Sei qui: HomePOLITICATour Salvini in Calabria, attacco della parlamentare Barbuto (M5s): «Magari fa scena, ma non può avere sui calabresi effetto sperato»

Tour Salvini in Calabria, attacco della parlamentare Barbuto (M5s): «Magari fa scena, ma non può avere sui calabresi effetto sperato» In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Politica Sabato, 10 Agosto 2019 21:02

barbuto corrado camera deputati«Miei cari conterranei calabresi, avendo appreso del “one man show” del ministro Salvini, previsto in Calabria e in particolare a Soverato e Le Castella, vorrei scrivere queste poche righe non tanto per ricordare a voi quanto sono sicura già sapete quanto per ricordare a lui che una veloce passeggiata sulla jonica, due selfie e un gelato insieme ai bagnanti, magari fa scena, ma non può riuscire ad avere sui calabresi l’effetto del flauto dell’incantatore di serpenti». È quanto scrive in una lettera la parlamentare Elisabetta Barbuto (M5s) componente della commissione Trasporti.
«Immagino già – prosegue la parlamentare –, e d’altronde le esternazioni del ministro Salvini ormai non lasciano molto spazio alla fantasia, che il comizio del suddetto, proseguendo nella linea che lo contraddistingue nella sua perenne campagna elettorale, avrà come oggetto il mantra secondo cui anche per la Calabria come per l’Italia non è stato fatto nulla o quasi per colpa dei no del M5s e quel che è stato fatto, durante questo periodo di governo, è merito suo e del suo partito promettendo , con i suoi prossimi “ pieni poteri “, scenari futuristici imminenti per la nostra zona jonica.
Se oggi, tuttavia, il Sud , nell’ambito del contratto di programma Anas/Mit e Rfi/Mit, gode di una percentuale di investimenti di gran lunga superiore a quella stanziata dai governi passati ( governi fra cui anche quelli cui era partecipe il nostro odierno turista agostano), non è certo per merito del ministro Salvini e della Lega, bensì dell’attenzione e della sensibilità del ministro Danilo Toninelli che, fin dall’inizio del suo mandato ha dichiarato l’intenzione di colmare il divario esistente fra le regioni del Sud e le regioni del Nord in tema di infrastrutture e servizi. Lo ha fatto concretamente il Ministro Toninelli in tutto il Sud ed in particolare in Calabria. Lo ha fatto con la collaborazione di tutti noi parlamentari calabresi del M5s che siamo stati costantemente in contatto con lui ed al suo fianco.
Lo ha fatto risolvendo la problematica del Porto di Gioia Tauro che si trascinava da anni senza una soluzione; Lo ha fatto con lo stanziamento dei nove milioni per la continuità territoriale per l’aeroporto di Crotone in legge di bilancio e firmando la delega per indire la conferenza dei servizi per il relativo bando di gara; lo ha fatto , dopo essere stato personalmente a dicembre a Crotone ed avendo percorso la SS 106 , facendo stanziare le somme per la progettazione della variante Crotone/Catanzaro; lo ha fatto sbloccando il cantiere della Statale 106 nel tratto Roseto Capo Spulico/ Sibari nonostante la situazione economicamente precaria della società Astaldi che si è aggiudicata i lavori di esecuzione dell’opera; lo ha fatto quando è intervenuto perché l’Anas si occupasse del ripristino di strade provinciali bloccate da tempo consentendo la restituzione delle stesse ai cittadini.
E tanto altro avrebbe fatto il ministro Toninelli se qualcuno non avesse deciso che stranamente il governo dovesse, pretestuosamente, collassare sulla Tav. Pretestuosamente, perché ben sappiamo che altri sono i motivi che hanno indotto il ministro dell’interno alla scelta di interrompere l’esperienza di governo. Una scelta egoistica, calcolata e programmata, per capitalizzare nell’immediatezza il consenso che gli viene attribuito dai sondaggi e che vuole riscuotere prima che la gente si accorga, come nella favola di Andersen, che il re è nudo. Una scelta effettuata, in verità, per bloccare la riforma del taglio dei parlamentari, per spianare la strada alle autonomie che aumenterebbero il divario tra nord e sud, per bloccare la riforma della Giustizia e l’entrata in vigore della normativa sulla prescrizione a gennaio. E contemporaneamente, come effetto collaterale gravissimo per noi calabresi, per bloccare l’incisiva azione dell’eversivo Toninelli che ha dato troppa attenzione al Sud ed ha cercato di garantirne il più ampio diritto alla mobilità ed infrastrutture funzionali e funzionanti.
Ma oggi il Ministro Salvini arriverà (mai visto prima in un anno di governo sulla costa jonica calabrese) con il salvagente, le pinne e la maschera, e da bravo turista simpaticone, probabilmente dopo aver fatto un bel bagno nelle acque azzurre dello Jonio, si esibirà con l’aiuto del consueto manipolo di fedelissimi che fa il pari del coro nelle tragedie greche e tenterà di convincervi dei meriti che non ha e della soluzione dei problemi che, modestamente, solo lui , il divino, l’eccelso, potrà risolvere grazie ai pieni poteri che invoca quotidianamente.
Per darvi lo spessore dell’interesse reale, ritengo doveroso narrarvi di come, nello scorso anno, allorché ancora vi era un sottosegretario della Lega presso il Mit che aveva la delega proprio agli aeroporti, mi recai a parlargli della problematica dello scalo crotonese riscontrando un interesse pari allo zero assoluto. Ancora oggi un dubbio sorge spontaneo: sono stata io a non sapere esporre il problema del nostro isolamento o il mio interlocutore aveva altro cui pensare in quel momento? Di sicuro la Calabria, ed in particolare la zona jonica, non era, e non è, se non per motivi puramente propagandistici ed elettorali, tra le priorità della Lega e ritengo che, plausibilmente, continuerà a non esserlo ancora oggi e domani. Meno male che subito dopo questo incontro deludente, il Ministro Toninelli intervenne per fare stanziare i nove milioni in legge di bilancio per l’aeroporto.
In conclusione, miei cari conterranei. Rivendico con orgoglio il lavoro fatto in questo anno e non consento a nessuno di attribuirsi meriti che non ha. Rivendico con orgoglio il lavoro fatto dal nostro Ministro Danilo Toninelli per la Calabria e per il Sud e vi ricordo che, se finalmente dopo anni di chiacchiere sterili sulle nostre infrastrutture, la tendenza è finalmente cambiata è merito esclusivo del lavoro del Ministro Toninelli e dei parlamentari del M5S che vivono quotidianamente la Calabria e sanno di cosa parlano e per cosa combattono. Non fatevi incantare dal canto della sirena leghista. Ricordatevi che le sirene nascondevano Scilla e Cariddi. Ed era tragedia per gli sprovveduti naviganti».

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".