando provinciale di Alessandria li hanno identificati e rintracciati dopo una lunga indagine. Nei giorni scorsi i militari dell'Arma li hanno notati a Valenza, dove probabilmente erano tornati per un sopralluogo in vista di un altro colpo. 

Quel pomeriggio del 23 luglio scorso, in pochi minuti, si era scatenato l'inferno in via Cavour all'interno del banco metalli di Valenza. Il "commando" composto da tre persone e a volto scoperto, era armato di due pistole quando ha fatto irruzione nell'esercizio commerciale. Con del nastro adesivo e delle fascette sono state bloccate moglie e figlia del titolare, un dipendente e due clienti. I tre sono riusciti quindi ad arraffare due sacchi contenenti oro e argento, per un valore di circa 90 mila euro. Proprio mentre all'interno del negozio si stava svolgendo la rapina, rientrò in azienda anche il titolare del banco metalli. Alla vista del padre, però, la figlia ebbe la forza di urglargli: "Non entrare!". Così il titolare dell'attività, dal cortile dell'azienda, ha quindi avuto la possibilità di avvisare le forze dell'ordine. In una manciata di secondi, i tre rapinatori abbandonarono il locale, trovandosi di fronte l'uomo che, nel frattempo, tentava di sbarrargli la via di fuga. È stato per questo motivo che lo hanno colpito alla testa con il calcio della pistola, riuscendo così ad allontanarsi. Il titolare, però, riportò solo lievi ferite e non si rese necessario il ricovero in ospedale.