Italian Dutch English Russian Spanish
Sei qui: HomePOLITICASerrata del lungomare, interviene il consigliere Procopio: «L'amministrazione scelga la via della concertazione con gli esercenti»

Serrata del lungomare, interviene il consigliere Procopio: «L'amministrazione scelga la via della concertazione con gli esercenti» In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Politica Sabato, 15 Luglio 2017 15:40

giovanni procopio“L’amministrazione comunale di Crotone deve fare la scelta della concertazione abbandonando la strada della vessazione utilizzata nel confronti degli esercenti del lungomare della città”. Lo ha detto il consigliere comunale Giovanni Procopio, capogruppo di “Crotone bene comune”, intervenendo sulla vicenda dei controlli interforze operati nella tarda serata di ieri sulle attività degli esercenti del lungomare, su richiesta dell’amministrazione comunale. Secondo Procopio “quello che si è consumato ieri sera ha dell’incredibile: i cittadini e gli esercenti, loro malgrado, sono stati costretti ad assistere ad una rappresentazione teatrale del paradosso”. “In un primo momento – ha continuato a dire Procopio – la gente ha pensato ad una operazione di polizia seria finalizzata alla cattura di qualche latitante e visti i tempi qualcuno ha anche pensato che le forze impegnate potessero dare la caccia ad un terrorista dell’Isis che tentava di fare una strage tra i consumatori di caffè e gelati”. “Quando poi –ha sottolineato il consigliere comunale – sono stati individuati i dipendenti del Comune che accompagnavano i rappresentanti delle forze dell’ordine si è capito che si dava la caccia ad un metro in più occupato da una sedia e un tavolino; da quel momento in poi l’ilarità ha preso il posto della paura”. Secondo Procopio “non ridevano, invece, i turisti presenti in quel momento sul lungomare. Chissà che racconteranno di Crotone quando torneranno nelle loro città”. Sempre secondo Procopio “l’amministrazione comunale deve affrontare con la dovuta serietà la questione degli esercenti del lungomare, coinvolgendoli in un progetto di rilancio dell’accoglienza turistica”. “Gli esercenti vanno coinvolti – ha aggiunto – per migliorare il decoro del lungomare e anziché vessarli con tasse e balzelli vari devono essere impegnati a migliorare la qualità del lungomare tenendolo più pulito e rendendolo più attraente”. Concludendo Procopio ha detto: “L’interesse degli esercenti non può che essere quello di migliorare l’appeal del luogo dove operano e non può che coincidere con chi amministra la città; nei prossimi giorni presenterò un mio progetto su come lavorare tutti insieme per fare di Crotone un bene comune”.

 

 

 

 

Redazione

Uffici e Redazione

88900 CROTONE (KR) - Via San Francesco, 6 Pal.8 - Tel. 0962.1920909

 

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

ROMANO 600x300 rid

bioimis 29062016

balestrieri gif

effemme box 300x250

CISL GIF

archivio storico crotone

banner box cgil

gabbiano box 300x250

  • GIULIANO CARELLA

    seguimi

  • ANTONIO CARELLA

    seguimi

  • MARINA VINCELLI

    seguimi

  • GIUSEPPE LIVADOTI

    seguimi

  • ROMANO PESAVENTO

    seguimi

  • REDAZIONE

    seguimi

  • RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

    seguimi

  • gaetano megna avatar

    GAETANO MEGNA

    seguimi

  • paolo pulvirenti avatar

    PAOLO PULVIRENTI

    seguimi

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • DA 23 ANNI SUL TERRITORIO CROTONESE

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".