fbpx
Lunedì, 17 Giugno 2024

POLITICA NEWS

«Le autorità italiane avevano accesso esattamente alle stesse informazioni di Frontex». Lo afferma a LaPresse un portavoce di Frontex, l'agenzia di gestione delle frontiere dell'Ue, a proposito della perizia depositata presso la Procura della Repubblica di Crotone sul naufragio di Cutro, in cui si afferma che i dati forniti da Frontex fossero «poco attendibili e fuorvianti».

Pubblicato in In primo piano

«Poco attendibili e fuorvianti»: così vengono definite le indicazioni fornite dall'agenzia europea Frontex alle autorità italiane sul naufragio avvenuto a Steccato di Cutro il 26 febbraio scorso nel quale persero la vita 94 migranti oltre ad un numero ancora imprecisato di dispersi.

Pubblicato in In primo piano

I carabinieri stanno eseguendo una serie di perquisizioni disposte dalla Procura della Repubblica di Crotone nelle sedi di Frontex, della Guardia di finanza e della Guardia costiera nell'ambito dell'inchiesta sul naufragio del barcone carico di migranti avvenuto il 26 febbraio scorso davanti la costa di Cutro in cui sono morte 94 persone e c'è stato un numero imprecisato di dispersi.

Pubblicato in In primo piano

BRUXELLES «Nel contesto del naufragio di Cutro, sabato sera tardi uno dei nostri aerei aveva visto un'imbarcazione che andava verso le coste italiane. Utilizzando le nostre camere termiche, abbiamo individuato la presenza di persone sotto coperta e, nonostante non ci fossero segnali di difficoltà, abbiamo dato informazione immediata alle autorità competenti italiane, come sempre il nostro protocollo prevede».

Pubblicato in Politica

"Frontex si rifiuta di consegnare ai familiari delle vittime gli atti richiesti del naufragio di Cutro". Lo denunciano i legali di diverse famiglie di migranti deceduti nel tragico naufragio del 26 febbraio scorso.

Pubblicato in In primo piano

Frontex ha «assolto al compito di segnalazione alle autorità italiane, la decisione se fare intervenire la Guardia di Finanza o istituire un'operazione Sar spettava a loro». Lo ha detto il direttore esecutivo della stessa agenzia Ue, Hans Leijtens, in audizione al Parlamento europeo, rispondendo a una domanda sul naufragio al largo di Cutro.

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 2