fbpx
Giovedì, 18 Luglio 2024

POLITICA NEWS

«Il veto della Lega su Mario Occhiuto, sindaco tra i migliori d'Italia, è un pretesto per indebolire Forza Italia». È quanto afferma in una nota Sergio Torromino, coordinatore provinciale di Forza Italia a Crotone.

Pubblicato in Politica

salvini cerrelli maglia crotone«In occasione dell’incontro – informa una nota – svoltosi con Matteo Salvini al Teatro Morelli di Cosenza, una rappresentanza della Lega Salvini Premier di Crotone, accompagnata dal suo leader, Giancarlo Cerrelli, ha regalato una maglia con i colori della città di Crotone a Matteo Salvini, su cui nella parte anteriore campeggia la scritta “Lega Crotone” e sul retro “M. Salvini”. Il segretario federale della Lega ha gradito il regalo, promettendo di essere presto a Crotone e invitando i militanti leghisti crotonesi a “prepararsi a far fare le valige a quelli della sinistra” che hanno tenuto Crotone e la Calabria ai margini della Nazione. La Lega di Crotone, tuttavia, rimane perplessa in ordine alla presa di posizione della Fv Crotone, per i seguenti motivi: la Lega di Crotone, donando al senatore Salvini la maglia con i colori rossoblù ha inteso regalare un simbolo che avesse i colori della Città di Crotone; la Lega di Crotone tiene a precisare che ha comprato, pagato e personalizzato a proprie spese la maglia rossoblù presso l’official merchandising del Crotone, che presume abbia tratto anche un utile da tale acquisto; che è da evidenziare che una volta acquistato un prodotto il compratore può decidere di farne l’uso che più gli aggrada e che ritiene più congruo, anche regalarlo come è avvenuto in questo caso; che i colori rossoblù non sono un’esclusiva della squadra di calcio del Crotone, ma prima ancora sono i colori della Città di Crotone, pertanto nessuna strumentalizzazione può essere addebitata alla Lega di Crotone; che ci sono giunti da tanti tifosi e cittadini crotonesi sentimenti di plauso per aver messo al centro dell’attenzione di un politico noto e amato a livello nazionale come Salvini la città di Crotone; che, è da evidenziare, comunque, che tra i tifosi del Crotone Calcio, sono in tanti ad essere leghisti e che questa presa di posizione della società F.C. Crotone li fa apparire e sentire come tifosi di “serie b”; che, la Lega di Crotone tiene a precisare, infine, che la scritta Lega Crotone sulla parte anteriore della maglia è un auspicio affinché presto la Lega, anche a Crotone, possa prendere il posto di quella classe politica che ha portato Crotone alla povertà e all’emarginazione».

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

salvini crotone«Non ne sapevo niente e non ne condivido alcuni contenuti. Lavoro per la piena parita’ di diritti e doveri per uomini e donne, per mamme e papa’». Cosi’ Matteo Salvini commenta, con l’Agi, il volantino diffuso dalla Lega di Crotone in occasione dell’8 marzo.

 

 

Pubblicato in Politica

salvini rossi«Esprimo grande soddisfazione per i fondi stanziati dal ministero dell'Interno per i comuni di Cutro e Isola di Capo Rizzuto e relativi al provvedimento "Spiagge sicure". Una conferma ulteriore della piena attenzione che il ministro Salvini rivolge alle comunità locali, e all'intero territorio crotonese». Queste le parole di Gennaro Rossi, segretario cittadino della Lega di Cutro all'indomani del provvedimento con cui il ministro Salvini ha destinato la somma di 42 mila euro per ognuno dei 10 comuni calabresi ricadenti nel finanziamento "Spiagge sicure 2019".

«Il provvedimento del ministro Salvini - prosegue Rossi - riguarda la lotta all'abusivismo commerciale e alla contraffazione nelle località ad alta densità turistica. In Calabria sono 10 i comuni destinatari dei fondi in questione, tra questi i comuni di Cutro e Isola di Capo Rizzuto. In arrivo dunque 42mila euro per ciascun comune, che potranno essere investiti per l'assunzione a tempo determinato di agenti di Polizia Locale, per il pagamento degli straordinari, per l'acquisto di nuove attrezzature o per la promozione di campagne di sensibilizzazione. Ecco un altro provvedimento concreto a favore delle nostre comunità, che arriva dopo il decreto di riparto di 3,75 miliardi destinati alle Province delle Regioni a Statuto ordinario per la sicurezza delle scuole e la manutenzione delle strade, decreto che destina alla Provincia di Crotone 3,2 milioni di euro all'anno, dal 2019 e fino al 2033. Ricordo anche i fondi previsti dal piano degli investimenti pubblici pensato per i Comuni con meno di 20mila abitanti, che porta 20 milioni di euro in Calabria. Di questi fondi 1,4 milioni di euro andranno ai comuni del Crotonese, tra questi 100 mila euro ai comuni di Cutro, Isola e Cirò Marina. Da ricordare anche la prima tranche di oltre 6 milioni di euro destinati dal ministro dell'Istruzione e della Ricerca scientifica, Marco Bussetti, per interventi finalizzati all'adeguamento alle norme antincendio delle scuole calabresi. L'attenzione del governo e del ministro Matteo Salvini verso la Calabria e il Crotonese è dimostrata nei fatti e nei numeri. La difficile situazione del nostro territorio richiede maggiori sforzi e ulteriori risorse, per questo assicuro il mio impegno costante affinché nuovi fondi possano arrivare. Ma ora è fondamentale l'azione di spesa e di programmazione da parte delle amministrazioni locali. L'auspicio – conclude Rossi - è che adesso i comuni e la Provincia di Crotone sappiano spendere questi fondi al meglio, presentando piani e progetti adeguati allo scopo, entro i limiti temporali previsti dal Governo».

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

giancarlo cerrelli allevatoriAnche Crotone ha trovato “l’omino del ghe pensi mi”. E’ il leader pitagorico della Lega, Giancarlo Cerrelli. Ogni volta che scoppia un problema interviene e annuncia che la soluzione la solleciterà al ministro competente. E’ successo al tempo in cui si dibatteva del futuro dell’aeroporto e succede oggi con la vicenda del prezzo del latte. Quando scoppiò la questione del futuro dell’aeroporto, messo in forse dalla mancanza di finanziamenti il “lumbard nostrano” annunciò che avrebbe posto il problema al ministro. Probabilmente lo avrà pure fatto, ma se non ci fossero stati i soldi delle royalties di otto Comuni della provincia di Crotone, l’aeroporto Sant’Anna sarebbe stato chiuso definitivamente. L’aeroporto è aperto soprattutto grazie al sacrificio del Comune di Crotone, che messo mano al portafoglio e i benefici di questa scelta non ce l’hanno solo i Crotonesi o gli abitanti degli altri 26 comuni della sua provincia. Con i soldi delle royalties volano anche i lombardi, i cosentini e gli altri italiani che decidono di venire in questa parte della Calabria. Oggi il “ghe pensi mi” nostrano ha deciso di sostenere la lotta degli allevatori della provincia di Crotone e ha annunciato che “informerà subito il ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio dei gravi disagi che vivono gli allevatori della provincia di Crotone”. Così come è successo per l’aeroporto il nostro “lumbard” batte i pugni per difendere il nostro territorio. Meno male che c’è lui, perché altrimenti le nostre aziende rischiavano di fallire. In questa complicata vicenda qualcuno sta dimenticando i motivi che l’hanno originata. I grandi allevatori hanno deciso di abbandonare le regioni italiane (anche la Sardegna) per andare a produrre latte in Romania, Bulgaria e altre realtà nazionali che fanno pagare meno tasse e dove il costo del lavoro è inferiore. Fare concorrenza a questi produttori italiani che operano in altri stati è una impresa impossibile, a meno che il governo nazionale non decida di impedire, a chi produce all’estero, l’utilizzo dei marchi italiani. I grandi produttori che operano all’estero hanno impiantato, nei luoghi degli allevamenti, anche caseifici che trasformano il latte in formaggi. A questi formaggi viene assegnato il marchio di pecorino sardo o crotonese. Questo è uno dei problemi da sollevare al governo nazionale per impedire la concorrenza sleale che ha portato all’abbattimento dei prezzi. Sino ad una decina di anni fa il costo di un litro di latte di pecora era superiore ad un euro, oggi nel Crotonese viene pagato tra i 65 e i 70 centesimi. La colpa è del sistema e la soluzione non si può pensare di risolverla con l’aumento del pagamento del latte deciso con un decreto del Governo. L’Europa non ce lo consentirebbe e comunque questa scelta dovrebbe essere garantita con nuove entrate per le casse dello Stato. Nuove tasse. Gli interventi a sostegno di chi sta chiedendo giustizia e aiuto, se non si tiene conto degli aspetti che hanno provocato la crisi, è solo propaganda elettorale.

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

cerrelli allevatori protesta«È necessario attuare al più presto seri provvedimenti per rilanciare i prodotti degli allevatori e degli agricoltori crotonesi. È necessario uscire da questa emarginazione territoriale in cui la provincia di Crotone è stata posta. Informerò subito il ministro dell’Agricoltura sui gravi disagi degli allevatori della Provincia di Crotone». Lo scrive in una note Giancarlo Cerrelli, segretario della Lega Salvini premier di Crotone, che questa mattina ha portato la sua solidarietà agli allevatori della provincia di Crotone che questa mattina hanno manifestato davanti al Comune di Crotone.
Cerrelli ha affermato che «il comparto degli allevatori della nostra provincia è in grave crisi; la nostra terra, negli anni passati, è stata usata da altri per arricchirsi e per poi lasciarla nella più triste emarginazione e povertà. È necessario attuare al più presto – ha sostenuto Cerrelli – serie e tempestive misure atte a rilanciare i prodotti degli allevatori e degli agricoltori crotonesi. Molti crotonesi non sanno probabilmente che molti formaggi che abitualmente portiamo sulle nostre tavole non sono fatti con il latte dei pascoli del Crotonese, ma hanno alla base cagliata proveniente dalla Germania, o da altri Paesi. Tutto ciò è insostenibile! L’agricoltura crotonese deve tornare ad essere protagonista grazie alla realizzazione di una politica agricola sostenibile che valorizzi l’alta qualità dei prodotti agricoli crotonesi. È urgente che gli agricoltori e gli allevatori della provincia di Crotone siano aiutati a uscire dall’emarginazione in cui versano, emarginazione che è stata favorita da politiche scriteriate, che hanno tradito la nostra terra e la nostra gente. Cerrelli assicura che, dopo aver ascoltato a lungo questa mattina i problemi degli allevatori del Crotonese, informerà subito il ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio dei gravi disagi che vivono gli allevatori della provincia di Crotone La politica che è stata attuata negli anni passati dai partiti che hanno governato la nostra terra ha molti peccati da scontare», ha sottolineato ancora Cerrelli.
«La Lega Salvini Premier – ha quindi concluso Cerrelli - è vicina agli allevatori della provincia di Crotone e presto sarà organizzato un incontro con i rappresentanti del settore. Un ringraziamento Cerrelli lo rivolge a tutti gli allevatori che lo hanno reso edotto dei loro problemi e un altro ringraziamento lo rivolge anche al presidente regionale dell’Associazione regionale allevatori (Ara), Raffaele Portaro».

 

 

 

Pubblicato in Politica
Pagina 7 di 9