Giovedì, 06 Agosto 2020

 

POLITICA NEWS

Royalties pescatori marinerie crotonesi, Pitaro: «Passo in avanti, verso revisione Apq»

Posted On Martedì, 09 Giugno 2020 19:45 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«Impegni precisi per un settore che, da anni, attende l’erogazione delle royalties che garantiscono la sopravvivenza di centinaia di famiglie. Un passo importante che avviene in un periodo di profonda crisi dovuto anche all’emergenza, dopo anni di immobilismo».

È questo il commento del consigliere regionale Vito Pitaro (Jole Santelli Presidente), che ha organizzato per lunedì 8 giugno, presso la sala Blu della Cittadella Regionale, un incontro tra l’assessore regionale al Lavoro e alle Attività produttive, Fausto Orsomarso, e una rappresentanza di pescatori del Crotonese. Fra i fautori dell’iniziativa anche il deputato Sergio Torromino, che ha partecipato al meeting; al confronto, va detto, ha preso parte anche il dirigente del dipartimento Sviluppo economico della Regione, il dottor Felice Iracà.

«La tematica affrontata durante l’incontro è stata la mancata erogazione delle somme royalties alla marineria crotonese a far data dall’anno di estrazione 2014 - ha detto Vito Pitaro -. L’assessore Orsomarso dopo avere ascoltato le rappresentanze dei pescatori, si è detto disponibile ad approfondire la tematica per il superamento definitivo degli ostacoli che, fino ad oggi, hanno impedito l’erogazione alla categoria produttiva. Ciò anche in considerazione della grave crisi del settore pesca acuita dall’emergenza Covid-19». Secondo quanto riferito dal consigliere regionale «non si esclude la revisione dell’accordo di programma sottoscritto il 22 febbraio 2019, così come un percorso legislativo che vada a legiferare sulle modalità di erogazione».

L’assessore regionale Orsomarso ha così «promosso l’istituzione di un tavolo di confronto a cui prenderanno parte soggetti politici, istituzionali e tecnici della marineria al fine di individuare di concerto gli strumenti e i percorsi da seguire per potere arrivare alla risoluzione del problema in tempi ragionevoli». Secondo il consigliere regionale Vito Pitaro, infine, «l’attenzione sul tema sarà massima fino a quando, una volta per tutte, non verrà risolta questa annosa problematica che attanaglia centinaia di lavoratori del comparto».