fbpx
Lunedì, 15 Aprile 2024

POLITICA NEWS

Crisi Abramo, ''Azione'': «Impegno parlamentari per convocare tavolo al Mimit»

Posted On Mercoledì, 21 Febbraio 2024 13:46 Scritto da
Crisi Abramo, ''Azione'': «Impegno parlamentari per convocare tavolo al Mimit» Foto: repertorio

«Le notizie poco confortanti, che giungono dai sindacati, ed ora anche da parte dei commissari giudiziali, in merito all’aggravarsi delle condizioni finanziarie dell’Abramo customer care, confermano purtroppo uno scenario prevedibile al quale non si è voluto porre rimedio nei tempi giusti ed evitare ulteriori sofferenze ai lavoratori e alle loro famiglie». È quanto scrive in una nota stampa Salvo Riga, coordinatore cittadino e capogruppo in Consiglio comunale per “Azione” a Crotone.

 

 

«Era il mese di luglio 2023 – ricorda Riga -, quando, con una missiva al prefetto chiedevo un urgente convocazione delle parti, ed in particolare della Regione Calabria, affinché la vertenza ritrovasse la giusta attenzione presso il Mimit. Era prevedibile, come già denunciato, non solo dal sottoscritto, ma soprattutto dalle parti sociali e lavoratori, che la diminuzione del lavoro da parte dell’unico committente Tim Spa, avrebbe prodotto una inevitabile riduzione dei flussi di cassa, incidendo sulla capacità finanziaria, con una conseguenziale difficoltà a sostenere i costi operativi, in particolar modo, il pagamento degli stipendi».
«In merito alla proroga annunciata a ridosso di fine 2023 - commenta Riga -, il governo deve con urgenza richiamare alla responsabilità sociale il committente Tim Spa affinché, oltre a dare giustificazioni, per i mancati flussi di lavoro, che hanno prodotto solo un aumento degli ammortizzatori sociali ed un danno in termini economici ai lavoratori».
«Ritengo sia l’ora della serietà da parte del governo centrale - sollecita Riga - e dimostrare tramite la riconvocazione del tavolo presso il Mimit, di porre in essere, un pacchetto di misure finanziarie per sostenere la continuità operativa dell’azienda oltre che a misure alternative di sostegno: quali la formazione in azienda dei lavoratori in alternativa agli ammortizzatori sociali, e contemporaneamente individuare attraverso le società partecipate dello Stato, nuovi contratti. Solo così si potrà rendere appetibile sul mercato l’azienda ed uscire dall’amministrazione straordinaria. Questo chiederemo al governo per mezzo dei nostri rappresentati nazionali, a salvaguardia del lavoro», conclude Riga.