fbpx
Venerdì, 09 Dicembre 2022

CRONACA NEWS

Six towns, sentenza della Cassazione: annullate le assoluzioni dei fratelli Marrazzo e di Gallo

Posted On Sabato, 24 Settembre 2022 16:43 Scritto da Redazione

La Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza del 17 dicembre 2020 della Corte d’Assise d’Appello nei confronti di tre imputati coinvolti nel procedimento scaturito dall'operazione “Six towns” che ha fatto luce su una presunta associazione mafiosa imperversante in sei comuni tra Crotone e Cosenza che secondo la Dda di Catanzaro vedeva a capo la famiglia Marrazzo di Belvedere Spinello. Confermate poi tutte le restanti condanne condanne.

Processo da rifare dunque per Agostino Marrazzo per l’accusa dell’omicidio di Franco Iona; per Sabatino Domenico Marrazzo (65 anni di Rocca di Neto) e per Saverio Gallo (60 anni, San Giovanni in Fiore) entrambi per il reato di associazione di stampo mafioso.
Sebbene sia stata confermata la condanna a 10 anni per associazione mafiosa, gli ermellini hanno annullato la decisione del tribunale di Catanzaro per Agostino Marrazzo riguardo l'omicidio di Franco Iona avvenuto nel 1999 a Belvedere Spinello.
La Suprema Corte ha annullato con rinvio, su richiesta della procura generale, l’assoluzione di Sabatino Domenico Marrazzo al 416 bis in qualità di promotore del delitto Iona. L'imputato era stato giudicato innocente dai giudici di secondo grado della Corte d’Appello di Catanzaro, ma era invece colpevole per il gup Distrettuale che gli aveva inflitto 8 anni di carcere nel primo grado giudizio.
La Cassazione ha inoltre accolto il ricorso presentato dall’avvocato Tiziano Saporito per Saverio Gallo, cui in appello erano stati inflitti 7 anni e 2 mesi di detenzione per traffico di sostanze stupefacenti.
Sarà necessario, infine, un secondo giudizio di merito anche per Francesco Rocca. L'uomo era stato condannato a 10 anni di reclusione per associazione mafiosa perché ritenuto promotore della ‘ndrina costituita a San Giovanni in Fiore, ma riconducibile sempre all'influenza dei Marrazzo.

La sentenza in corte d’appello (primo grado in parentesi)

  1. Domenico Bitonti, 28 anni, Castelsilano: (1 anno e 4 mesi): 1 anno e 4 mesi;

  2. Luigi Bitonti (30), Castelsilano: (1 anno 8 mesi) 1 anno e 8 mesi;

  3. Saverio Bitonti (60), Castelsilano: (11 anni e 6 mesi) 11 anni e 6 mesi;

  4. Ignazio Bozzaotra (45), Castelsilano: (1 anno e 4 mesi) 1 anno e 4 mesi;

  5. Valentino Defrancesco (30), Trenta (Cosenza): (2 anni e 4 mesi) prescrizione;

  6. Salvatore De Marco (34), San Giovanni in Fiore: (8 anni) 8 anni;

  7. Saverio Gallo (60), Solaro (Milano): (9 anni) 7 anni e 2 mesi;

  8. Antonio Guzzo (60), Rho (Milano): (6 anni e 8 mesi) assolto;

  9. Fabio Lopez (42), San Giovanni in Fiore: (6 anni e 8 mesi) assolto;

  10. Giovanni Madia (50), San Giovanni in Fiore: (9 anni e 2 mesi) 9 anni e 2 mesi;

  11. Agostino Marrazzo (57), Belvedere Spinello: (ergastolo) 10 anni;

  12. Giovanni Marrazzo (64), Belvedere Spinello: (10 anni) 10 anni;

  13. Sabatino Domenico Marrazzo (62), Rocca di Neto: 8 anni (assolto);

  14. Francesco Oliverio (50), Belvedere Spinello: (18 anni e 6 mesi) 16 anni e 2 mesi;

  15. Francesco Rocca (71), San Giovanni in Fiore: (10 anni) 10 anni;

  16. Giovanni Spadafora (48), San Giovanni in Fiore: (10 anni e 8 mesi) 10 anni e 8 mesi;

  17. Vittorio Spadafora (42), San Giovanni in Fiore: (3 anni e 8 mesi) 3 anni e 8 mesi;

  18. Ilario Iaconis Spina (35), San Giovanni in Fiore: (6 anni e 8 mesi) 6 anni e 8 mesi;

  19. Pasquale Torromino, (48), Crotone: (7 anni) 7 anni.