Giovedì, 28 Maggio 2020

CRONACA NEWS

Non si fermano gli sbarchi. Una imbarcazione da pesca con a bordo undici migranti stava per effettuare l’attracco, proprio in questi minuti (erano da poco passate le 13), sulla scogliera della "passerella" di Crotone GUARDA IL VIDEO. L'imbarcazione è giunta indisturbata, approfittando delle condizioni meteomarine favorevoli, proprio nella zona cittadina del lungomare limitrofa a via Cristoforo Colombo, gettando finanche una scaletta per mettere i piedi a terra. A questo punto, però, è intervenuta una pattuglia dei carabinieri a bloccarli. Ovviamente, il tutto, sta avvenendo nel clima delle rigide limitazioni imposte dal decreto emergenza Codiv-19. Le operazioni sono ancora in corso e i carabinieri hanno chiamato in causa la Questura di Crotone.  

Pubblicato in Cronaca

Una barca a vela con a bordo 33 persone, 31 dei quali migranti, è stata intercettata dalla sezione operativa di Crotone del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia della Guardia di finanza al largo di Capo Cimiti.

Fermati due sospetti scafisti di nazionalità russa che erano a bordo. Ad avvistare l'imbarcazione è stato l'equipaggio di un guardacoste in servizio di pattugliamento che, avvicinatosi al veliero, ha notato che il natante procedeva con i fanali di navigazione spenti per poi accenderli alla vita della Finanza.

I militari hanno abbordato l'imbarcazione, battente bandiera Usa, individuando i due presunti scafisti e 31 migranti sotto coperta tra cui due donne e diversi minori di etnia curdo-irakena e curdo-iraniana. Il veliero è stato condotto nel porto di Crotone. Gli scafisti avrebbero caricato i migranti a Bodrum (Turchia) navigando 6 giorni nel tentativo di raggiungere le coste italiane di notte. I migranti sono stati portati nel Centro di prima accoglienza di Isola Capo Rizzuto.

 

 

Pubblicato in Cronaca

immigrati barca a vela guardia finanzaCinquantotto persone, di nazionalità pakistana, sono state soccorse e condotte al porto di Crotone da una unità della Guardia di Finanza della sezione navale di Vibo Valentia. I migranti - tutti uomini, tra loro solo un minore - si trovavano a bordo di una imbarcazione a vela intercettata al largo della costa calabrese la scorsa notte. L'imbarcazione è stata scortata dalla Guardia di Finanza fino a Crotone dove le operazioni di sbarco - coordinate dalla Prefettura di Crotone - sono avvenute poco dopo le 2 del mattino. I sanitari del Suem 118 hanno accertato le condizioni di salute dei migranti. La Croce Rossa ha provveduto all'accoglienza ed al loro trasferimento nell'Hub regionale di Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto. E' il quinto sbarco registrato in meno di un mese sulle coste crotonesi. Nei giorni precedenti erano avvenuti 4 sbarchi: 52 persone a Le Castella il 3 settembre, 57 a Cirò il 6 settembre, 39 su un veliero il 9 settembre, 56 migranti l'11 settembre.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

veliero le castella soccorso guardia costieraCinquantasei migranti, tutti curdi iracheni, che erano a bordo di un veliero lungo 12 metri, sono sbarcati nel porto di Crotone dopo essere stati intercettati e soccorsi da personale della Guardia costiera a qualche miglia da Le Castella, nel territorio del comune di Isola Capo Rizzuto. I migranti - 41 uomini, 7 donne e 8 minori - sono stati fatti trasbordare dal natante su una motovedetta che li ha condotti nel porto di Crotone dove la Prefettura ha allestito il dispositivo dell'accoglienza costituito dal Suem 118, della Polizia di Stato e dalla Croce Rossa italiana. Successivamente il gruppo di profughi è stato accompagnato nel Centro di accoglienza di Sant'Anna. Con quello di oggi, sono quattro gli sbarchi avvenuti in pochi giorni nel crotonese: 52 persone sono giunte a Le Castella il 3 settembre, 57 a Cirò Marina il 6 settembre, 39 intercettati al largo della coste italiane lunedì 9 settembre.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

migranti barca motoreTrentanove migranti, tutti uomini, di nazionalità irachena, sono sbarcati stamani al porto di Crotone dopo essere stati soccorsi da motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza al largo dello Ionio 90 miglia circa dalla costa. I migranti, secondo quanto si è potuto apprendere, erano a bordo di una barca a motore e, una volta raggiunti, sono stati trasbordati a bordo delle motovedette. Ad attendere i migranti al porto di Crotone c'era personale della Croce Rossa Italiana e agenti della Polizia di Stato. I migranti, dopo una prima assistenza prestata al momento dell'arrivo, sono stati stati trasferiti nel Centro di accoglienza Cara "Sant'Anna" di Isola Capo Rizzuto.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

barche sbarco migranti le castellaStavano provando a rubare la barca a vela su cui il giorno stesso erano giunti a bordo 52 migranti e che si era incagliata sugli scogli nei pressi di Le Castella. È accaduto ieri sera intorno alle ore 20, quando i militari della Tenenza di Isola Capo Rizzuto, con l’ausilio di personale della Guardia Costiera di Crotone, hanno tratto in arresto per furto aggravato in concorso un trentanovenne coniugato, disoccupato, pregiudicato, attualmente affidato in prova al servizio sociale e un trentasettenne, coniugato, agricoltore, con precedenti penali, entrambi residenti ad Isola di Capo Rizzuto. I due, poco prima, avevano sottratto una barca a vela (risultata di proprietà di una ditta di noleggio con sede a Malta) con cui, nella mattinata di ieri, erano sbarcati alcuni migranti clandestini e che era rimasta incagliata tra gli scogli della località Le Castella al termine delle operazioni di soccorso. I militari operanti, giunti sul posto, hanno accertato che i due malfattori, dopo il furto, avevano preso il largo nelle acque antistanti il Castello Aragonese a bordo dell’imbarcazione rubata. Una volta raggiunti da personale della Guardia Costiera, sono però stati fermati e accompagnati presso il porto commerciale di Le Castella, dove sono stati subito tratti in arresto. Il natante, posto sotto sequestro, sarà restituito all’avente diritto. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 13