fbpx
Giovedì, 18 Luglio 2024

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

piantagione marijuana caccuri carabinieriBlitz antidroga dei Carabinieri di Caccuri che hanno scoperta una piantagione di “marijuana” e arrestato una persona. I carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro, assieme ai colleghi della Stazione di Caccuri hanno tratto in arresto G.A., 43enne originario di Cosenza e residente a San Giovanni in Fiore (CS), celibe, disoccupato, già noto alle forze dell'ordine. L’operazione è arrivata al termine di un incessante servizio di osservazione e pedinamento svolto per circa tra giorni su un'area particolarmente impervia del territorio ai limiti della provincia di Cosenza.

carabinieri arresto caccuri I militari hanno sorpreso l'uomo nel terreno agricolo di sua proprietà sito in località "Corico" poco distante dal comune di Caccuri, intento a coltivare 20 piante di canapa indica dell'altezza di circa due metri e 80 piante dello stesso tipo di varie altezze, in coltivazione e innestate in appositi vasi di polistirolo contenuti all'interno di casse di plastica nascoste sullo stesso terreno.

carabinieri arresto caccuri2Inoltre l'uomo è stato trovato in possesso di un grammo circa di sostanza stupefacente, 70 euro in contanti presumibili provento di spaccio, 2 taniche in plastica utilizzate per l'irrigazione e di altri 7 grammi circa di sostanza stupefacente suddivisa in dosi in una busta in plastica celata all'interno della sua abitazione. L'uomo, ritenuto responsabile del reato di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti è stato tradotto presso la propria abitazione in attesa del rito direttissimo disposto dall'Autorità giudiziaria competente.

 

 

 

Salva

Pubblicato in Cronaca

innocenzi mughini padellaroSono Giulia Innocenzi, con "Tritacarne", edito da Rizzoli, Giampiero Mughini con "La stanza dei libri", edito da Bompiani, e Antonio Padellaro, con "Il Fatto personale", edito da PaperFirst, i tre finalisti del Premio Letterario Caccuri 2017-sezione saggistica. Ad annunciarlo sono stati Adolfo Barone, Roberto de Candia e Olimpio Talarico, rispettivamente presidente, responsabile delle relazione esterne e responsabile della sezione saggistica dell'Accademia dei Caccuriani, l'associazione promotrice dell'evento che da sei anni anima l'estate culturale calabrese e non. Il vincitore verra' ufficializzato a conclusione dei quattro giorni "caccuresi", dal 7 al 10 agosto, durante i quali saranno concentrate le principali attivita' culturali e di intrattenimento dell'Accademia. Un piccolo paese della Calabria diventera' il faro culturale e dell'intrattenimento di tutto il Sud. Tutti e tre i finalisti, a prescindere dal posizionamento, riceveranno la "Torre d'Argento" realizzata dal maestro orafo Michele Affidato e diventata il simbolo di Caccuri e dell'intero evento. I libri saranno sottoposti al giudizio della Giuria nazionale e di quella composta da 80 iscritti all'Accademia. La Giuria nazionale sara' formata da 30 componenti tra scrittori, giornalisti, esponenti del mondo accademico e culturale e sara' presieduta da Giordano Bruno Guerri. L'ufficializzazione dei tre finalisti e' avvenuta oggi durante una conferenza stampa nell'aula consiliare del Comune di Crotone. Oltre agli organizzatori sono intervenuti: il sindaco di Crotone Ugo Pugliese, il vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Crotone Antonietta Cosentino, il sindaco di Caccuri Marianna Caligiuri e il maestro orafo Michele Affidato. Nelle prossime settimane verranno ufficializzati i nomi dei presentatori, degli ospiti e del vincitore del premio narrativa 2017.

Pubblicato in Cultura e spettacoli

PETILIA POLICASTRO – I carabinieri hanno intensificato i controlli nel territorio di Caccuri con numerosi controlli che hanno portato a quattro denunce. In concomitanza del periodo festivo la compagnia carabinieri di Petilia Policastro, ha dato corso ad una intensa attività di controllo del territorio nei centri urbani e rurali dei comuni di Caccuri, Cerenzia e Castelsilano, nel corso dei quali sono state controllate 57 persone e 46 veicoli, elevando 4 sanzioni al Codice della strada e il sequestro di un veicolo sprovvisto della necessaria copertura assicurativa. Nel corso delle attività finalizzate al monitoraggio di soggetti d’interesse operativo, inoltre, sono state effettuate 5 perquisizioni veicolari e due domiciliari. Sempre nel corso della stessa operazione, i militari della stazione carabinieri di Caccuri hanno deferito in stato di libertà il titolare di una ditta edile e un suo operaio per il furto di ghiaia e materiali inerti dal letto del fiume Neto in località “Gips” del comune di Castelsilano, oltre che un pensionato di Caccuri ritenuto responsabile del furto conseguente al taglio abusivo di legna in un terreno in località “Pizzetto”. Inoltre, nell’ambito dei controlli con il personale Enel per il contrasto al furto di energia elettrica, sono stati deferiti in stato di libertà una donna, già nota alle forze dell’ordine, ritenuta responsabile di furto di energia elettrica mediante l’allaccio abusivo alla rete di distribuzione a monte del contatore.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

bracconaggio carabinieriI militari della Stazione di Caccuri, unitamente al personale del nucleo guardie giurate del Wwf, gruppo di Crotone, hanno denunciato tre cacciatori, originari della provincia di Vicenza che erano in trasferta alle pendici della Sila, dove avevano appositamente organizzato una battuta di caccia per procacciarsi fauna selvatica da riportare a casa per l’imminente periodo Natalizio. I tre cacciatori, C.R. nato a Valdagno (VI), muratore sessantatreenne, P.L. nato ad Arzignano (VI), metalmeccanico 32enne, e T.L. nato a Valdagno (VI), artigiano trentunenne, sono stati trovati in possesso di ben 22 “fringuelli” abbattuti, tutti facenti parte di fauna selvatica protetta, ed un “verzellino”, appartenete a specie particolarmente protette dalla Convenzione di Berna. Si è così proceduto al sequestro delle armi e delle munizioni in possesso ai tre, armamento composto da: 492 cartucce per fucile di vario calibro; un fucile semiautomatico, marca Benelli, calibro 12; un fucile semiautomatico, marca Benelli calibro 20; un fucile semiautomatico, marca Breda calibro 12. I tre sono stati deferiti per concorso in uccisione di esemplari di specie di animali o vegetali selvatiche protette e per la violazione di diverse norme per la protezione della fauna selvatica, per i quali si rischiano un’ammenda di oltre 12mila euro oltre al rischio della revoca del porto d’armi per uso caccia e la perdita dei requisiti prescritti per lo svolgimento dell’attività venatoria.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

carabinieri posto blocco2Un operaio 62enne di Crotone è stato trovato con un valore di alcol nel sangue oltre cinque volte superiore rispetto al massimo consentito, ebrezza alcolica di 2,65 g/l dopo che aveva procurato un sinistro all’altezza di Caccuri. Questo è solo uno dei provvedimenti presi dei carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro che hanno condotto numerosi controlli nel territorio di competenza. Resta costante l’impegno nel controllo del territorio da parte dei militari coordinati dal capitano Marco D’Angelo. L'attività ha riguardato i comuni di Petilia Policastro, Mesoraca, Caccuri. I militari della Stazione di Caccuri hanno deferito R. R., un quarantanovenne residente a Caccuri, disoccupato, censurato, responsabile non solo di aver guidato un veicolo sottoposto a sequestro, ma di essere alla guida dello stesso addirittura senza patente, poiché già revocata nel dicembre 2016 per il medesimo motivo e mai più conseguita. Inoltre, da parte del Norm - Aliquota Radiomobile della Compagnia, è stato deferito P.C., operaio sessantunenne nato e residente a Crotone, sulla S.S. 107 “Silana Crotonese” all’altezza del territorio di Caccuri, per aver provocato un sinistro, fortunatamente senza feriti, alla guida del proprio mezzo con un valore di alcol nel sangue oltre cinque volte superiore rispetto al massimo consentito: l'ebrezza alcolica era di 2,65 g/l. Sono stati segnalati, R.G., disoccupato quarantacinquenne nato e residente a Mesoraca, trovato in possesso, a seguito di perquisizione, di una dose di sostanza stupefacente di tipo marijuana, A.N. trentenne di Castelsilano, trovato in possesso - a seguito di perquisizione domiciliare - di due dosi di sostanza stupefacente di tipo marijuana e E.N. trovato in possesso all’interno della propria abitazione, di altre tre dosi da un grammo di sostanza stupefacente di tipo marijuana. Inoltre, negli ultimi due giorni in ambito preventivo e di controllo del territorio, venivano controllati 24 veicoli e riscon-trate 9 infrazioni al Codice della Strada, 35 persone di cui 6 di interesse operativo, ed effettuate 8 perquisizio-ni personali e veicolari e controllati 7 esercizi pubblici della giurisdizione.

Salva

Pubblicato in Cronaca

castello caccuriFesta d'Autunno nel borgo del Castello di Caccuri il prossimo 29 ottobre. Previste sagra del cinghiale, sagra del fungo, sfilate in costume, visite guidate castello, stand prodotti artigianali, musica popolare, animazione per bambini e tanto altro ancora. «Nel borgo medievale di Caccuri – informa una nota -, sulla scia dell'interesse ottenuto dagli anni precedenti la Pro Loco di Caccuri, sta organizzando la quarta edizione della "Festa d'Autunno nel Borgo del Castello". La scelta della Pro Loco di proporre questa manifestazione – spiega il comunicato - è stata quella di destagionalizzare l'offerta turistica, anche se con non pochi rischi collegato al meteo, proponendo i prodotti tipici di eccellenza che nel periodo autunnale l'amata terra calabra ci dona. A detta del presidente della pro loco di Caccuri, Gianni Porcelli, "la forza per proporre la sagra del fungo e del cinghiale anche quest'anno ci è stata data dalle tante persone che lo scorso anno vi hanno partecipato, riconoscendo nella manifestazione un clima con odori e profumi originali, come qualcuno ha detto una suggestione di altri tempi”. Queste dichiarazioni – prosegue il comunicato – sono bastate all'associazione Pro Loco per convincerci di riproporre la festa". La novità di quest'anno sarà la partecipazione di tutte le pro loco della provincia di Crotone iscritte all'Unpli, che per l'occasione organizzeranno il loro raduno, dove non mancherà occasione per poter far conoscere e promuovere i propri territori e le loro attività svolte,con lo scopo principale di dare un messaggio di crescita, portando a conoscenza le tradizioni e la cultura del proprio territorio. Per l'occasione – rende ancora noto la Pro loco siberene –, l'Unpli provinciale ha indetto un bando di concorso dal titolo "I colori e le forme dell'autunno" che vedrà la partecipazione di tutti i bambini, delle scuole materne e primarie della provincia, che esporranno le proprie opere presso le sale del castello medievale di Caccuri. Inoltre, sempre presso il castello si terrà un convegno dal titolo "Pro loco, identità e cultura del territorio", che vedrà la partecipazione del presidente regionale Unpli, del presidente provinciale e del sindaco di Caccuri. Durante la serata – informa ancora il comunicato – sarà possibile, dalla torre del castello, osservare gli astri, grazie alla straordinari partecipazione dell'osservatorio astronomico "Lilio" di Savelli. Ci sarà anche la partecipazione dell'orafo Spadafora di San Giovanni in Fiore, che presenterà la sua ultima creazione: il gioiello "Castelli e Cattedrali di Calabria". La serata – conclude la nota – continuerà con la sagra del "Fungo e del Cinghiale" e sarà allietata da musica etno/popolare».

 

locandina caccuri festa autunno

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli
Pagina 8 di 10