fbpx
Lunedì, 22 Luglio 2024

POLITICA NEWS

«Questa fiera è stata a costo zero per il Comune e i cittadini»: l'assessore Gentile traccia un bilancio sull'occupazione di suolo pubblico dopo la festa

Posted On Martedì, 23 Maggio 2017 17:23 Scritto da

gentile gaetani fiera marianaConferenza stampa, questa mattina, nella sala giunta del comune relativa al report delle attività per la Fiera mariana. Oltre all'assessore alle Attività produttive Sabrina Gentile, presente all'incontro con i giornalisti anche Rocco Gaetani presidente di Akrea società alla quale è stata affidata la gestione dei servizi della tradizionale fiera che anche quest'anno è stata particolarmente partecipata. L'assessore Gentile ha evidenziato una serie di punti partendo dal dato che quest'anno è stato impresso un cambiamento di passo rispetto al passato improntato sul criterio di legalità: «Tutti gli espositori hanno pagato l'occupazione suolo sia per le installazioni in fiera sia per le giostre e tutti erano in regola con la documentazione». I numeri del 2017 parlano chiaro rispetto al raffronto con il 2016. Quest'anno nella Fiera ubicata in viale Regina Margherita erano presenti 210 stalli che hanno portato nelle casse comunali per l'occupazione suolo 64.000 euro. Lo scorso anno con 300 stalli presenti l'incasso era stato di 57.000 euro. L'assessore Gentile ha precisato che rispetto al 2016 non c'è stato un aumento di tariffe bensì un controllo puntuale e deciso rispetto alle richieste da parte degli espositori le cui domande sono state esaminate tutte dalla Suap. Analogo ragionamento, in termini finanziari e di rispetto delle regole per le giostre: presenti 33 giostrai per 67 giostre, di cui due novità. Incassati nel 2017 11.000 euro, mentre nel 2016 la somma era molto più bassa: 7000 euro. Se si considera che l'intera organizzazione compresa la gestione, i servizi, la pulizia, la vigilanza è stata di 65.000 euro la fiera non è gravata di un centesimo sulle casse comunali e conseguentemente sui cittadini. L'assessore ha fatto un inciso anche sugli espositori dei vimini: «Come ribadito le tariffe erano quelle dell'anno precedente. Non c'è stato nessun aumento e tra l'altro, così come da tabelle, era previsto una richiesta di poco più di 1.000 € per 150 mq di spazi espositivi. Gli espositori intendevano pagare di meno e successivamente. Questo non sarebbe stato giusto per gli altri che invece hanno agito secondo regola» ha aggiunto l'assessore Gentile. Capitolo biglietti omaggio: «Gli omaggi pervenuti al Comune sono stati distribuiti a ventuno associazioni del sociale e a trecento famiglie bisognose. Abbiamo avuto nella disponibilità duecento schede omaggio che abbiamo distribuito in questo modo oltre a quelle che con grande sensibilità sono state messe a disposizione dalla Questura che ha destinato alle famiglie indigenti i relativi biglietti omaggio. Si tratta, nel totale complessivo dei biglietto omaggio, di una percentuale ristretta rispetto quelli che i giostrai ha destinato ad altre istituzioni. Per quanto riguarda l'amministrazione abbiamo operato rispetto a quanto detto in sede di conferenza stampa di presentazione delle attività fieristiche. Ribadisco che i biglietti sono andati a chi effettivamente vive in condizioni di indigenza» ha aggiunto l'assessore Gentile.