Italian Dutch English Russian Spanish
Sei qui: HomePOLITICAAttacco del capogruppo Pd Mario Galea a Rosanna Barbieri: «Perche' ha accettato la candidatura?»

Attacco del capogruppo Pd Mario Galea a Rosanna Barbieri: «Perche' ha accettato la candidatura?»

Scritto da  Pubblicato in Politica Venerdì, 24 Giugno 2016 15:59

galela babrbieri«Con tutto il vento seminato - scrive il capogruppo del Pd Mario Galea - non possiamo certo stupirci della tempesta che abbiamo raccolto. Il popolo si vendica e si ribella e il voto lo certifica. Distruggere è la cosa più semplice. Dietro ogni proposta di cambiamento, si nascondono sempre individualismi, sete di potere e personalismi. Un suggerimento, se mi permettete - auspica Galea - firmate documenti che hanno lo spirito costruttivo e propositivo, dove le parole chiavi dovrebbero essere: bene comune, unità, impegno, collaborazione, gratuità, servizio, idee, riconoscenza... Forse, qualcuno pensa, che tagliando teste le cose cambiano? È il metodo che è sbagliato. Non è questione di rinnovamento ai vertici - capovolge Galea - ma di rieducazione alla base. Che le cose in questa competizione elettorale non stavano andando nella giusta direzione si era visto con i numerosi rifiuti che lo stesso Partito democratico aveva ricevuto prima di individuare Il nome della professoressa Barbieri. Un duro scambio di accuse - ricorda Galea - ha caratterizzato la campagna elettorale. Poco spazio, invece, è stato dedicato ai programmi. Il voto ci dice una cosa chiara: che in città siamo stati rottamati dai cittadini. La coalizione di centrosinistra non ha saputo ascoltarli. E ci hanno punito. Allo spoglio del ballottaggio - stigmatizza Galea -, ho sentito parlare di tradimento, di franchi tiratori: forse più di qualcuno che votava centrosinistra si è un po sentito preso in giro dal dover mischiare il proprio voto con quelli della destra e di Salvini. Perdiamo, perché, non abbiamo avuto una idea di città, non abbiamo saputo parlare, dialogare, tessere un messaggio di speranza a quei cittadini che sono nella disperazione, che vivono nella precarietà più assoluta con grandissima dignità. Bisognerebbe fare una sana ed attenta analisi. Il partito - commenta ancora Galea - ha perso le elezioni ma soprattutto ha perso le origini. La strada di casa. Dobbiamo rifondare Il Pd - auspica Galea - metterci dalla parte dei deboli e dei lavoratori. Il partito democratico si è imborghesito. Bisogna ripulire il partito e ritrovarci intorno a idee comuni ma soprattutto chiare. Lo dico con rammarico ma il nostro partito ha perso il contatto con il popolo. Il popolo va riconosciuto, sentito, amato, abbracciato come una volta quando il partito era amico dei deboli, degli emarginati, delle famiglie, degli operai e dei lavoratori. Il tessuto sociale della città - prosegue Galea - è seriamente in difficoltà. Attenzione all'ingiustizia sociale. Non si è stati nemmeno capaci di utilizzare come propaganda propositiva quelle cose buone ed utili che la vecchia amministrazione ha fatto. La professoressa Barbieri - polemizza Galea - che imputa la sconfitta sua e del Pd all'amministrazione Vallone e al governo Renzi, dovrebbe spiegare per quale motivo ha accettato la candidatura considerato che, se poteva difendersi dagli strascichi dell'amministrazione Vallone invocando una discontinuità nel metodo e nel merito, non poteva certo sfuggire alle responsabilità di Renzi, visto che la sua candidatura è frutto di indicazioni romane su suggerimenti regionali e provinciali, senza che il Pd locale abbia potuto mettere bocca. Anzi per il suo giudizio espresso - aggiunge Galea - sia sulla amministrazione Vallone che su Renzi non si capisce come mai frequenti proprio il Partito democratico. Questo partito - suggerisce Galea - deve diventare di nuovo un luogo di attrazione per chi vuole fare politica con umiltà e passione. Unico obiettivo: il bene comune, che non consiste nella semplice somma dei beni particolari di ciascun soggetto del corpo sociale. Essendo di tutti e di ciascuno è e rimane comune, perché indivisibile e perché soltanto insieme è  possibile raggiungerlo, accrescerlo e custodirlo, anche in vista del futuro. Abbiamo toccato il fondo; ricominciamo dai comitati di quartiere, dalla rete dei cittadini senza piangerci troppo addosso e facendo tesoro degli sbagli commessi in passato. Non basta andare in periferia - scrive Galea - solo in campagna elettorale. Fa male pensare che il Pd sia diventato questo "mostro". Oggi macchiato da una "infezione" che si può guarire solo rifondando totalmente e dalla base il partito stesso. Non dimentichiamo che abbiamo una ricca eredità storica e politica, fatta di valori. Quindi ritroviamo la strada di casa, capaci di incassare l'eredità lasciata da grandi uomini. Facciamo muovere le bandiere di un partito, consapevole di avere un popolo, da riconquistare, che in quella insegna si riconosce. Un partito che possa delineare le linee guida dell'azione di una opposizione di governo. Un ringraziamento al sindaco uscente, Peppino Vallone, per l'attività amministrativa profusa in questi dieci anni. Al nuovo sindaco, Ugo Pugliese, esprimo i miei auguri, con l'auspicio di svolgere nella legalità e nella trasparenza, un buon lavoro. Nel rispetto reciproco dei ruoli - conclude - con dialogo e confronto nell'interesse comune di risolvere le problematiche che affliggono la nostra città».

 

 

 

 

 

Salva

Ultima modifica il Sabato, 25 Giugno 2016 16:36
Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

ROMANO 600x300 rid

bioimis 29062016

balestrieri gif

effemme box 300x250

CISL GIF

archivio storico crotone

  • GIULIANO CARELLA

    seguimi

  • ANTONIO CARELLA

    seguimi

  • MARINA VINCELLI

    seguimi

  • GIUSEPPE LIVADOTI

    seguimi

  • ROMANO PESAVENTO

    seguimi

  • REDAZIONE

    seguimi

  • RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

    seguimi

  • gaetano megna avatar

    GAETANO MEGNA

    seguimi

  • paolo pulvirenti avatar

    PAOLO PULVIRENTI

    seguimi

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • DA 23 ANNI SUL TERRITORIO CROTONESE

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".