Sei qui: HomePOLITICASoppresione elisoccorso Cirò, la segreteria Cgil: «Porre fine alla stagione commissariale, ridare gestione Sanità alla politica»

Soppresione elisoccorso Cirò, la segreteria Cgil: «Porre fine alla stagione commissariale, ridare gestione Sanità alla politica»

Scritto da  Pubblicato in Politica Lunedì, 27 Febbraio 2017 17:30

segreteria cgil«E’ una vergogna – scrive la segreteria della Cgil Crotone – quella che si sta perpetrando ai danni del territorio Crotonese, una vergogna alla quale, come un mosaico ben costruito, si aggiunge ogni giorno un nuovo tassello. La soppressione dell’elisoccorso con base a Cirò Marina non è altro che l’ultimo atto, ma solo in termini cronologici, del depauperamento di questo lembo di Calabria. È sotto gli occhi di tutti la continua spoliazione di uffici, servizi e funzioni (tra un po’ toccherà anche alla Cciaa e al Provveditorato agli studi) così come è sotto gli occhi di tutti lo stato infrastrutturale con la viabilità provinciale interamente compromessa, con la statale 106 in attesa di miracoli, porto, aereoporto e ferrovia praticamente inesistenti. È in questo quadro così devastato che si inserisce la soppressione dell’elisoccorso, un servizio che, oltre a rappresentare un punto di riferimento nell’insieme della programmazione della rete emergenziale per tutta la Regione, ha rappresentato in questi anni un punto di riferimento irrinunciabile alle continue emergenze del nostro territorio. Due le considerazioni che ci vengono spontanee: la prima, è come si possa pensare di escludere l’intero bacino servito dalla base di Cirò Marina, e che riguarda tutta la fascia dell’Alto Ionio, sulla scorta di parametri meramente numerici dettati dal Dca in questione, senza tenere in alcun conto la copertura dei territori che quella base offre, ci chiediamo e chiediamo chi ha redatto; la seconda, è come si possa pensare di togliere a questo territorio la possibilità di intervenire con urgenza, nei casi in cui il tempo diventa di vitale rilevanza e con il quadro infrastrutturale appena descritto, su delle patologie sempre più frequenti e che non hanno la necessaria copertura nel nostro nosocomio. Solo per citarne alcune. È da anni che con sempre più forza ribadiamo la necessità di attivare una postazione di emodinamica con annessa cardiochirurgia nel nostro presidio ospedaliero. È da anni, a dire il vero lo fece l’allora assessore Sulla, che si proponeva la presenza di una camera iperbarica motivata dal fatto che sul nostro territorio insiste una delle più grandi riserve marine. Eliminare quella base, in assenza di una seria programmazione emergenziale ed in questo contesto è, come dicevamo prima, veramente vergognoso. Noi stavolta non ce la vogliamo prendere col commissario Scura a prescindere (come diceva Totò), anche perché la proposta viene dal dipartimento salute con tanto di firma del dirigente Fatarella che, per le ben note vicende a cui abbiamo assistito in questi anni, non è proprio un dipendente e/o un assecondatore delle volontà del commissario. Asseriamo però, con sempre più convinzione, che vada immediatamente cancellata la gestione commissariale di questo settore, ridando alla politica le sue inevitabili responsabilità ed evitando, magari, e non ce ne voglia il presidente Oliverio, di combinare un altro patrocchio affidando la gestione commissariale alla politica».

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".