Italian Dutch English Russian Spanish

Sei qui: HomeCULTURA | SPETTACOLILe Alpi di Segantini in mostra al Palazzo Reale di Milano: tra divisionismo e simbolismo (GALLERY)

Le Alpi di Segantini in mostra al Palazzo Reale di Milano: tra divisionismo e simbolismo (GALLERY)

Scritto da  Romano Pesavento Pubblicato in Cultura e spettacoli Martedì, 20 Gennaio 2015 15:42

Segantini2

La sobrietà delle cose umili, il rapporto primitivo tra l'uomo e la Natura, la luminosità dei paesaggi alpini sono motivi ricorrenti e fonte d'ispirazione per l'estro artistico e l'abilità espressiva di Giovanni Segantini, impareggiabile maestro della tecnica divisoria, in mostra presso il Palazzo Reale di Milano fino allo scorso 18 gennaio. Seguendo, passo dopo passo, i ritmi ancestrali della vita alpestre e succhiando il nettare della genuinità delle atmosfere rupestri, l'artista ne rappresenta in ogni sua opera la poesia con le sue sfumature romantiche e, a volte, malinconiche delle sue pennellate. Nei volti umili delle madri, dei laboriosi braccianti, contadini, mandriani, si leggono i duri solchi scavati dalle rughe e la fatica giornaliera, ma anche la purezza, l'amore e la dolcezza dei sentimenti che uniscono «tutte le femmine di tutti i sereni animali che avvicinano a Dio». Il sincronismo elettivo della tenera unione tra madre e figlio, elemento fondamentale del percorso umano e artistico del pittore, si presenta ricorrente in molti suoi quadri: il dramma della scomparsa prematura della propria madre, all'età di sette anni, ne influenza in modo fatale gran parte della produzione; tale rapporto viene vagheggiato con nostalgia e delicatezza rare; tanto più quando è iconograficamente accostato ai "cuccioli" di altre creature: vitellini con mucche, pulcini con chiocce, agnellini con pecore, specularmente rispecchiano la benevolenza e l'afflato della prima consanguineità. Le calde sfumature colorate del tramonto e il soave passaggio delle stagioni si imprimono sulle superfici e costellano i quadri di pulviscolo iridescente, rasserenando la mente dell'osservatore. Nell'armonia della quotidianità trova davvero rifugio la bellezza; la grazia delicata di variegate figure e forme bucoliche ci accompagna gradualmente verso un mondo semplice e antico. La spettacolarità imponente dei paesaggi dilata immaginazione e pensiero, che spaziano liberi tra gli echi delle gole delle catene montuose e si espandono all'infinito.

 

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Novembre 2015 10:39
Devi effettuare il login per inviare commenti

ROMANO 600x300 rid

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • DA 23 ANNI SUL TERRITORIO CROTONESE

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".