Martedì, 22 Settembre 2020

POLITICA NEWS

Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto una convenzione grazie alla quale tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri.

Pubblicato in Cronaca

Il vicesindaco del comune di Petilia Policastro (Kr) Franca Costanzo unitamente al consigliere provinciale di Crotone (FI) Luigi Lidonnici denunciano «l’enorme disservizio da parte di Poste italiane che nell’ultimo mese, a fronte dell’emergenza coronavirus, ha deciso di ridurre ad un giorno a settimana l’apertura dell’unico sportello presente nella frazione Pagliarelle del comune di Petilia Policastro (KR) provocando così, oltre il malcontento dei cittadini legato al disservizio e al rallentamento delle operazioni postali, anche un enorme rischio per la salute degli stessi i quali si trovano a dover fare i conti con file interminabili che si vengono a creare durante l’unico giorno di apertura dello sportello rischiando così assembramenti vietati dalle attuali disposizioni del governo. A questo si aggiunge anche il disagio continuo della popolazione che si vede costretta, per usufruire dei servizi postali, a doversi spostare fisicamente nel comune di Petilia Policastro che dista qualche km dalla frazione, dove l’ufficio di Poste Italiane, pur garantendo l’apertura quotidiana, si trova ora a fronteggiare l’emergenza con una maggiorata utenza limitata comunque alla funzionalità di un solo sportello postale. Chiediamo dunque a Poste Italiane di ripristinare la normale attività dell’ufficio nella frazione di Pagliarelle e, qualora ce ne fosse bisogno, chiediamo l’intervento tempestivo del presidente della regione Jole Santelli».

Pubblicato in Politica

consegna postaPoste italiane ha risposto alla segnalazione del consigliere comunale Enrico Pedace (i Demokratici) che con nota del 4 gennaio scorso ravvisava disservizi sulla consegna della corrispondenza nella frazione di Papanice. «Dagli accertamenti effettuati – scrive il responsabile per l’area Sud, Eugenio Boccaruso – è emerso che, effettivamente, in occasione di assenza del portalettere titolare, si sono verificati episodi di rallentamenti nelle consegne, per i quali ci scusiamo con i residenti della frazione di Papanice. Colgo l'occasione per evidenziare che nel territorio in questione recentemente recente è stato effettuato un aggiornamento della toponomastica, ma una parte dei residenti non ha provveduto a comunicare ai propri mittenti il nuovo indirizzo. Per tali motivi, in assenza di personale che ha conoscenza diretta del territorio e dei residenti, diviene difficile individuare i destinatari della corrispondenza da consegnare. Mi preme sottolineare l'importanza rivestita dalla correttezza degli indirizzi sui plichi e la presenza di cassette postali accessibili e con chiara indicazione di tutti gli intestatari, ai fini del corretto svolgimento del recapito, soprattutto in presenza di operatore diverso dal portalettere applicato alla zona. La informo comunque che, attualmente, il recapito risulta svolto con regolarità, tuttavia le assicuro che l'andamento del servizio continuerà ad essere sottoposto a monitoraggio». Il consigliere Pedace tende a sottolineare che «quasi tutti i residenti della frazione Papanice hanno già provveduto a regolarizzare i propri indirizzi, il problema risiede anche e soprattutto nella scarsità di personale addetto alla distribuzione della corrispondenza che nei prossimi mesi dovrebbe subire ulteriori riduzioni».

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

turboelica poste italianeE' stato un charter di Poste Italiane a sostituire l'aereo della Flyservus che doveva portare la squadra dell'Fc Crotone a Genova per la gara di Coppa Italia. Il velivolo della Flyservus - compagnia che dall'8 gennaio colleghera' Crotone con Milano, Roma, Bologna e Londra - non ha potuto decollare dall'aeroporto estone di Tallin per raggiungere Crotone a causa di una forte nevicata sulla cittadina dell'Est Europa. Per questo la partenza del Crotone e' slittata di circa tre ore. I calciatori e lo staff al seguito della squadra sono quindi rientrati a Crotone e dopo aver pranzato sono tornati all'aeroporto intorno alle 12.30 quando e' atterrato, dopo oltre un anno di chiusura dello scalo crotonese, un turboelica di Poste Italiane proveniente da Bari. Si e' svolta anche la cerimonia del bagno dell'angelo riservata al primo aereo in un aeroporto appena aperto. Veloci le operazioni di imbarco alle quali ha presenziato anche il presidente dell'Fc Crotone Gianni Vrenna che, pero', non e' partito alla volta di Genova. "Oggi - ha detto - abbiamo fatto il primo volo da Crotone dopo quasi un anno grazie alla tenacia di tutti per combattere per la riapertura dell'aeroporto. Speriamo che sia il primo ci una lunga serie che si dia continuita' al funzionamento di questo scalo a prescindere dalla squadra, ma per la citta'. Mi auguro che anche la citta' diventi di Serie A per le infrastrutture affinche' si possa puntare soprattutto sul turismo. L'Fc Crotone e' da sempre stato vicino a queste battaglie non per un discorso egoistico ma per tutto il territorio".

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

poste sportelliCon una nota a firma del suo segretario provinciale Salvatore Fragale la Cisl-Slp (Sindacato lavoratori Poste) annuncia l'intenzione di Poste italiane mirata a ridurre orari e uffici di Umbriatico e San Leonardo di Cutro.

Pubblicato in Attualita'