Sei qui: HomeCRONACASe ne va la ''penna'' che ha messo a nudo la Calabria disonesta e malavitosa: addio al direttore Paolo Pollichieni

Se ne va la ''penna'' che ha messo a nudo la Calabria disonesta e malavitosa: addio al direttore Paolo Pollichieni In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Cronaca Martedì, 07 Maggio 2019 11:46

paolo pollichieniLe inchieste senza veli e le battaglie per la legalità erano i cavalli di battaglia di Paolo Pollichieni, scomparso ieri all’età di 62 anni. Definire Pollichieni, direttore del Corriere della Calabria, un giornalista di razza è sicuramente riduttivo, perché era di livello superiore. Prediligeva le inchieste per mettere a nudo le malefatte della politica e delle istituzioni, senza fare sconti per nessuno. Con la sua scomparsa la Calabria e le persone oneste e laboriose di questa terra hanno perso un punto di riferimento importante. Hanno perso un pezzo da novanta per il riscatto di questa terra difficile e inquinata dalla presenza di faccendieri e organizzazioni criminali di ogni genere. A questa parte della Calabria mancherà la penna e l’arguzia di Paolo Pollichieni. Mancherà anche a tanti giornalisti che lo hanno conosciuto, stimato e scelto come modello.

 

 

 

Gaetano Megna

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".