Sabato, 11 Luglio 2020

POLITICA NEWS

«Come è noto, la vicenda della piscina olimpionica mi ha visto destinatario di un provvedimento della Autorità giudiziaria a seguito delle indagini condotte dagli organi inquirenti e relative a un periodo coincidente con l'inizio di importanti impegni sportivi per il nuoto e per la pallanuoto che ha raggiunto il traguardo storico della serie A».

È quanto scrive l’assessore allo Sport del Comune di Crotone che preannuncia le dimissioni dall’incarico a seguito del coinvolgimento nell’inchiesta. «Nel corso dell'interrogatorio di garanzia – spiega Frisenda – tenutosi in data 11 novembre scorso ho risposto a tutte le domande che il gip, Michele Ciociola, ha formulato cercando di fare chiarezza sulla mia posizione e ho avuto modo di esporre quanto il mondo del nuoto sia sempre stata una costante nella mia vita: amore e passione hanno da sempre contraddistinto il mio agire nello sport, nella politica e nei rapporti umani. Mi sembra comunque opportuno rassegnare le dimissioni dalla carica di assessore con delega allo sport, al turismo ed allo spettacolo, ringraziando, al contempo, il sindaco Ugo Pugliese, la coalizione La Prossima Crotone ed i miei elettori. Ai miei tanti amici ed alla mia famiglia è rivolto il mio affetto per il costante sostegno morale».

 

 

Pubblicato in Politica

bagnino postazione disabili«Anche quest'anno l'amministrazione comunale riproporrà il servizio "Spiagge sicure, mare per tutti", postazioni fisse dislocate su tutto il litorale cittadino completamente attrezzate per l'assistenza ai bagnanti». Lo comunica l'assessore al Turismo Giuseppe Frisenda
«E' stato infatti pubblicato – informa l’assessore – il bando per l'individuazione del soggetto al quale verranno affidati i servizi. Servizi che, come gli scorsi anni, sono destinati ad assicurare con la presenza presso le postazioni di bagnini professionisti la sicurezza dei bagnanti, ma allo stesso tempo garantire la vivibilità delle spiagge libere del lungomare. Attenzione, naturalmente, anche per le persone diversamente abili con postazione attrezzata specificamente perché come prevede il progetto il "mare è per tutti"».
«Rinnoviamo un servizio – dichiara l'assessore Frisenda – che già negli scorsi anni abbiamo proposto, che è stato apprezzato da residenti e turisti e che rispetta gli standard di qualità per quanto attiene i servizi turistici. Come sempre le postazioni rappresenteranno non solo un riferimento specifico di sicurezza per i bagnanti, ma anche un continuo monitoraggio sulla vivibilità delle spiagge. Ci sarà una particolare attenzione rispetto all'abbandono di rifiuti e ad un adeguato utilizzo degli spazi comuni», conclude l'assessore Frisenda.

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

palamilone«Crotone sta vivendo una stagione magica dal punto vista delle attività e dei risultati sportivi». È quanto afferma in una nota l’assessore allo Sport del Comune di Crotone, Giuseppe Frisenda, che annuncia contestualmente «investimenti consistenti per il Palamilone e il Palakro».
«I grandi avvenimenti – spiega l’amministratore cittadino – che vedono e vedranno la città palcoscenico ideale per ospitare qualsiasi disciplina sportiva ed allo stesso tempo i successi conseguiti a livello regionale, nazionale ed internazionale dai nostri atleti stanno realmente evidenziando come sia meritata, per Crotone, la denominazione di "Città dello Sport". Il lavoro e la passione del mondo associazionistico sportivo, quello del Coni provinciale è costantemente supportato dall'assessorato. Non poteva mancare in questo quadro una particolare attenzione per gli impianti sportivi della città».
«In particolare – entra nel merito l’assessore – nella programmazione di “Agenda urbana”, la strategia di sviluppo sostenibile della città di Crotone, abbiamo inserito interventi molto consistenti che riguarderanno, in particolare, i due palazzetti dello sport: il Palamilone e il Palakro. Per il Palamilone sono previsti due interventi che riguardano l'efficientamento energetico e la produzione di energica elettrica da fondi rinnovabili. Un investimento complessivo di 1.650.000 di euro. Allo stesso modo per il Palakro, con un investimento di 950.000 euro sono previsti gli stessi interventi».
«Entrambi gli interventi – prosegue Frisenda – sono in corso di realizzazione con le seguenti azioni: progettazioni di fattibilità tecnico-economiche, diagnosi energetiche ex ante e ex post, indicatori di output, classe energetica, rapporto tra energia prodotta annualmente da fonte rinnovabile e fabbisogno di energia elettrica dell'immobile post intervento. Per la realizzazione degli stessi interventi saranno utilizzate tecnologie innovative e metodi e modelli di bioarchitettura».
«Già altre attività – sottolinea Frisenda –, nel corso di questi mesi, hanno interessato i nostri palazzetti e questi ulteriori interventi vogliono portare ad uno standard di qualità ottimale strutture che sono fondamentali per la crescita sportiva dei nostri giovani. Mai in questo settore si è investito tanto. E' la conferma che la "città dello sport" non è solo uno slogan. L'attività della Giunta Pugliese non si ferma qui. Stiamo programmando una serie di interventi che riguarderanno tutta l'impiantistica sportiva della città».
Sempre l’assessore Giuseppe Frisenda, in un’altra nota, ringrazia «la IV Commissione consiliare permanente e il suo presidente Pisano Pagliaroli per il lavoro svolto che ha portato alla definizione dell'aggiornamento del Regolamento per l'uso degli impianti sportivi scolastici comunali approvato ieri sera nel corso del Consiglio comunale. Si tratta di uno strumento importante che favorire la promozione e la diffusione della pratica sportiva come elemento di crescita individuale e collettiva. Un regolamento che da un lato contribuisce a sostenere lo sviluppo delle realtà sportive territoriali e dall'altra, determinando forme di garanzia per l'uso in orario extra curriculare degli impianti sportivi scolastici, assicura la massima trasparenza nell'utilizzo degli impianti stessi».

 

 

 

Pubblicato in Politica

frisenda livadoti«Operazione estate tranquilla dal punto di vista dei servizi e della vivibilità». E' quanto predisposto dall'assessorato al Turismo e dalla giunta Pugliese rispetto ai temi che caratterizzeranno l'ospitalità durante il periodo estivo. «Periodo – commenta una nota – che, come già annunciato dal sindaco, sarà prolungato fino ad ottobre. Infatti si sta prevedendo che l'utilizzo degli spazi demaniali, "complice" il clima favorevole, utilizzabili fino ad ottobre inoltrato che insieme alle attività di promozione turistica daranno luogo ad una innovativa destagionalizzazione. Anche in tema di depurazione è garantita la balneabilità su tutto il tratto di costa cittadina. Già dallo scorso anno i dati Arpacal erano stati positivi in questo senso, ma con la messa a regime dell'impianto di depurazione, la qualità dell'acqua è assicurata. Così come il collettamento dell'impianto fognario consentirà la tranquillità anche dal punto di vista del sistema fognario. L'assessore al Turismo Giuseppe Frisenda è al lavoro per potenziare i servizi già offerti lo scorso anno che hanno suscitato grande apprezzamento da parte dei cittadini e gli ospiti della città di Crotone. Oltre alla pulizia delle spiagge si stanno predisponendo servizi per diversamente abili. Anche in tema di eventi la programmazione è già pronta e si aspetta di poter superare i problemi relativi ai vincoli imposti temporaneamente dalla Corte dei Conti. "Sono pronti gli atti – dichiara l'assessore al Turismo Giuseppe Frisenda – per avviare i servizi turistici essenziali come lo sportello di informazione turistica e il progetto ‘spiagge sicure e mare per tutti’. Grazie ad un’azione sinergica tra i vari assessorati di competenza garantiremo una estate viva, sicura ed al passo con i tempi. Si lavora con una visione di sistema e non a compartimenti stagni", conclude l'assessore al Turismo Giuseppe Frisenda».

 

 

 

Pubblicato in Politica

frisenda livadotiLe delusioni nella città di Crotone non arrivano mai da sole. Non bastava l’amarezza dell’immeritata retrocessione in serie B, ancora oggi continua a fare discutere per com’è avvenuta, che un altro fulmine a ciel sereno si è abbattuto sulla città a proposito dello stadio Ezio Scida. Il Mibact non ha inteso concedere un’ulteriore proroga allo stadio nell’attesa che si costruisse il nuovo. La realizzazione della nuova struttura è stata già concordata in precedenza tra l’Amministrazione comunale e i vertici del Crotone calcio con l’avvio di tutta la burocrazia. Ma di questo, il ministro, non ha tenuto conto. Inutile dire la preoccupazione che è emersa tra i tifosi immediatamente dopo la notizia negativa a proposito dello stadio. Tutti concludono il loro disappunto con un’unica affermazione: «Ma Crotone e il Crotone calcio a chi danno fastidio? Perché a ogni minima occasione si cerca sempre di ostacolare il percorso di una città e di una squadra che con senso di responsabilità e ottima gestione sono arrivate ai massimi livelli calcistici?». Ai politici nazionali, regionali, provinciali che rappresentano il territorio nelle varie istituzioni la risposta. In occasione della mancata proroga dello stadio e delle conseguenze che ne potrebbero derivare, ne ha parlato l’assessore comunale allo Sport Giuseppe Frisenda.
Assessore Frisenda, la notizia della mancata proroga sull’utilizzo delle struttura amovibili dello stadio ha allarmato un’intera città…
Apprendiamo della decisione... Adesso va messo in atto subito un punto operativo per cercare di capire come si può affrontare questa situazione che rappresenta un'emergenza. All’amministrazione non si può certamente addebitare il mancato interessamento a tempo debito. Il 19 febbraio abbiamo chiesto alla Soprintendenza la proroga. In questo momento sono inutili polemiche perché è il momento di fare sinergia per risolvere il problema.
Assessore, bisogna anche affermare che sono trascorsi due anni dalla concessione dell’utilizzo della struttura e nulla si è fatto per realizzare il nuovo stadio?
Non sono d'accordo, da tempo stiamo interloquendo con la società per il nuovo impianto. Adesso però dobbiamo capire come muoversi velocemente per risolvere il problema. Insieme al Crotone calcio occorre mettere in essere una strategia comune per qualcosa di concreto.
La strategia comune non era già stata messa in atto con la realizzazione del nuovo stadio?
Quello è stato un primo importante passo. Adesso va completato tutto l’iter affinché Crotone abbia il nuovo stadio.
L’inizio del nuovo campionato è fra meno di tre mesi, se il ministro non dovesse cambiare atteggiamento dove giocherà il Crotone?
Dobbiamo lavorare intensamente, giorno dopo giorno, per evitare al Crotone di emigrare inizialmente in qualche altra struttura com'è avvenuto nel primo anno di serie A.
Ad esempio ripristinando l’attuale Ezio Scida come nel passato, quando cioè si disputava il campionato di serie B?
Potrebbe essere una soluzione che avrà un carattere molto oneroso per le casse del Comune. La prima via da perseguire è, però, quella di mantenere l’attuale struttura fino alla realizzazione del nuovo stadio. Se quest’ultimo percorso non sarà possibile si dovrà trovare in ogni modo una soluzione alternativa, da queste due soluzioni non si sfugge. Ci tengo a precisare che l’attuale Ezio Scida è patrimonio di tutti finché non sarà sostituito da un altro.
Crotone città è rappresentata da due autorevoli parlamentari nazionali che appartengono al partito che dovrà governare l’Italia nei prossimi anni, li ha ascoltati a proposito dello stadio e come potrebbero risolvere, secondo lei, il problema?
Il mio parere è fare squadra per risolvere i problemi della città, indipendentemente dal colore politico. Se le Istituzioni faranno rete a beneficio di Crotone, i problemi non posso che risolversi.

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

condipodero malagò frisenda«Gli uomini di sport – recita una nota del Comune di Crotone – sono fatti per intendersi. Ed è quanto avvenuto nell'incontro che l'assessore allo Sport del Comune di Crotone Giuseppe Frisenda ha avuto con il numero uno dello sport italiano Giovanni Malagò. All'incontro, che si è tenuto a Roma presso gli uffici di presidenza nella sede storica del Foro Italico, era presente, inoltre, il presidente regionale del Coni Maurizio Condipodero. Il presidente Malagò, dimostrando come sempre grande sensibilità, ha lungamente dialogato con il rappresentante della giunta Pugliese che ha avuto modo di illustrare gli sforzi che si stanno compiendo per acquisire quella etichetta di "città dello sport" che la comunità cittadina merita ed aspira. L'Assessore Frisenda ha evidenziato l'importanza che lo sport assume in città non solo per l'aspetto agonistico, ma anche per la valenza sociale ed economica, essendo il movimento legato alla crescita non solo sportiva di tanti giovani ma anche al turismo ed alla promozione della città. Nel corso dell'incontro l'assessore Frisenda ha avuto modo di illustrare come la città si sia già rivelata palcoscenico ideale di grandi eventi sportivi registrando non solo risultati di grandissimo spessore ma anche tante presenze di atleti e di ospiti. Lo sport, come ha avuto modo di sottolineare l'assessore Frisenda, è importante anche per il recupero della identità. Il presidente Malagò conosceva già il grande passato sportivo crotonese legato ai miti dei grandi atleti delle antiche olimpiadi come Milone ed ha apprezzato che il giovane assessore stia lavorando per legare il passato al futuro nel nome dello sport. Il presidente Malagò pone infatti molta attenzione non solo agli aspetti sportivi ma anche a tutto ciò che ruota intorno al mondo dello sport a cominciare dal coinvolgimento dei giovani anche nella vita sociale delle singole comunità. E' uno dei capi saldi della sua azione di presidente del Coni. Il presidente regionale Condipodero ha sottolineato che la città di Crotone si inserisce appieno nel circuito sportivo regionale rappresentandone un punto di eccellenza in varie discipline sportive che hanno prodotto campioni che si sono affermati a livello nazionale ed internazionale. Il presidente Malagò ha assicurato all'assessore Frisenda la massima vicinanza del Coni in questo percorso che si sta mettendo in campo per porre lo sport al centro della vita della comunità di Crotone. Colpito dall'entusiasmo dimostrato dall'assessore Frisenda il presidente Malagò con grande disponibilità ed attenzione verso il sud del nostro paese che rappresenta, come ha avuto modo di evidenziare, un serbatoio di energia positiva per lo sport, ha assicurato che a Crotone si potrà svolgere prossimamente un grande evento di richiamo nazionale a testimonianza della vicinanza del Coni e del mondo dello sport nazionale alla realtà pitagorica».

 

 

 

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 2