Martedì, 22 Settembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

«Crotone perdera' l'elisoccorso da agosto»: la denuncia del presidente della commissione Sanita'

Posted On Mercoledì, 06 Aprile 2016 17:11 Scritto da

mirabello maioSanità che non dà pace! Anche gli elisoccorsi saranno ridotti dal commissario Scura: dai quattro attuali, infatti, passeranno a tre e, a farne le spese, sarà proprio Crotone a quanto pare. Tutto dovrebbe accadere entro il prossimo 31 luglio quando scadrà la gara di appalto. Attualmente gli elisoccorsi sono quattro con base a Locri, Lamezia, Crotone, Cosenza. Nel nuovo Piano di riordino della rete ospedaliera si paventa la riduzione delle basi, ma non si fa menzione a quale di essa tocchi. L'unica cosa certe è che la nuova gara di appalto per il servizio di elisoccorso sarà fatta sulla base di tre mezzi.

 

Senza aspettare la data del 31 luglio, allora, il consigliere regionale e presidente della commissione sanità della Regione Calabria Michelangelo Mirabello (foto primo da sinistra), affiancato dal sindaco di Carfizzi e presidente ProDem Carmine Maio, questa mattina presso la casa della cultura di Crotone, hanno detto "no" al ridimensionamento degli elisoccorsi così come vorrebbe il commissario Massimo Scura. Siì perché, parlando di sanità calabrese, è ancora una volta il capoluogo ionico subire un altro "scippo" che penalizzerà i cittadini. Dopo il ridimensionamento e l'accorpamento di alcuni reparti all'Asp, ora è la volta del servizio elisoccorso. 

 

«L'istituzione dei quattro elisoccorsi – ha affermato il presidente Mirabello – è avvenuta sulla base di un attento studio fatto quando presidente della Regione Calabria era Agazio Loriero. Il servizio copre fino ad ora l'intera Regione e gli interventi effettuati hanno salvato diverse vite umane. Non capiamo – aggiunge Mirabello - sulla base di quale ragionamento si sta ora discutendo per ridurre il numero degli elisoccorsi».

 

Altro interrogativo posto dal presidente Mirabello e dal sindaco Maio è: «Quale zona tra quelle attuali non avrà più il servizio dell'elisoccorso quando il numero sarà ridotto a tre?». «A conti fatti – hanno detto i due politici - dovrebbe essere Crotone a non avere più il servizio in quanto il decreto 30/2016 assegna a Lamezia la gestione continua H 24, Locri abbraccia la zona del Reggino, Cosenza la parte nord della Regione». Crotone è quella più soggetta a rischio "taglio".

 

«Questo non dovrà avvenire – ha dichiarato Mirabello – metteremo in atto un'adeguata battaglia per bloccare un altro ridimensionamento sanitario nel crotonese con la soppressione dell'elisoccorso. La rete stradale e quella ferroviaria non consentono il collegamento veloce da Crotone verso adeguate strutture sanitarie della Regione e ciò potrebbe significare, una volta eliminato l'elisoccorso, mettere a rischio la vita di quei cittadini ai quali necessitano adeguati e veloci interventi».