Sei qui: HomePOLITICAAmbrosio ha rassegnato le dimissioni da capogruppo del Pd: «Forte spinta regionale a modificare le intenzioni della segreteria cittadina»

Ambrosio ha rassegnato le dimissioni da capogruppo del Pd: «Forte spinta regionale a modificare le intenzioni della segreteria cittadina»

Scritto da  Pubblicato in Politica Lunedì, 01 Aprile 2019 10:12

michele ambrosio«Come anticipato da qualche organo di stampa – scrive il consigliere comunale del Pd – Michele Ambrosio –, in data odierna ho rappresentato al presidente del consiglio comunale Serafino Mauro, la decisione di dimettermi da capogruppo del Partito democratico, in seno all'assise cittadina.
Una decisione presa – spiega Ambrosio – non a cuor leggero, tutt'altro, ma inevitabile alla luce degli ultimi accadimenti che rischiano, ancora una volta, di collocare me ed il gruppo consiliare in una posizione di spiacevole contraddizione. Ero fiducioso che dal rilancio della segreteria cittadina, avvenuto in maniera unitaria e condivisa, approvando unanimemente un documento politico nel quale si stabilivano percorsi e regole, si potesse aprire una duratura e produttiva stagione per il partito locale e il suo gruppo dirigente.
Su questo presupposto è nato il mio impegno, insieme a dirigenti e consiglieri comunali, proiettato a riportare il Partito democratico ad una vitale presenza sulle tematiche cittadine e dei cittadini, il cui distacco ha rappresentato, senza alcun dubbio, la reale causa di tutte le ultime sconfitte elettorali.
Si è lavorato, con difficoltà, ma insieme alla ricerca di un clima diverso, meno conflittuale, consapevoli che inclusione e accoglienza, erano e restano i presupposti essenziali per riportare il Partito democratico al suo naturale ruolo e per questo abbiamo assunto posizioni politiche di respiro nazionale e proposto iniziative come quella del 29 marzo sul tema della famiglia.
In queste ultime settimane, invece, ho registrato una forte spinta, di chiara matrice regionale, indirizzata a modificare il percorso intrapreso dalla segreteria cittadina e dal gruppo consiliare e tale situazione mi ha portato a valutare che il ruolo svolto, le posizioni politiche assunte, rischiano di essere da intralcio a future dinamiche elettorali che al momento non trovano una chiara condivisione.
Quindi per evitare inutili polemiche e perduranti contraddizioni, ho ufficializzato le mie dimissioni da Capogruppo del Partito democratico in seno all'assise cittadina, voterò alle elezioni del consiglio provinciale, così come stabilito dalla direzione provinciale del mio partito, consapevole che le scelte ultimamente operate, modificano, definitivamente, quanto sancito nelle elezioni amministrative del 2016.
In tale direzione auspico che la segreteria cittadina, possa rivedere quanto precedentemente deciso, ponendo fine ad una evidente antinomia ed avviando una nuova e più proficua stagione politica. Ringrazio i colleghi consiglieri per il sostegno e la fiducia accordatami, assicurando che continuerò a dare il mio contributo nel Partito Democratico insieme alle amiche e gli amici che in questi mesi mi hanno supportato e sopportato».

 

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".