Lunedì, 18 Gennaio 2021

CRONACA NEWS

juric pre modena internaMister Juric ha smentito pochi minuti fa, nella conferenza stampa che pre-trasferta di Trapani, le voci insistenti di mercato che lo danno per la prossima stagione sulla panchina del Genoa. Durante la conferenza stampa convocata alle ore 14.15 presso lo stadio Ezio Scida, l'attesa dei giornalista era proprio verso il tecnico rossoblù e a lui hanno chiesto se rispondessero al vero le voci che lo danno in partenza a fine stagione. «Per quano riguarda la continuità o meno del mio rapporto con il Crotone - ha subito sottolineato Juric - non ho rilasciato alcuna dichiarazione. Come ho già detto in precedenza e come confermato dallo stesso presidente Raffaele Vrenna, ci incontreremo a fine campionato per programmare il mio futuro e quello del Crotone per quanto riguarda la conduzione tecnica».

 

«È vero - affermato -, mi sono sentito con Preziosi, ma anche con altri presidenti italiani e di società straniere. Ci sono tante opzioni che sto valutando e prenderò ogni decisione insieme con il presidente Vrenna perché c'è un gran rapporto tra noi. La scelta finale dipenderà dai sentimenti, dalle prospettive, dalle sensazioni che si possono avere come quella dell'anno scorso quando, pur avendo altre possibilità, ho aspettato la chiamata del Crotone».

 

Il dubbio amletico circa la permanenza di Juric al Crotone è stato anche al centro delle dichiarazioni rilasciate dal capitan Claiton: «Sarei felice che il mister rimanesse con noi anche l'anno prossimo». «Sarei felice di continuare a giocare per il Crotone la prossima stagione - ha detto il difensore - avendo fatto con questa squadra un percorso meraviglioso che vorrei proseguire anche in serie A. Sono sotto contratto con la società anche per la prossima stagione».


Parlando invece della prossima partita di Trapani, sia il tecnico, che Claiton hanno detto che si tratta di un match importante per entrambe le squadre, avendo ognuna delle un obiettivo da centrare. Juric: «Sarà una partita difficile contro una squadra che non perde da quattordici settimane e che vuole mantenere l'attuale posizione di classifica per i play-off. Il pareggio non serve né al Crotone, né al Trapani». Circa l'incognita Budimir che si era recato in Croazia e quindi lo davano assente negli ultimi incontri, Juric ha affermato che si è trattato di un viaggio per farsi curare in Croazia dal suo clinico di fiducia. «Budimir – ha continuato a dire il tecnico – giocherà le due prossime gare come pure Sabbione».

 

 

 

Pubblicato in Sport

pallamano 2016«Ci sono delle partite - riferisce un comunicato della squadra di pallamano Puliverde Crotone - che entrano nella storia per la loro importanza, altre per come sono disputate altre ancora per quello che succede fuori dal campo prima, durante e dopo l’incontro. Quella cruciale di sabato disputata a Terranova da Sibari fra i padroni di casa dell’Amatori Terranova e la Puliverde Crotone valida per la promozione in serie A2 (le due squadre erano a pari punti in classifica chi vinceva otteneva la promozione) è finita nel peggiore dei modi. Si è scritta probabilmente la pagina più brutta e vergognosa della pallamano calabrese».

 

«A fine partita - riferisce il comunciato - il presidente della Puliverde Crotone, un dirigente ed alcuni giocatori sono stati aggrediti da parte di molti dei tantissimi spettatori che sono entrati in campo. Non c’è stata nessuna tutela da parte della società ospitante. Nonostante tutto la dirigenza crotonese ha deciso di non sporgere denuncia, ma la vile aggressione lascerà grossi strascichi sul prosieguo dell’attività di questa società. Non si può pensare che per una partita di pallamano, per quanto importate e tra l’altro vinta dalla squadra di casa, si possa arrivare a rischiare l’incolumità fisica. Questo non è più sport, non è quello per cui tutta la Puliverde Crotone si sacrifica. Se la pallamano in Calabria, giustamente rappresentata dall’Amatori Terranova in quanto squadra che milita nella serie maggiore, è questa allora la Puliverde non ci vuole stare più».

 

«A Terranova - prosegue il comunicato - le partite sono state sempre maschie, spesso sono finite in modo non amichevole, ma sabato si è superato ogni limite di decenza. Non è costume della società crotonese lamentarsi degli arbitraggi, di quello che succede ai bordi del campo, degli insulti e del clima ostile, ma questa volte è stato superato ogni limite ed è giusto che tutti sappiano il rischio che si corre quando si gioca a Terranova da Sibari. È normale che quanto successo spedisce in secondo piano la partita che i crotonesi hanno disputato alla grande. Contro avversari che hanno giocato al limite del regolamento, una coppia arbitrale che non è apparsa nella sua migliore giornata ed un ambiente che definire ostile è un eufemismo, i pitagorici hanno messo in campo una prestazione maiuscola. Solo nei minuti finali hanno dovuto cedere dopo aver lottato e tenuto in piedi una partita giocata per molti minuti con un uomo in meno».

 

Per i crotonesi gli allontanamenti per due minuti sono stati molto più numerosi di quelli dei padroni di casa. La sensazione è che una partita del genere disputata in campo neutro e con la coppia arbitrale nella sua giornata migliore sarebbe terminata con un punteggio diverso. Però con i se e con i ma non si va da nessuna parte, l’Amatori Terranova ha vinto ed ha conquistato la promozione in serie A2. Una vittoria al veleno macchiata da un’aggressione che non fa bene allo sport e alla Calabria».

 

Tabellino.

Amatori Terranova – Puliverde Crotone: 26 – 20  (risultato pt: 11 – 10)

AMATORI TERRANOVA: La Fontana A., Scirrotta 4, Scarpelli, Pugliese A. 4, Corso 3, Borromeo 6, Gulotta 3, Di Marco 1, Smiriglia 5, Perrone, La Fontana G., Cassetti, Mauro, Oliva. All.: Pugliese E.

PULIVERDE CROTONE: Gentile, Gerace 1, Gigliarano 2, Perri R. 9, Perri M., Gallucci, Fiorenza A., Cortese, Martino 1, Malerba 5, Di Bona, Liotti, Lo Guarro, Fiorenza M. All.: Liviera.

 

 

 

Pubblicato in Sport

crotone latina squadreÈ finito col punteggio di 1-1 il march tra Crotone e latina disputato questo pomeriggio allo Scida. Tutte nel primo tempo le reti di Ricci (Crotone) e Brosco (Latina). Il Crotone resta in testa alla classifica di serie B con due punti vantaggio sulla diretta inseguitrice Cagliari che, con la vittoria di ieri, ha ottenuto la promozione in serie A.

 

Tabellino.

CROTONE   1
LATINA        1
Marcatori: Ricci 31°, Brosco 43°.

 

CROTONE (3-4-3): Cordaz 6; Yao 6.5, Barberis 6.5, Ferrari 6.5; Fazzi 6 (10' st Di Roberto 6), Sabbione 6, Salzano 6, Modesto 6 (37' st Garcia Tena sv); Ricci 7 (33'st Stoian 6), Budimir 6, Palladino 6.5. In panchina: Maniero, Cremonesi, Capezzi, De Giorgio, Delgado, Torromino. Allenatore: Juric 6.5


LATINA (4-3-3): Ujkani 6; Bruscagin 6.5, Brosco 7, Dellafiore 6.5, Calderoni 6; Schiattarella 7, Mbaye 6.5, Bandinelli 6 (46' st Baldanzeddu sv); Scaglia 6.5, Paponi 6 (37'st Boakye sv), Dumitru 6 (21'st Acosty 6). In panchina: Farelli, Esposito, Celli, Shahinas, Nelson, Corvia. Allenatore: Gautieri 6

 

ARBITRO: Candussio di Cervignano del Friuli 6
NOTE: spettatori 8362 incasso 63.070; ammoniti Calderoni, Bandinelli, Schiattarella, Fazzi.

 

Il commento.
palermo vrenna«Le ultime partite il Crotone le dovra' giocare come fossero finali» è quanto avevano affermato i rossoblù alla vigilia della trasferta di Modena. La prima finale meglio non poteva concludersi. Il punto conquistato contro i canarini in Emilia ha determinato la matematica promozione in serie A. Contro il Latina stesso impegno e stessa voglia per continuare a conquistare altri punti e rimanere al primo posto.

 

L'ampia vittoria del Cagliari a Bari nell'anticipo di venerdì obbligava i rossoblù ad incamerare i tre punti per non mettere a rischio la leadership. Il risultato finale ha smentito coloro che in maniera ingiustificata pensavano ad un Crotone immotivato a causa della promozione gia' raggiunta. In campo nel corso dei 95 minuti si e' ammirata una squadra che ha cercato il successo.

 

Tra gli undici rossoblu' iniziali mancavano per squalifica il difensore Claiton al cui posto e' stato spostato il centrocampista Barberis. Altra assenza quella dell'esterno Di Roberto per fare posto a Fazzi. Fin dall'inizio in campo ancheil centrocampista Sabbione schierato al fianco di Salzano. Mister Gautieri ha dovuto rinunciare ai centrocampisti Olivera (squalificato) e ad Ammari rimpiazzati da Mbaye e Dumitru. E' stato un primo tempo giocato da entrambe con intensita'. Tra i locali bene Fazzi esterno destro e Sabbione centrocampista. Ospiti insidiosi con Brosco, Scaglia, Paponi.

 

vrenna crotone plataformIl momentaneo vantaggio, il Crotone lo costruisce al trentunesimo minuto con Ricci che da dentro l'area trafigge Ujikan. Undicesimo gol stagionale del rossoblu' e tripudio sugli spalti. I minuti successivi sono a favore dei pitagorici fino al quarantatre quando il Latina in seguito al quarto calcio d'angolo si porta in parita'. Dalla bandierina batte Scaglia che fa giungere il pallone in area dove Brosco ben appostato lo mette dentro di testa. Inizio ripresa in evidenza il Latina he crede nella possibilita' di portarsi a casa i tra punti.

 

La convinzione dura fino al minuto quindicesimo, dopo e' il Crotone, che nel frattempo ha sostituito Fazzi con Di Roberto, a comandare il gioco con Palladino, Sabbione, Salzano ma il gol del vantaggio non arriva per la bravura degli ospiti che sanno come chiudersi a centrocampo. Fuori Ricci (impiegato piu'al fianco di Budimir che esterno) ed al suo posto Stoian. Non cambia il risultato fino al termine ed ora il distacco dal Cagliari si riduce a due lunghezze. Un punto d'oro per il Latina in chiave salvezza, ancora tutto da decidere nelle prossime due partite a proposito del primo posto.

 

 

 

Pubblicato in Sport

juric cordazIl Crotone ormai matematicamente promosso in Serie A, affonterà nella 40.esima giornata del campio Cadetto il Latina (stadio Ezio Scida - sabato 7 maggio - ore 15,00). Gli ex saranno il difensore Figliomeni e il portiere Farelli, squalificato Olivera. Nel Crotone assente per squalifica il difensore Claiton. Novità nella formazione con l'ingresso di Fazzi e Sabbione fin dall'inizio.

 

Probabili formazioni:
Crotone (3-4-3): Cordaz, Yao, Cremonesi, Ferrari, Di Roberto, Fazzi, Sabbione, Modesto, Ricci, Budimir, Palladino. All. Juric

Latina (4-3-3): Ujkani, Bruscagin, Dellafiore, Brosco, Calderoni, Schiattarella, Mbaye, Bandinelli, Scaglia, Paponi, Ammari. All. Gautieri

Arbitro: Candussio di Cervignano del Friuli
Coll. Raparelli - Calò
Quarto giudice: Francesco Catona di Reggio Calabria

 

Il pre-partita.

Non tutto è stato ancora conquistato dal Crotone dopo la matematica promozione in serie A. Ancora c'è in palio il primo posto che la squadra di mister Juric intende mantenere fino al termine di questa stupenda stagione. Quando mancano tre partite al termine e la distanza dal Cagliari (secondo in classifica) è di quattro lunghezze: anche quest'ultima ciliegina deve fare parte della torta rossoblù. È quanto affermano il tecnico Juric e il portiere Cordaz.


Cordaz: «Guardo in casa mia, voglio arrivare primo a fine campionato per festeggiare nel migliore dei modi il mio primo campionato vinto in Italia. In precedenza avevo solo vinto una Tim Cup di serie C con lo Spezia. Per quanto riguarda il futuro sarò felice di rimanere a Crotone anche in seguito avendo con la società altri due anni di contratto». Circa la stagione ancora in corso, Cordaz ha dichiarato: «Partita dopo partita, credevamo sempre più in ciò che abbiamo poi dimostrato di essere a fine stagione. Abbiamo raccolto quanto seminato nel corso degli allenamenti. Il mio segreto sta nella tranquillità familiare innanzitutto, poi nell'ottimo allenamento settimanale e alla fiducia dei miei compagni e del tecnico che durante gli allenamenti ci segue con la dovuta professionalità. La prossima partita casalinga contro il Latina la giocheremo come se dovessimo ancora vincere il campionato».


Mister Juric ha messo in evidenza l'ottimo gruppo che si è creato nel Crotone con il trascorrere delle partite e ha affermato che il primo posto è il traguardo che deve essere consolidato a fine campionato. «La squadra mi ha sorpreso nel corso della stagione, vedendo come crescevano i giocatori anche a livello mentale. Un fantastico Palladino, insieme a Garcia Tena e Di Roberto, arrivati a gennaio, hanno elevato la qualità della squadra. Ma i miei pupilli sono Ricci e Di Roberto. La gioia che sto provando con questo successo con il Crotone penso non si verificherà in altra occasione».

 

Per quanto riguarda la prossima formazione anti-Latina, il tecnico rossoblù è intenzionato a inserire sia Fazzi, che Sabbione nel reparto mediano. «Se in buone condizione fisiche giocheranno fino al termine del campionato – ha affermato Juric – per conoscere meglio il loro valore tecnico e dare la possibilità alla società di rendersi conto del materiale umano a sua disposizione».

 

Altra novità la sostituzione del capitano Claiton squalificato. Considerando ciò potrebbe essere un Crotone con Cordaz in porta, Yao, Cremonesi, Ferrari difensori. Di Roberto, Fazzi, Sabbione, Modesto centrocampisti. Ricci e Palladino esterni di fascia, Budimir punta centrale. Mister Gautieri, quarto allenatore stagionale ad essersi seduto sulla panchina del Latina, ha al suo attivo sette punti conquistati nelle ultime nove partite. Un magro bottino che non ha allontanato la squadra dalla bassa classifica. Contro il Crotone mancherà per squalifica il centrocampista Olivera il cui probabile sostituto potrebbe essere Mbaye.

 

 

 

Pubblicato in Sport

curva modenaIl Crotone ha conquistato la sua prima storica promozione in serie A, pareggiando per 1-1 sul campo del Modena nell'anticipo di oggi del torneo cadetto. Alla squadra calabrese, seguita in Emilia da 1200 tifosi, bastava un punto per avere la certezza matematica del salto di categoria, e così è stato grazie al gol segnato su rigore da Palladino al 45' pt, che ha pareggiato la rete di Luppi.

 

Tabellino.

Modena 1
Crotone 1

Marcatori: Luppi 16°, Palladino (R) 44°

 

Modena (4-3-1-2): Manfredini, Osuji,Gozzi, Marzorati, Rubin, Giorico, Nardini, Bentivoglio, Mazzarani (Belingheri), Luppi, Granoche (Stanco). All. Bergodi

Crotone (3-4-3): Cordaz, Yao (Garcia Tena), Claiton, Ferrari, Di Roberto (Balasa), Berberis, Salzano, Modesto (Cremonesi), Ricci, Budimir, Palladino. All. Juric

Arbitro: Riccardo Pinzani di Empoli
Coll. Dario Cecconi (Empoli) – Claudio Lanza (Nichelino)
Quarto giudice: Gianpaolo Mantelli di Brescia
Ammoniti: Osuji, Claiton, Nardini, Ricci, Balasa,
Angoli: 4 a 3 per il Modena
Recupero: 1 e 4 minuti

 

Il commento.

palladino modenaContro il Modena il Crotone si aggiudica il punto della matematica promozione ed è promosso in serie A: grazie Ragazzi! Avete scritto la migliore pagina di storia calcistica per la Città di Crotone. I vostri nomi resteranno scolpiti nella mente delle generazioni future. Di fronte ai numeri nulla è contestabile e tutti devono accettare ciò che affermano. La promozione del Crotone in serie A era nell'alveo delle cose possibili fin dalle prime giornate. La conferma che lo storico traguardo sarebbe stato raggiunto era visibile con il trascorrere delle partite che vedevano i rossoblù prendere il largo nei confronti delle altre pretendenti alla promozione. A pagare pegno al sorprendente Crotone anche il Cagliari considerato inizialmente l'ammazza campionato.

 

Perché la festa per la promozione iniziasse mancava l'ultimo piccolo tassello, un solo punto da conquistare nelle rimanenti quattro partite. Dopo il ...di Modena questo è avvenuto con tre giornate d'anticipo dalla fine del campionato ed a Crotone, in contemporanea con Modena dove erano presenti migliaia di tifosi, si sono aperti ufficialmente i festeggiamenti che erano stati preparati da più giorni. Subito dopo il triplice fischio del Sig. Pinzani la fontana di Via 25 aprile si è trasformata in una vera piscina dove si sono immersi, vestiti, molti tifosi.


gol modenaIl carosello delle centinaia di macchine per le strade di Crotone. Molti dei numerosi tifosi che hanno assistito all'incontro attraverso il max schermo nel Piazzale Ultras, si sono tuffati in mare. Saranno due giorni di festeggiamenti che faranno da prologo alle festività mariane. La lunga galoppata che si è conclusa con la promozione in serie A, ha visto protagonisti tutti i rossoblù che partita dopo partita hanno fatto parte della formazione. Il portiere Cordaz sempre tra i pali dall'inizio della stagione. Il bomber Budimir, 36 partite giocate e 16 gol realizzati. L'esterno Ricci con 32 presenze e 10 gol. L'altro esterno Stoian che di gol ne ha fatto 5 in 32 gare, e tutti gli altri: Balasa, Cremonesi, Torromino, Ferrari, Martella, Yao, Zampano, Barberis, Capezzi, Paro, Sabbione, Salzano, De Giorgio, Garcia Tena e Di Roberto.

 

Una nota di merito a parte per Palladino (nel momento più cruciale del campionato ha preso in mano la squadra elevandone la qualità) e per il crotonese purosangue Modesto che ha superato momenti difficili per quanto riguarda alcuni infortuni, ma quando si è ripreso fisicamente ha dimostrato quanto è importante per il Crotone. La cronaca della partita, il voto ai singoli giocatori, le novità delle formazioni che hanno riguardato un solo cambio da parte dei due tecnici rispetto alla precedente partita (Mazzarani al posto di Belingheri nel Modena e Barberis per Paro nel Crotone), per una volta evitiamo di commentarli perché a Crotone è già domani pensando alla serie A.


palladino modena2Fiorentina, Inter, Lazio, Roma, Udinese, le uniche squadre che fino ad ora non hanno mai affrontato in partite ufficiali il Crotone, lo avranno come avversario nella massima serie la prossima stagione. Per le altre squadre che faranno parte del girone di serie A non sarà una novità scontrarsi con i pitagorici. Quindi sarà un Crotone che tra gli élite del calcio nazionale non si presenterà in punta di piedi per non arrecare alcun disturbo. L'Ezio Scida ha già ospitato la gran parte delle squadre della massima serie, ed in trasferta i rossoblù hanno fatto tremare il Milan sul proprio terreno in occasione della Tim Cup.

 

La grande festa si protrarrà fino all'alba di sabato e poi continuerà domenica. In Inghilterra e in Europa è scoppiata la Leicestermania (la squadra allenata da Claudio Ranieri che è ad un passo dallo storico scudetto), a Crotone e in vari punti d'Italia la Crotonemania. Non solo nella città di Pitagora, ma in tutta la Calabria si guarda ai rossoblù pensando che la Regione torna nella massima serie dopo un'assenza di sette campionati. Grazie ragazzi! Avete scritto la migliore pagina di storia calcistica per la Città di Crotone. I vostri nomi resteranno scolpiti nella mente delle generazioni future.

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

serie AIl Crotone ha conquistato la sua prima storica promozione in serie A, pareggiando per 1-1 sul campo del Modena nell'anticipo di oggi del torneo cadetto. Alla squadra calabrese, seguita in Emilia da 1200 tifosi, bastava un punto per avere la certezza matematica del salto di categoria, e così è stato grazie al gol segnato su rigore da Palladino al 45' pt, che ha pareggiato la rete di Luppi.

 

Crotone in A, tifosi in festa in tutta la città - Migliaia di persone si sono riversate nelle strade del centro di Crotone per festeggiare la promozione in serie A già molti minuti prima la conclusione dell'incontro in trasferta col Modena. I tifosi che non hanno potuto seguire la squadra a Modena hanno assistito all'incontro con la formazione emiliana davanti ai due maxischermi allestiti in città: uno in piazza Ultras, chiamata così dopo la promozione della squadra in serie B, e l'altro in Piazza Pitagora. L'incontro è stato seguito con grande emozione in un tripudio di bandiere rossoblu. E dopo il fischio finale si é scatenata la festa, con caroselli di auto, cortei di persone festanti, balli e canti. Un gioia incontenibile per la prima, storia promozione della squadra del presidente Vrenna nella massima serie. Una festa che si fa sempre più intensa col passare dei minuti e che è destinata a protrarsi per tutta la notte in attesa del rientro domani della squadra da Modena, che la città si appresta ad accogliere in un clima di grande entusiasmo.

Pubblicato in In primo piano
Pagina 3 di 29