Sei qui: HomePOLITICASanita', i portavoce del M5s a colloquio con il dg Arena: «Spirito collaborativo, ma vigileremo per rendere il servizio migliore»

Sanita', i portavoce del M5s a colloquio con il dg Arena: «Spirito collaborativo, ma vigileremo per rendere il servizio migliore» In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Politica Mercoledì, 02 Maggio 2018 14:36

portavoce movimento cinquestelle«Spirito collaborativo, ma vigileremo affinché la garanzia di una migliore sanità pubblica in città non resti una vacua prospettiva». Lo scrivono i portavoce M5s – i consiglieri comunali Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia e le parlamentari Elisabetta Barbuto e Margherita Corrado – dopo il colloquio chiesto e ottenuto con il dg dell’Asp di Crotone Sergio Arena. «Nella mattina del 30 aprile scorso – riferisce la nota – i portavoce del M5S Elisabetta Barbuto, Margherita Corrado, Ilario Sorgiovanni ed Andrea Correggia hanno incontrato il direttore generale dell’Asp di Crotone, Sergio Arena, come era loro intenzione e come anticipato dalle due parlamentari nel loro comunicato stampa del 12 aprile scorso. All’incontro, protrattosi per circa quattro ore, erano presenti anche il direttore sanitario, Agostino Talerico, il direttore amministrativo, Giuseppe Fico e l’avvocato Giulia Ferrante dell’ufficio legale dell’aziendasanitaria. I portavoce hanno evidenziato tutte le criticità che li hanno determinati a chiedere l’incontro sollecitando, in particolare, interventi rapidi ed efficaci per risolvere situazioni anomale e carenze organizzative che si ripercuotono in maniera dannosa sull’utenza. Sono state, pertanto, affrontate le tematiche relative al Pronto soccorso che, attualmente, definire un girone dantesco per chiunque abbia la disavventura di recarvisi appare davvero appropriato, considerati i tempi biblici di attesa, la mancanza di totale privacy dei pazienti e la fatiscenza della struttura; al servizio di emodinamica di cui da più anni si parla, ma che, finora, non è mai stato realizzato; al Laboratorio Analisi ove si è registrata una elevata insorgenza di patologie tumorali e che richiederebbe più approfondite analisi sulla situazione ambientale e strutturale a tutela degli operatori rispetto a quanto finora fatto ; al Sert, attualmente allocato in una struttura assolutamente inadeguata e non conforme agli standard di sicurezza per gli operatori e per l’utenza, evidenziando, tra l’altro, la necessità di seguire con attenzione il servizio della distribuzione del metadone, anche alla luce del recente sequestro, nel corso di una operazione dei Carabinieri, di boccette di tale medicinale rinvenuto in possesso di soggetti privati, non utenti del Sert; al Servizio di continuità assistenziale, in particolare alla guardia medica pediatrica, che recentemente ha chiuso i battenti privando di fatto i genitori di un servizio di grande utilità; al Registro Tumori e alla sua gestione; al Servizio veterinario. Il dottor Arena ha, quindi, ampiamente illustrato ai suoi interlocutori tutte le iniziative che l’Asp di Crotone sta avviando sia in merito all’ammodernamento della struttura ospedaliera che, nei prossimi mesi, vedrà la realizzazione del nuovo Pronto soccorso i cui criteri organizzativi dovrebbero risolvere le problematiche annose su evidenziate, sia in merito alla realizzazione di servizi che verranno dislocati sul territorio in favore dell’utenza per monitorare e curare le patologie croniche. In particolare a Crotone tali servizi verranno allocati nella struttura di Corso Messina ove, tra l’altro, nei locali del vecchio Dispensario, che verrà ristrutturato, vedrà la luce un servizio ulteriore a tutela dei soggetti autistici o affetti da altre forme di disabilità. Nel frattempo ha assicurato che è già prevista la riapertura del servizio di guardia medica pediatrica ed ha invitato i portavoce a visitare i vari reparti ospedalieri per verificare i lavori finora effettuati e la funzionalità degli stessi. Il colloquio, svoltosi in un clima sereno, non ha tralasciato neanche gli aspetti gestionali e di tipo amministrativo dell’Asp crotonese. Sono stati infatti affrontati il tema della carenza di personale medico e paramedico; della carenza di coordinatori di reparto ( caposala) e degli ingenti pagamenti che periodicamente vengono richiesti da chi viene designato temporaneamente a svolgerne le mansioni con grave danno per il bilancio aziendale e di un vecchio concorso mai conclusosi; dell’apertura e della gestione dei procedimenti disciplinari e della esigenza di favorire un clima di serenità fra gli operatori al fine di garantire e tutelare i pazienti ed i loro diritti; del ritardo dei pagamenti delle prestazioni ai privati che comporta altresì l’addebito di ingenti interessi moratori; delle ingenti somme pagate ai privati per gli affitti pari a circa 800.000 euro annue di cui solo 650.000 euro nella città di Crotone; e soprattutto della esigenza prioritaria di trasparenza e imparzialità nella gestione a tutela dell’utenza e dei dipendenti nonché dell’immagine della Asp. Nel riservare la richiesta di ulteriori incontri e di ogni azione che verrà ritenuta necessaria, anche al fine di monitorare il progredire di quanto prospettato ed illustrato dalla dirigenza, i portavoce assicurano una costante attenzione ed il massimo impegno perché venga garantita a tutti i cittadini una sanità pubblica efficiente per i pazienti e le loro famiglie».

 

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".