Venerdì, 25 Settembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Dell'Aquila (Pd): cedere quote aeroporto a Ryanair. Turino (FdI): la compagnia non gestisce scali

Posted On Martedì, 17 Febbraio 2015 17:24 Scritto da

Botta e risposta a distanza fra il vicesegretario provinciale del Pd Giuseppe Dell'Aquila e coordinatore regionale di Fratelli d'Italia Gianfranco Turino. Replica secca del secondo alla proposta avanzata dal dirigente democrato a Comune, Provincia e Camera di commercio riguardante la possibilità di cedere le quote della società di gestione alla compagnia irlandese ritenendola un'opportunità. Pronta la smentita di Turino che ha sottolineato come lo stesso numero due di Ryanair abbia recentemente sconfessato tali ipotesi durante una recente conferenza stampa svoltasi proprio nello scalo pitagorico.

 

dellaquila homeLa proposta avanzata da Dell'Aquila.

«L'aeroporto di Crotone non è un peso ma un'opportunità - scrive il vicesegretario provinciale del Pd Giuseppe Dell'Aquila -. Questo, però, solo noi crotonesi non lo abbiamo capito! Allora proviamo a gestirlo insieme a chi potrebbe avere interesse ad investire: Ryanair. La mia - spiega Dell'Aquila - non vuole essere solo una semplice provocazione, ma una idea sulla quale discutere seriamente. Per anni la politica (quella fatta naturalmente con la "p" minuscola) non è stata in grado di avviare un'operazione di sviluppo per il nostro aeroporto, perché crede che, finanziando qualche milione di euro all'anno, possa così risolvere il problema mettendoci su una pezza. Adesso, che il Governo regionale sta provando a dare una "scossa" - incalza Dell'Aquila - cerchiamo di inserirci in una buona inversione di rotta. Da tempo tiriamo a campare su tutto, specie sulle idee, non abbiamo ancora capito che un aeroporto va sostenuto anche con infrastrutture esterne ad esso in grado di rendere la costa Jonica attrattiva. Il pericolo più grave però qual è oggi? Quello, a mio avviso - entra nel merito - di far scappare anche l'unica operazione seria d'investimento che ci sia capitata, la Ryanair, cosa che non possiamo assolutamente permetterci. Allora mi chiedo perché, il Comune di Crotone, la Provincia, la Camera di commercio, che non hanno le giuste risorse d'investimento, facendo gravare tutto sulla sola Regione, non lascino spazio per l'ingresso in Cda cedendo le proprie quote a Ryanair? Basta vedere i risultati ed i profitti per il territorio degli aeroporti europei che, con coraggio, hanno lasciato alla società di Dublino gestire interamente gli scali. Sarebbe un'operazione coraggiosa - commenta - quanto mirata, sicuramente, a mettere la costa Jonica e tutto il crotonese in una condizione di mercato più europeo, più aperto e più competitivo. I soldi che la Provincia, il Comune e la Camera di Commercio risparmierebbero potremmo utilizzarli in bandi per lo sviluppo del Territorio: alberghi, agriturismi, rifacimento strade, navette, villaggi turistici ed impianti sulla neve. Letta cosi può sembrare una pazzia o una soluzione avventata - sottolinea Dell'Aquila - ma ci spieghino perché enti in crisi, che a fatica riescono a garantire i servizi essenziali, non vogliano aprirsi ad eventuali soluzioni alternative. Soluzioni che, fatte con le dovute valutazioni ed accortezze, potrebbero finalmente creare una via d'uscita per lo sviluppo e la crescita. Vallone ed i sindaci ci pensino, ma con coraggio! I Crotonesi - conslude il vicesegretario del Pd - attendono idee e su di esse un confronto».

 

turino gianfrancoLa replica "secca" di Turino.

«Leggo con molta sorpresa - replica Gianfranco Turino, coordinatore regionale di Fratelli d'Italia - l'intervento sulla stampa del vicesegretario provinciale del Pd di Crotone, Giuseppe Dell'Aquila, in cui il giovane dirigente propone di vendere le azioni della società aeroportuale pitagorica a Ryanair. Alla base di questa proposta, Dell'Aquila scrive "Basta vedere i risultati ed i profitti per il territorio degli aeroporti europei che, con coraggio, hanno lasciato alla società di Dublino gestire interamente gli scali". La proposta di Dell'Aquila - stigmatizza Turino - è lo specchio della confusione che regna nel Pd, cioè, in quel partito che oggi è il responsabile principale dello sviluppo di questo territorio. Ryanair - precisa il dirigente di FdI - giusto per chiarire immediatamente il punto, non gestisce aeroporti. Non lo fa da nessuna parte semplicemente perché non è il suo lavoro. La compagnia irlandese è appunto una compagnia aerea, non una società che gestisce aeroporti. Cosa, tra l'altro, chiarita da David O'Brien, numero due di Ryanair, nella sua conferenza stampa fatta a Crotone, quando un giornalista gli ha fatto proprio questa provocazione. Conosco Giuseppe dell'Aquila di persona - prosegue nel comunicato Turino - e so perfettamente che non è uno sprovveduto, per cui mi chiedo: cosa c'è dietro questa proposta? E perché il vice segretario provinciale del Pd esce con una proposta del genere, proprio quando una parte del suo partito, tra cui l'onorevole Nicodemo Oliverio, invece, cerca di difendere il nostro scalo mettendoci la faccia anche contro i ministri del governo che il Pd sostiene? Non vorrei - prospetta Turnio - che dietro questa proposta ci sia la risposta ai dubbi sollevati prima da me e poi ripreso coraggiosamente dalla consigliera comunale di Crotone, sempre del Pd, Michela Cortese. Non vorrei che dietro la proposta di Dell'Aquila, ci sia un tentativo del Partito democratico di deresponsabilizzarsi sulle sorti dell'infrastruttura aeroportuale crotonese. I topi abbandonano la nave prima del naufragio? Spero solo che i topi in questione - conclude -  stiano sbagliando le previsioni e che il nostro aeroporto sopravviva anche all'immobilismo politico della sinistra crotonese».