Italian Dutch English Russian Spanish

Sei qui: HomeCULTURA | SPETTACOLI''Cinquecento a Firenze: tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna'', in mostra a Palazzo Strozzi fino al 21 gennaio prossimo

''Cinquecento a Firenze: tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna'', in mostra a Palazzo Strozzi fino al 21 gennaio prossimo In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Cultura e spettacoli Mercoledì, 08 Novembre 2017 18:53

amore venere palazzo strozziNell’imponente architettura rinascimentale di Palazzo Strozzi a Firenze, dal 21 settembre al 21 gennaio, è stata allestita la mostra “Cinquecento a Firenze - Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna”. L’evento, estremamente significativo e rappresentativo per il prestigio delle opere presentate, richiama numerosi visitatori. Di grande impatto visivo è il Dio fluviale di Michelangelo, la cui rilassata tensione muscolare, marchio distintivo dell’artista, lo accomuna a tante altre sue opere (David, Prigioni e altri) e non cessa mai di meravigliare. Continuando nel percorso espositivo, in un unico luogo si radunano tre imponenti opere: Deposizione dalla Croce di Rosso Fiorentino; Cristo deposto del Bronzino; Deposizione del Pontormo.

palazzo strozziApparentemente i temi sembrano simili; i pittori sono contemporanei, ma la resa artistica è profondamente differente e denota personalità, senso del colore e lettura degli episodi biblici del tutto originali. Rosso Fiorentino, con il suo cromatismo deciso, le linee nette e l’espressionismo realistico di alcuni personaggi, sarà stato sicuramente fonte d’ispirazione per i pittori moderni del Novecento (Gaudì, Guttuso, per citarne qualcuno); Pontormo nella sua pala visionaria, leggera, “danzante”, le cui figure sembrano ruotare aggraziatamente intorno al corpo perlaceo del Cristo deposto, realizza una raffigurazione che oltrepassa i confini delle definizioni e delle categorie, per assurgere ad una dimensione sempiterna e assoluta.

palazzo strozzi2Il Bronzino, raffinato ed elegante, riveste tutti i personaggi, anche quelli più umili, di una regalità indiscutibile, dovuta non solo agli accessori (gioielli preziosi; acconciature elaborate; abiti sontuosi), ma anche alla nobiltà dei lineamenti e alla compostezza della gestualità, che il dolore non altera, anzi impreziosisce. Posto in mezzo alla stanza, un monumentale crocefisso del Giambologna dalle membra affusolate esprime sacralità, fermezza e spiritualità. L’arte dello scultore fiammingo è al tempo stesso vibrante, commovente e stilizzata. Anche le altre sculture costituiscono un saggio di talento impareggiabile; in particolare il Ratto delle Sabine del 1579 circa e la Venere Anadiomene del 1571 – 1572. Nella prima opera, l’artista, attraverso un’impostazione quasi elicoidale, riesce a fare elevare fino al cielo l’energia espressa dai due corpi, ricorrendo anche a un gioco di pesi e contrappesi il cui esito finale è il miracolo del movimento nella fissità del bronzo.

palazzo strozzi3La Venere, aggraziata e leggiadra come si addice alla dea della bellezza, viene colta in tutta la naturalezza di un gesto quotidiano eppure estremamente femminile: tergersi la chioma dopo un bagno. Semplicità, eleganza e armonia delle proporzioni allo stato puro. Meritano attenzione tutti gli altri pezzi esposti, tra i quali segnaliamo: Venere e Amore di Alessandro Allori; Visione di San Tommaso D’Aquino di Santi di Tito e Annunciazione di Andrea Boscoli. La scena dipinta dall’Allori si apre prospetticamente su più elementi, consegnando però in primo piano i due protagonisti Cupido e Venere: ludico e giocoso il furto dell’arco da parte della dea; soavi e delicate le espressioni dei volti. Tutto l’insieme restituisce un’atmosfera trasognata, idillica e luminosa: il classico locus amoenus.

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 09 Novembre 2017 18:35
Romano Pesavento

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

ROMANO 600x300 rid

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • DA 23 ANNI SUL TERRITORIO CROTONESE

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".