Lunedì, 10 Agosto 2020

 

PRIMO PIANO NEWS

Il commissario replica alla dirigente licenziata: «Falsa rappresentazione dei fatti»

Posted On Martedì, 09 Giugno 2020 13:05 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«Avrei preferito non dare seguito a dichiarazioni apparse recentemente sulla stampa, come è stato finora il mio stile e continuerà a verificarsi finché avrò l'onore di essere al servizio della comunità crotonese». È quanto scrive in una nota il commissario straordinario del Comune di Crotone, Tiziana Costantino.

«Tuttavia – prosegue –, poiché ritengo che i cittadini hanno diritto ad una informazione la più ampia e corretta, a presidio della vita democratica di una collettività, mi trovo costretta ad intervenire, per quel che riguarda alcune esternazioni che contengono distorsioni della realtà. L'amministrazione nell'irrogare la sanzione disciplinare nei confronti di un appartenente al Comune (Teresa Sperlì, ndr), ha agito nel pieno rispetto dell'ordinamento giuridico, a garanzia della legittimità dell'azione amministrativa, al fine di salvaguardare gli interessi di tutti: l'iter procedurale è stato condotto nel più assoluto rispetto dei fatti e degli atti e nel più assoluto rispetto delle norme».

«Appare, pertanto, contorto e deformante – commenta Costantino – il richiamo "a un utilizzo volutamente distorto e sottilmente mistificatorio delle norme" come se il richiamo fosse riferito al caso in esame. Il rimando, poi, a "pareri legali per i tanto discussi dirigenti comunali a contratto", di cui si parla nelle esternazioni e di cui non si sarebbe tenuto conto nel caso, è una chiara falsa rappresentazione dei fatti, in quanto quei pareri nulla, si ripete nulla, hanno a che vedere con il procedimento disciplinare in esame, come è a perfetta conoscenza del titolare di quelle affermazioni».

«Sono, inoltre, completamente inaderenti alla realtà – sottolinea Costantino – la presunta mancanza di terzietà e la presunta presenza di conflitto di interessi, come criteri di comportamento nell'interpretare i fatti e nell'applicare pienamente le norme. Mi permetto di ricordare ai cittadini, la legalità, la legittimità, la trasparenza e l'imparzialità con cui il Comune da me guidato sta svolgendo i propri compiti istituzionali, criteri che mi accompagnano in assoluto, a beneficio sempre della collettività crotonese. Auspico che non si ecceda alla normale dialettica e al civile confronto», conclude il commissario.