Venerdì, 25 Settembre 2020

POLITICA NEWS

Cena “core a core” tra il leader dei DemoKratici, Enzo Sculco, e il dirigente regionale Pd, Nicola Adamo: cosa bolle in pentola?

Posted On Giovedì, 08 Giugno 2017 18:47 Scritto da

sculco adamoTornano ad incontrarsi il leader del movimento dei DemoKratici, Enzo Sculco, e il dirigente regionale del Partito democratico Nicola Adamo. I due sono stati visti in un ristorante di Cosenza due o tre giorni fa, mentre cenavano e discutevano “core a core”. Il rapporto di amicizia che lega i due uomini politici non è un segreto per nessuno. Tutti sanno, infatti, che è stato Adamo a volere la candidatura di Flora Sculco, figlia di Enzo, nella lista di “Calabria in rete” che ha sostenuto la candidatura del democrat Mario Oliverio a presidente della Regione Calabria. Nonostante il legame antico l’incontro dei due uomini politici fa notizia, perché successivamente all’elezione di Oliverio alla guida della Regione, i rapporti tra Sculco e il Pd si sono lacerati e la rottura si è consumata con l’elezione a sindaco di Crotone di Ugo Pugliese, che ha posto il Pd all’opposizione. Probabilmente è stato il “tessitore” Adamo a volere il riavvicinamento del suo amico Enzo al Pd, con l’allestimento di una lista che sostiene il candidato a sindaco del partito di Renzi a Catanzaro, Enzo Ciconte. Il “core a core” nel ristorante di Cosenza potrebbe significare la ripresa definitiva del dialogo di Sculco con il Pd. L’unico ostacolo ad un ritorno a casa dei DemoKratici (la loro provenienza è la Margherita cofondatore del partito di Renzi) è rappresentato dalla dirigenza di Crotone. E’ più esatto dire da una parte della dirigenza, perché a Crotone c’è un frangia che farebbe ponti d’oro per fare rientrare Sculco nel partito. L’ostacolo serio è rappresentato da chi fa i conti con le candidature e teme che Sculco possa diventare un concorrente difficile da contrastare. Ad opporsi all’entrata nel Pd di Sculco ci sono anche i Giovani democratici, che però non hanno la forza per contrastare una corazzata qual è Adamo.