fbpx
Martedì, 16 Luglio 2024

POLITICA NEWS

Astameter2L'Area marina protetta (Amp) di Capo Rizzuto rende noto che il ministero dello Sviluppo economico (Ufficio italiano brevetti e marchi) ha comunicato l'avvenuta concessione del brevetto n. 0001411697 per il monitoraggio di parametri ambientali delle fanerogame marine (Posidonia oceanica e Cymodocea nodosa) per mezzo di un'asta metrica denominata "Astameter". La titolarità del brevetto è in capo alla Provincia di Crotone in qualità di ente Gestore dell'Amp Capo Rizzuto. L'Astameter è uno strumento multifattoriale in grado di misurare, grazie all'installazione di specifiche sonde data logger, svariati parametri fisici, ambientali e idrologici quali: il tasso di sedimentazione, il tasso di crescita della matte, il tasso di seppellimento dei rizomi, l'intensità della luce e la temperatura dell'acqua, l'ossigeno disciolto, la salinità e la conduttività, la CO2 e si presenta molto valido soprattutto se utilizzato nelle attività di monitoraggio delle Aree Marine Protette, nell'ambito della valutazione degli impatti costieri dovuti alla costruzione di opere marittime, nella sorveglianza dello stato di qualità e di conservazione delle praterie di Posidonia oceanica, nonché nell'ambito dei piani di monitoraggio previsti per la Direttiva quadro sulle acque e per la Direttiva 2008/56/CE "Marine Strategy". L'Astameter, realizzato grazie alla collaborazione tra i ricercatori Francesco Rende, Domenico Rocca e l'Amp, è stato testato e perfezionato nell'ambito del progetto Svi.Str.In. (Sviluppo strumenti innovativi) con il supporto di Ispra (Istituto superiore per la ricerca ambientale - Cra 15 dipartimento I "Monitoraggio della qualità ambientale marina). L'impiego di tale brevetto, che pone l'Amp Capo Rizzuto all'avanguardia nell'ambito dell'applicazione di tecniche innovative e sperimentali per la gestione delle aree marine protette, consentirà di poter realizzare iniziative di rientro economico da reinvestire nella gestione. Apprezzamento e soddisfazione viene espressa dal Presidente della Provincia Peppino Vallone e dal Consigliere Francesco Pellegrini per le attività svolte dall'Amp Capo Rizzuto, realtà ormai consolidata in grado di valorizzare il territorio della provincia di Crotone anche grazie all'innovazione ed alle attività di ricerca scientifica perseguite, prese come riferimento anche a livello nazionale ed europeo.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

giungata devivo grillo cosentino

Presentato nella sala consiliare del Comune di Crotone, nell'ambito delle iniziative celebrative promosse in occasione del "Giorno della Memoria", coordinate dalla Prefettura, il libro del giornalista Gennaro Cosentino "Giovanni Grillo da Melissa al Lager – la vicenda di un deportato calabrese". Con l'autore Gennaro Cosentino, volto del giornalismo calabrese e scrittore, erano presenti il prefetto di Crotone Vincenzo De Vivo, l'assessore alla Cultura del Comune Antonella Giungata e la figlia del protagonista del libro, Michelina Grillo. Il libro è una testimonianza diretta e drammatica, vissuta da un cittadino della provincia di Crotone, dell'ignominia dei campi di concentramento ma anche un delicato ed approfondito racconto di uno dei periodi più bui della storia. La storia personale di un uomo, Giovanni Grillo, nato a Melissa il 9 giugno 1917 e deportato in Germania dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, ha coinvolto il numeroso pubblico presente che rivissuto il racconto dell'orrore vissuto nei campi di concentramento nazisti. Due anni di fatica dura ed umiliante, quelli attraversati da Giovanni Grillo in priginia, fino alla liberazione avvenuta nel 1945. Due anni di sfruttamento e di punizioni da parte degli aguzzini. Due anni di incertezze per un futuro che sembrava sempre più buio. Due anni che però non allentarono la forza d'animo di Giovanni Grillo al quale, anni dopo, il presidente della Repubblica concesse, alla memoria, la medaglia d'onore ai cittadini italiani internati nei lager nazisti. Una forza che gli consentiva di scrivere, quando gli era ancora possibile farlo, alla sua famiglia facendo loro coraggio e senza mai compiangersi. Giovanni Grillo, un uomo con la "U" maiuscola che ha vissuto un periodo di storia con la "S" maiuscola. Una storia raccontata, con l'occhio attento del cronista e dello storico da Gennaro Cosentino che, nel corso della serata, ha dialogato a lungo con i ragazzi delle scuole crotonesi che il prefetto De Vivo e il sindaco Vallone hanno fortemente voluto presenti all'iniziativa. Tra loro gli studenti del liceo scientifico Filolao, dell'istituto comprensivo Giovanni XXIII, della scuola Maria Grazia Cutuli e della scuola Anna Frank (con i piccoli redattori del giornalino scolastico). Commovente l'intervento di Michelina Grillo che non ha parlato del soldato ed del deportato, ma di un padre affettuoso e tenero che ancora oggi rivive nei suoi ricordi ed ora, grazie all'opera di Gennaro Cosentino, anche in un libro che ne ripercorre la vicenda umana.

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

sbarco17Smugglinge e trafficking, ovvero favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e traffico di esseri umani finalizzato allo sfruttamento. Questi i due temi principali affrontati nel corso di una tavola rotonda che si è svolta nella mattinata odierna presso la sala della Curia arcivescovile. A organizzare l'iniziativa è stata la Questura di Crotone, in collaborazione con l'Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni). Al dibattito, introdotto dalla dottoressa Maria Antonia Spartà dell'Ufficio immigrazione della Questura di Crotone, ha preso parte la dottoressa Valeria Bisignano, componente del team antitratta dell'Oim Puglia e Calabria, in qualità di esperta antitratta nell'ambito del progetto "Praesidium", finanziato dall'Unione europea e dal ministero dell'Interno, insieme alla collega e mediatrice culturale nigeriana Fatima Enikebolo, il dottor Luca Pianese componente dell'Oim Calabria e Federico Riccio operatore di Unhcr per la Calabria. I temi trattati nel corso della manifestazione, che ha visto la partecipazione di circa 40 operatori di Polizia, hanno spaziato dalla definizione della tratta, con esplicitazione degli elementi tipici della fattispecie e dati statistici, alla differenza esistente tra il fenomeno della tratta di esseri umani, o meglio del favoreggiamento dell'immigrazione clandestina (smuggling) e del traffico di esseri umani cioè della tratta finalizzata allo sfruttamento (trafficking). Si è poi fatto riferimento al caso delle donne nigeriane, vittime di tratta e alle difficoltà di queste ultime a raccontare la propria condizione di vittime. Infine è stata anche presa in considerazione la tutela giuridica del fenomeno soffermandosi, in particolare, sul rilascio del permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale ex art. 18 T.U. Immigrazione (D.L. 286/98).

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

La direzione territoriale Mezzogiorno della Banca popolare dell'Emilia Romagna rinnova anche per il 2015 il consueto supporto all'iniziativa del prestigioso quotidiano economico.

Pubblicato in Attualita'

Contestano il mancato rinnovo del contratto collettivo di lavoro del settore. Il segretario provinciale della sigla di categoria Andrea Imbrauglio: «L'Abi vuole destrutturare per ridurre il costo del personale».

Pubblicato in In primo piano

salviamocapo6«Alla luce della visita del Sindaco della città - informa una nota del comitato -, nonché degli impegni presi da quest'ultimo, visto il comunicato esposto dall'Ufficio Stampa del Comune in nome della Soprintendenza nella giornata odierna, il Comitato spontaneo di cittadini #salviamocapocolonna comunica che non sarà più tollerabile cercare vie di uscita alla ferma richiesta di rimozione del cemento, alla rimodulazione del progetto e alla individuazione di responsabilità specifiche, che ha oltraggiato un luogo da sempre sacro e patrimonio dell'umanità. Decidiamo di rimuovere il presidio notturno rende noto il comunicato - senza abbandonare la protesta civile che ha trovato il sostegno dell'intera cittadinanza e del mondo intellettuale italiano ed estero. Questo comunicato - consludono gli attivisti - ha valore di richiesta ufficiale nei confronti del ministero per un incontro con gli ispettori che saranno chiamati a dirimere la posizione ufficiale dello Stato».

Pubblicato in Cronaca