Sei qui: HomePRIMO PIANOIl Tribunale ha dichiarato il fallimento di Akros, al via il trasferimento del servizio di Rd ad Akrea

Il Tribunale ha dichiarato il fallimento di Akros, al via il trasferimento del servizio di Rd ad Akrea

Scritto da  Pubblicato in In primo piano Mercoledì, 27 Aprile 2016 08:51

Il Tribunale di Crotone ha decretato ieri il fallimento di Akros, la società misto pubblico-privata che si occupava del servizio di Raccolta differenziata. La dichiarazione di fallimento, in queste ore, sta per essere notificata ai diretti ineteressati. La conferma arriva anche da uno dei due commissari liquidatori Antonio Barberio che, al momento, non ha ricevuto la notifica del dispositivo depositato ieri dalla sezione fallimentare del Tribunale di Crotone. Il curatore fallimentare nominato sarebbe Luigi Labonia. «Non ho ancora ricevuto la notifica - ha spiegato Barberio - ma la notizia è certa. Del resto, avevamo chiesto noi di velocizzare la dichiarazione di fallimento in modo da accelerare il processo di concentramento dei servizi in un'unica azienda, ossia Akrea. Da oggi si velocizzerà tale processo» ha concluso l'ex presidente di Akros.

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Aprile 2016 09:05
Giuliano Carella

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

balestrieri gif

------------

effemme box 300x250------------

archivio storico crotone

------------

gabbiano box 300x250

 

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • DA 23 ANNI SUL TERRITORIO CROTONESE

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".