Giovedì, 13 Agosto 2020

 

CRONACA NEWS

carabinieri marijuana petilia policastroPETILIA POLICASTRO - Un arresto per droga e quattro segnalazioni per consumo di sostanze stupefacenti durante i controlli sul territorio da parte dei Carabinieri. Nella decorsa notte i militari hanno tratto in arresto un ventisettenne del luogo, già noto alle forze dell’ordine, per spaccio di sostanze stupefacenti. Il servizio svolto dai militari, attraverso una serrata attività d’indagine con l’esecuzione di servizi in abiti civili e lo sviluppo di fonti informative locali, ha consentito di individuare quattro assuntori del luogo, uno dei quali con precedenti specifici, che in tarda serata si stavano introducendo all’interno di un edificio annesso all’abitazione del presunto spacciatore, e qui si sono intrattenuti per diversi minuti. L’incursione all’interno dell’abitazione da parte dei carabinieri ha consentito di individuare la presenza dei quattro giovani ed il proprietario dell’abitazione, attorno ad un tavolo sul quale erano presenti quattro dosi di marijuana, appena confezionate all’interno di alcune bustine di carta marrone. Il numero di dosi, suddivise in 0,5 grammi, una per ciascun ragazzo, ha insospettito ulteriormente i carabinieri che, proseguendo la perquisizione, hanno rinvenuto all’interno di un magazzino posto sul retro dell’edificio, ulteriore sostanza stupefacente conservata in dei contenitori di carta stagnola occultati all’interno di una vecchia custodia di una videocassetta, per un totale di circa 20 grammi di marijuana. Per le circostanze del fatto, analoghe al tipico rapporto tra “fornitore e clienti”, i militari hanno avuto conferma di quanto emerso dall’attività info-investigativa sino a quel momento svolta. Ritenendo di essere davanti a una privata dimora, di fatto adibita a piazza di spaccio, di fronte a un soggetto già condannato per reati del medesimo tenore, hanno tratto in arresto il 27enne per spaccio di sostanze stupefacenti e segnalato amministrativamente i quattro ragazzi “acquirenti” trovati in possesso delle dosi lì confezionate.

 

 

 

 

Salva

Pubblicato in Cronaca

marijuana finanzaI finanzieri della Compagnia di Crotone hanno scoperto all'interno di un'abitazione, nella periferia Crotonese, una coltivazione di marijuana. Le piante invasate erano irradiate con lampade alogene, montate su un ingegnoso congegno di carrelli a doppio binario motorizzati e comandati da timer analogico; completava il tutto un sofisticato sistema di aerazione ed un moderno sistema di irrigazione munito di centraline digitali. La struttura è risultata essere collegata, giorno e notte, abusivamente alla rete elettrica pubblica, producendo un notevole consumo di energia. Tre persone sono state denunciate per produzione e traffico di sostanze stupefacenti, furto aggravato e detenzione abusiva di munizioni.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

guardia fiananza entrata caserma pirilloI finanzieri della Compagnia di Crotone hanno denunciato due ragazzi per detenzione di sostanze stupefacenti. L'operazione ha avuto luogo all'interno di una villetta comunale del capoluogo dove i finanzieri hanno fermato un diciottenne trovato in possesso di 52 grammi di marijuana. La sostanza, suddivisa in due involucri, e' stata rinvenuta addosso al giovane pronta per essere venduta. In seguito ad ulteriori accertamenti, i finanzieri hanno denunciato, in concorso con il ragazzo fermato, un diciannovenne accusato di aver distrutto, gettandola in un vicino canale di scolo, altra droga nascosta nell'abitazione del diciottenne.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

marijuana ciro carabinieriI Carabinieri della Stazione di Cirò sequestrano alcune piante di Cannabis alte circa 3 metri. Era ormai da alcune settimane che i militari avevano avviato attente indagini volte alla prevenzione e alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti nella propria giurisdizione. Le risultanze delle indagini svolte li avevano portati a indagare sulla presenza nelle contrade agricole limitrofe al paese di alcune piantagioni di “Cannabis Indica” sapientemente celate in terreni isolati. Dopo aver eseguito attente indagini e sopralluoghi nelle campagne circostanti al paese durante lo scorso week-end i Carabinieri della locale stazione hanno così individuato una piantagione di alcune piante di marijuana, in piena maturazione, ciascuna dell’altezza di tre metri. Le piante erano ben occultate tra i campi coltivati ad ulivi e alcune depressioni del terreno di una zona abbastanza impervia in località “Cappellieri”. I militari hanno quindi predisposto uno specifico servizio di osservazione che gli ha poi permesso di individuare, in fragranza di reato, Antonio Malena, di 46 anni, mentre si accingeva alla raccolta delle piante di stupefacente. Dopo aver tratto in arresto l’uomo ed aver sradicato e repertato le piante, i militari hanno messo l’arrestato a disposizione dell’Autorità giudiziaria di Crotone, nella persona del sotituto procuratore Luisiana Di Vittorio che ha coordinato le indagini. Il 46enne, in seguito, è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

marijuana trafinelloSequestrati 16 chilogrammi di marijuana all’interno di un casolare abbandonato in località “Trafinello” a Crotone. Nel pomeriggio di ieri, personale della sezione Antidroga dilla squadra mobile, ha individuato tre casolari abbandonati insistenti in un terreno di libero accesso. All’interno di uno dei casolari, gli agenti hanno notato che l’ingresso a una delle stanze era stato abilmente occultato, mediante l’utilizzo di un pannello in lamiera. Rimosso lo stesso, si è constatato che la porta di accesso era sbarrata con una rete metallica fissata con catena e lucchetto a un palo in ferro, per evitare l’intrusione di terze persone.

 

marijuana trafinello2Attraverso la rete metallica si intravedevano però numerosi ciuffi ricavati dalle piante di marijuana, sistemati in maniera ordinata a dei fili di ferro a loro volta fissati alle pareti della stanza, al fine di favorirne l’essiccazione. Dopo avere tranciato la rete metallica, il personale intervenuto ha recuperato e sequestrato la sostanza stupefacente che, dai successivi accertamenti, risultava essere marijuana per un peso complessivo di 16,3 chilogrammi. L’importanza del sequestro è dovuto al fatto che la marijuana rinvenuta, è totalmente utilizzabile all’immissione sul mercato, in quanto era stata già ripulita delle parti di scarto. Il tutto è stato ovviamente sottoposto a sequestro e messo a disposizione della competente Autorità giudiziaria.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

carabinieri marijuana nicastro2Altro importante colpo dei Carabinieri nella lotta allo spaccio di stupefacenti. Nella giornata di ieri i Carabinieri della Tenenza di Isola Capo Rizzuto hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, due cugini omonimi, Nicastro Giuseppe classi di 41 e 45 anni. I militari hanno eseguito numerose perquisizioni domiciliari volte alla ricerca di sostanze stupefacenti. Proprio durante una di esse, presso l’azienda agricola sita in località Sovereto di uno dei due cugini, in una stalla sono stati rinvenuti 1,7 chilogrammi di fogliame marijuana già essiccata. Nel frattempo un’altra squadra di militari ha perquisito la dimora dell’altro cugino, rinvenendo due piante di marijuana di un metro e sessanta centimetri e ulteriori 1,3 chilogrammi della medesima sostanza.

 

carabinieri marijuana nicastroNel cassetto del comodino, inoltre, i carabinieri hanno rinvenuto un bilancino di precisione, posto sotto sequestro. La sostanza stupefacente è stata quindi portata presso la Caserma di Isola Capo Rizzuto e sottoposto al narcotest, un procedimento chimico speditivo il quale permette di avere una prima conferma sulla presenza di principio attivo nella sostanza, in questo caso il Tha, ovvero tetroidrocannabinolo. Per i due cugini, non propriamente degli sconosciuti per l’Arma del posto, sono scattate le manette per produzione e detenzione di sostanze stupefacenti. Su disposizione del sostituto procuratore di turno, Luisiana Di Vittorio, i due sono stati posti agli arresti domiciliari. Oggi c’è stata l’udienza di convalida, a seguito della quale il giudice ha disposto per i cugini Nicastro l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 12 di 15