Sei qui: HomePOLITICAL'assessore Frisenda: «L'emozione dell'inno di Mameli allo Scida: uno stimolo a fare sempre di più per lo sport crotonese»

L'assessore Frisenda: «L'emozione dell'inno di Mameli allo Scida: uno stimolo a fare sempre di più per lo sport crotonese» In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Politica Mercoledì, 17 Ottobre 2018 18:02

italia portogallo2«Ascoltare l'inno nazionale nella mia città, all'interno del nostro stadio per la prima volta di una squadra azzurra è stata un emozione immensa». Così l’assessore allo Sport Giuseppe Frisenda dopo lo splendido spettacolo offerto dalle nazionali di Italia e Portogallo under 20 e dal pubblico presente ieri sera allo Stadio Ezio Scida di Crotone. «Un ringraziamento – scrive l’assessore – va a tutti i crotonesi che hanno riempito la tribuna sostenendo i nostri azzurri e facendo sentire il loro immenso calore. Questo entusiasmo mi dà la forza e la voglia di impegnarmi sempre di più per portare nella nostra città altri eventi sportivi di carattere nazionale e internazionale».

 

Frisenda ricorda che: «E’ stato un lavoro lungo di preparazione all’evento cominciato con il dialogo positivo costruito con i massimi livelli dello sport come il presidente del Coni Malagò che ha mostrato grande attenzione per tutto il movimento sportivo crotonese. E poi il dialogo costruttivo con il Comitato Italiano Paralimpico ed il presidente Pancalli e con Comitato Paralimpico Regionale ed il presidente Antonello Scagliola. Con il presidente regionale del Coni Condipodero. Ed ancora con la Federazione Italiana Giuoco Calcio che ha scelto Crotone come sede della importante partita». «Programmazione ma anche promozione dello sport crotonese oltre i confini cittadini», sono state le parole d’ordine dell’assessorato per fare di Crotone realmente la “città dello sport”. «I risultati stanno arrivando – prosegue Frisenda –. Ieri Crotone ha avuto l’attenzione nazionale ed internazionale anche attraverso i media dei due paesi che hanno trasmesso in diretta l’evento che si è svolto con una cornice di pubblico entusiasta. In questo lavoro di preparazione l’amministrazione non è stata sola. Al suo fianco ha avuto il Coni Provinciale, la Figc provinciale, l’Ufficio Scolastico Provinciale, il Crotone Calcio».


In Tribuna erano presenti scuole calcio di tutta la provincia, scolaresche, rappresentanti delle società sportive cittadine e provinciali. Il sindaco Pugliese ha invitato, oltre alle massime autorità civili e militari, anche i colleghi sindaci per coinvolgere tutta la provincia in quella che è stata la festa dello sport. Ma anche la festa delle famiglie e soprattutto dei bambini. Il sindaco Pugliese e l’assessore Frisenda, durante l’intervallo, hanno voluto personalmente ringraziare tanti ragazzi che erano presenti sugli spalti. «Italia-Portogallo – annuncia l’assessore – non è finita ieri. A breve sarà organizzata una mostra con tutti i lavori realizzati dai ragazzi delle scuole che hanno partecipato all’iniziativa promossa dall’Assessorato che avevano come tema i valori espressi dallo sport e dalla maglia azzurra. Ma quella di ieri è stata sicuramente una serata che Crotone non dimenticherà», conclude Frisenda.

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Ottobre 2018 18:08
Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

balestrieri gif

------------

effemme box 300x250------------

archivio storico crotone

------------

gabbiano box 300x250

 

bonus pubblicità 2018 laprovinciakr verticale 1

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXV Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".