Sei qui: HomeCRONACATitolare di un'azienda segnalato alla Procura per falso e tentata truffa aggravata

Titolare di un'azienda segnalato alla Procura per falso e tentata truffa aggravata

Scritto da  Pubblicato in Cronaca Giovedì, 18 Giugno 2015 06:51

All'analisi dei documenti sono emergerse irregolarità. Sono risultate false anche le carte d'identità dei proprietari dei fondi.

Aveva accuratamente predisposto tutto l'occorrente per trarre in inganno gli Organismi pagatori e, quindi, beneficiare indebitamente dei contributi comunitari riconosciuti per il "sostegno ai redditi agricoli".

Tuttavia il tentativo di truffa, posto in essere dal titolare di una ditta individuale della provincia crotonese, è stato scoperto dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Crotone, al termine di un'attività investigativa coordinata dalla locale Procura della Repubblica ed originata da una segnalazione inoltrata all'Autorità Giudiziaria da parte dell'ARCEA – l' Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura. L' Ente Regionale aveva riscontrato delle anomalie nella documentazione a corredo delle domande uniche di pagamento presentate dall'imprenditore per gli anni 2013 e 2014. Gli approfondimenti investigativi delle Fiamme Gialle pitagoriche si sono concentrati sul riscontro della veridicità dei contratti di fitto dei fondi rustici, atti in virtù dei quali l'imprenditore poteva attestare la disponibilità di superfici aziendali dichiaratamente destinate all'esercizio di attività agricola. In questo modo veniva apparentemente soddisfatto il requisito fondamentale per poter ottenere gli aiuti comunitari, non più collegati, come avveniva in passato, all'effettiva produzione realizzata. Nello specifico, sono stati esaminati 12 contratti di fitto di fondi rustici situati in provincia di Parma ed un atto di concessione di terreno agricolo rilasciato da un Ente locale. Nella totalità dei casi è emersa la falsità degli atti, comprovata dalle testimonianze rese dai reali proprietari dei terreni, i quali hanno disconosciuto la sottoscrizione dei contratti, precisando di non conoscere la controparte. L'analisi dei documenti ha fatto emergere ulteriori irregolarità. Infatti, sono risultate false anche le carte d'identità dei proprietari dei fondi, allegate in copia fotostatica ai contratti per conferire una ulteriore parvenza di regolarità. I finanzieri, a completamento dell'indagine, hanno verificato anche l'aspetto relativo alla registrazione dei contratti presso l'Agenzia delle Entrate, riscontrando dagli accertamenti la completa falsità dei timbri apposti e delle sottoscrizioni del funzionario. L'Ufficio Finanziario ha attestato, inoltre, che i numeri riportati sui falsi contratti corrispondevano, in realtà, ad altri negozi giuridici realmente oggetto di registrazione. L'attività operativa, testimonianza dell'impegno quotidiano del Corpo della Guardia di Finanza ai fini della tutela della spesa pubblica, ha consentito di disporre tempestivamente il blocco dei pagamenti degli aiuti comunitari, evitando la dispersione di risorse pubbliche a danno del bilancio comunitario.

Ultima modifica il Giovedì, 18 Giugno 2015 07:17
Giuliano Carella

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".